Zenit-Malaga 2-2: russi in rimonta, spagnoli primi nel girone

Zenit-Malaga parte subito forte, gli ospiti vanno subito avanti con Buonanotte, bravo a sfruttare la palla in mezzo di Seba. Inizio shock per i russi, neppure il tempo di riorganizzare le idee che gli spagnoli raddoppiano. Due minuti dopo il primo gol, è Seba a raddoppiare. Pessima la difesa dello Zenit, Malafeev imbarazzante. I padroni di casa vorrebbero ripartire, ma l’uno-due appena subito è di quelli in grado di stendere un toro. Gli spagnoli evidenziano un ottimo stato di forma, molti pericoli partono dalla fascia destra e si sente l’assenza di Criscito tra gli uomini di Spalletti. Il primo tempo si chiude così, i russi fanno possesso ma non riescono a capitalizzare, il Malaga delle seconde linee è in controllo.

Nella ripresa la musica cambia e si sente subito, quattro minuti dal ritorno in campo e Danny batte Willy all’angolino sinistro. Gara riaperta e ora sono i padroni di casa a fare la partita. Con il passare dei minuti il Malaga riordina le idee e riinizia a fare gioco e si fa rivedere in avanti con Buonanotte, ma è lo Zenit a spingere. Il 2-2 arriva a quattro minuti dal 90′, ci pensa Fayzulin a rimediare un clamoroso errore di Danny ad un passo dalla porta e a mettere in fondo al sacco di sinistro. Finale caldissimo, l’autore del pari ci prova ancora con una cannonata che impegna Caballero, Buonanotte fallisce il match-ball e Bystrov si fa espellere sul fischio finale. Spagnoli primi del gruppo C, stasera al Milan basterà battere l’Anderlecht per proseguire in Champions League.

COPY CODE SNIPPET
About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.