Chi è Sir Jim Ratcliffe, l’alchimista che ha comprato il 25% del Manchester United per 1,3 miliardi di euro

jim ratcliffe

Una telefonata ha cambiato il suo destino e lo ha reso miliardario. Jim Ratcliffe (Failsworth, Regno Unito, 71 anni) era seduto su una roccia nella primavera del 2005, circondato da cervi, nell’area montuosa scozzese di Glen Nevis, quando il suo cellulare ha iniziato a squillare. Il direttore finanziario di BP voleva fargli una proposta. Se Ineos avesse messo sul tavolo 9 miliardi di dollari, il settore petrolchimico della gigantesca azienda energetica sarebbe diventato suo. Ha accettato immediatamente. L’accordo triplicava le dimensioni dell’azienda che Ratcliffe aveva fondato nel 1998 insieme a due altri soci, Andy Currie e John Reece. “È stato tutto surreale. Al dirigente di BP non ho detto che ero appena sceso dalla bicicletta e che ero coperto di fango e merda”, racconta l’imprenditore nella sua autobiografia intitolata “The Alchemists” (Gli alchimisti).

La storia di Ratcliffe

Polemista, negoziatore implacabile, allergico alle tasse, cavaliere (Sir) della regina Elisabetta II e fervente sostenitore della Brexit, Ratcliffe si è appena fatto un regalo di Natale molto mediatico. Alla vigilia di Natale, e dopo mesi di trattative, ha chiuso l’accordo per acquistare il 25% del Manchester United dalla famiglia Glazer, uno dei club di calcio con più tifosi al mondo. Ha vinto la corsa a due contro l’altro pretendente, lo sceicco qatariota Jessim bin Hamad Al Thani, sborsando 1.300 milioni di dollari. L’accordo gli darà due posti nel consiglio di amministrazione del club e gli consentirà di prendere in mano le operazioni sportive. Inoltre, Ratcliffe investirà altri 300 milioni per migliorare lo stadio, l’iconico Old Trafford. “Come sostenitore di lunga data del club, sono molto felice di aver raggiunto un accordo“, ha dichiarato in un comunicato pubblicato sul sito ufficiale del club. L’imprenditore, ora orgoglioso sostenitore dei Diavoli Rossi, ha fallito l’anno scorso nel tentativo di acquistare il Chelsea, uno dei suoi grandi rivali.

Ratcliffe è la seconda persona più ricca del Regno Unito, a breve distanza dal re delle aspirapolveri, James Dyson, con un patrimonio valutato in 19.400 milioni di euro, secondo Bloomberg. Tuttavia, le sue origini sono molto più umili. È nato nell’area metropolitana di Manchester e ha vissuto in una casa popolare durante la sua infanzia. Si è laureato in ingegneria petrolchimica e i suoi primi lavori erano legati all’energia e alle finanze. A 40 anni ha cambiato radicalmente la sua carriera, ha ipotecato la sua casa e ha creato la sua prima azienda. Poi è arrivato il lancio di Ineos, che all’inizio era un vero e proprio predatore. L’azienda è cresciuta acquisendo gli asset che le giganti dell’energia stavano mettendo all’asta durante una ristrutturazione. Nei primi 10 anni di vita, ha acquisito 20 società, tra cui BP, Basf o SCI, tra le altre. Attualmente, Ineos è un polipo con molteplici interessi, con un fatturato (dati del 2022) vicino a 65 miliardi di euro (compresi i ricavi derivanti dalle sue partecipazioni in diverse joint venture) e 26.000 dipendenti.

Un personaggio controverso

Ratcliffe ha due passioni. La prima è lo sport: corre maratone, fa escursioni in mountain bike e ha effettuato spedizioni sia al Polo Nord che al Polo Sud. La seconda è generare polemiche. La scorsa estate ha dichiarato che la politica energetica del Regno Unito era “spazzatura”. È molto critico nei confronti del governo britannico per aver vietato il fracking “ignorando la comunità scientifica” e per scoraggiare gli investimenti di compagnie petrolifere e gasifere nel Mare del Nord con le tasse sull’estrazione.

Il rapporto di Ratcliffe con le tasse ha sollevato più di una polemica. Nel 2010, Ineos ha trasferito la sua sede dal Regno Unito a Losanna per risparmiare sulle imposte. La società è tornata nel Regno Unito nel 2016, ma molte delle sue filiali hanno ancora sede in Svizzera, secondo quanto riportato dal Financial Times. Inoltre, nel 2019, l’imprenditore ha trasferito la sua residenza fiscale a Montecarlo. Ha giustificato questa decisione spiegando che l’aveva presa a 65 anni e che quindi aveva pagato quasi tutta la sua vita le tasse nel Regno Unito. Reticente con la stampa, ha rilasciato poche interviste, e il suo stile di vita è sobrio. Il suo marchio di fabbrica è ridurre i costi a ogni costo per migliorare l’efficienza. Nel 2013 ha affrontato una disputa sindacale nel complesso di Ineos a Grangemouth (Scozia). Ha minacciato di chiudere l’impianto petrolchimico e licenziare i suoi 800 dipendenti. Alla fine ha vinto la battaglia contro uno dei sindacati più combattivi del paese.

Ratcliffe, che detiene ancora il 60% delle azioni di Ineos, ha negli ultimi anni diversificato l’azienda. La maggior parte del flusso di cassa proviene ancora dal settore petrolchimico, ma il gruppo ha anche una divisione di consumo che include il marchio di abbigliamento Belstaff e il suo progetto automobilistico con il Grenadier 4×4, una versione moderna dell’iconica Range Rover, come suo fiore all’occhiello. L’altra via di crescita di Ineos è nello sport. Da anni il gruppo ha uno dei migliori team ciclistici del mondo, è interessato al mondo del rugby e della vela, è uno degli azionisti del team di Formula 1 Mercedes-AMG Petronas e è proprietario di club di calcio come il Losanna e il Nizza.

Abituato a avere successo in quasi tutto ciò che fa, Ratcliffe si assume ora la sfida di riportare lo splendore al Manchester United. Il club, in cui hanno giocato stelle come Bobby Charlton, George Best, Ryan Giggs o Cristiano Ronaldo, sta attraversando una lunga crisi testimoniata dai pochi titoli e dalle grosse difficoltà dal punto di vista della gestione sportiva, tanto che l’ultima Premier League risale al 2013. Il vuoto lasciato da Alex Ferguson quando si è ritirato come allenatore non è ancora stato colmato nonostante le spese accumulate per gli acquisti dal quel momento. Questo periodo negativo sul campo, tuttavia, non si è riflettuto nei bilanci. Il Manchester United è il quarto club al mondo per entrate (688 milioni di euro) e la sua capitalizzazione rimane solida. I Glazer hanno acquistato il club per 800 milioni nel 2005 e ora il suo valore in Borsa è di 3,379 miliardi. Ora è il turno dell’alchimista: deve trasformare i numeri in gol.

About Alfonso Alfano 1808 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.