Zulte Waregem-Psv Eindhoven 0-3, non basta il cuore alla fine gli olandesi dilagano

CHAMPIONS LEAGUE – Zulte WaregemPSV, questa la prima partita in casa in Champions per i belgi, chiamati all’eroica impresa di recuperare 2 gol agli olandesi. Formazione ultra offensiva per i vice-campioni di Belgio, che schierano in avanti Hazard, Leye, Habibou e Contè in un inedito 4-2-4 con i soli Malanda e Skullason a giocare a centrocampo, mentre gli olandesi del PSV si schierano con il 4-3-3 con la voglia di giocarsi anche questa partita, anche se  basterebbe un pareggio a reti inviolate o perdere con un gol di scarto per passare il turno; nel tridente offensivo in campo Matavz, Depay e Bakkali supportato da un certo Meher a centrocampo.

L’atmosfera allo stadio è elettrica e in campo i giocatori mostrano fin da subito la voglia di ribaltare un risultato e compiere qualcosa di storico: l’inizio è incoraggiante con Habibou che va vicino al gol, ma il suo tiro viene rimpallato dalla difesa avversaria. Il ritmo con il passare dei minuti cala, i padroni di casa non riescono a trovare lo spunto giusto per trovare il gol, mentre il PSV ad inizio di secondo tempo, trova l’episodio che cambia la partita: rigore ed espulsione a Colpaert, il tiro dal dischetto viene realizzato da Matavz e la partita viene praticamente chiusa al 57′. Da lì per gli olandesi diventa tutto più facile, arriva il gol di Bakkali e la sfortunata autorete di Godeau per il tris finale che li porta al turno successivo, dove potrebbero essere un’avversaria del Milan.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.