Arsenal-Crystal Palace 2-0: i Gunners tornano in testa

PREMIER LEAGUE ARSENAL CRYSTAL PALACE – Non avrà piedi fini a sua disposizione, ma Tony Pulis sa come ottenere il massimo dai propri uomini. Davvero complicati i primi venti minuti per l‘Arsenal, che fino a questo momento ha avuto la meglio in tutti i derby londinesi. Speroni è bravo alla mezz’ora, una punizione non deviata da nessuno diventa insidiosa e il portiere degli Eagles deve metterci una pezza. Bravo come al solito, l’argentino è ormai idolo dei tifosi. Poco dopo, proprio dopo un contatto con il numero uno rossoblù, Sagna ha la peggio ma può proseguire senza impaccio. I Gunners non possono rilassarsi perché gli ospiti sono messi in campo bene, Jedinak mena come un fabbro e al minuto 41 riesce a ottenere l’ammonizione a lungo cercata. Sul finale di primo tempo i biancorossi intensificano la spinta ma in mezzo c’è traffico, le maglie della difesa sono compatte e vanno aperte. Forse un po’ cocciuta la manovra gunner, comunque ordinata, non va meglio su palla inattiva e si torna negli spogliatoi a reti inviolate.

Arsenal impantanato nella prima frazione di gioco, sprint immediato e le ruote escono dal fango. Ottima palla di Cazorla che vede il taglio di Oxlade-Chamberlain, prima disattenzione del Palace e Gunners avanti. Eppure gli ospiti non si perdono d’animo e Jerome, imbeccato dall’ex di giornata Chamack, da ottima posizione impegna Szczesny. Manca il killer instict all’ex Stoke City, Pulis lo sostituisce con Bannan. Chamack lavora bene, il Crystal Palace continua a creare problemi, l’Arsenal cerca di gestire la sfera e manda in campo un altro palleggiatore, Rosicky, fuori un buon Podolski. Proprio nel momento più complicato l’Arsenal trova il raddoppio, ancora Oxlade-Chamberlain ma stavolta Speroni non fa il suo dovere, la conclusione era abbondantemente alla portata. Nessun problema ora per i Gunners, eccezion fatta per la capocciata tra Oxlade-Chamberlain e Rosicky, che ora si ritrovano in vietta alla classifica. Wenger esce da questa gara con il bottino pieno, Pulis fa una bella figura e i segnali fanno ben sperare.

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.