SAFF Suzuki Cup, India-Nepal 4-1: le Blue Tigers scoprono il giovane Chhangte Lallianzuala e accedono in semifinale

Nell’ultima giornata del girone a tre squadre della SAFF Suzuki Cup, l’India batte il Nepal in rimonta per 4-1 grazie a Borges e Chetri, ma soprattutto al giovanissimo Chhangte Lallianzuala, autore di una doppietta. A seguito di tale risultato, sono i padroni di casa e lo Sri Lanka ad accedere al turno successivo, mentre finisce prematuramente l’avventura del Nepal, che chiude con due sconfitte.

I padroni di casa rimescolano le carte in tavola nell’undici iniziale con cinque cambi, dove spicca l’assenza di Robin Singh, autore di una doppietta allo Sri Lanka nell’ultima partita, è stato costretto ad abbandonare il terreno di gioco dopo aver segnato il secondo gol.
La partita si apre sorprendentemente con il gol del Nepal, sul tiro dalla distanza di Sheresta, il portiere dell’India respinge inizialmente la conclusione, la sfera rotola fra i piedi di Bimal Magar che segna a porta vuota. Contro ogni pronostico l’India è in svantaggio, ma questo non cambia il copione della partita. Le Blue Tiger sono decisamente una compagine più organizzata e la reazione dopo aver subito il gol in apertura, è da vera squadra. L’India amministra il gioco sviluppandolo prevalentemente sulle fasce, mentre il Nepal decide di arroccarsi nella propria metà campo, a difendere un vantaggio che gli consentirebbe di scavalcare lo Sri Lanka in classifica. L’India va vicina al pareggio con Chetri, l’attaccante raccoglie un cross dalla fascia di Pradhan, ma sul controllo iniziale, poco prima di andare al tiro, interviene un difensore che sventa l’occasione.
Il gol del pareggio nasce da un calcio piazzato: Das batte un calcio di punizione in area dalla sinistra, sulla sfera arriva per primo Borges che riequilibra il punteggio al 26′.
Nonostante il gol, non cambia l’atteggiamento dei nepalesi, che continuano a asciare l’iniziativa del gioco completamente nelle mani dell’India, senza nemmeno imbastire una ripartenza, per certi versi la partita per i padroni di casa è identica a quella giocata contro lo Sri Lanka.

Anche l’inizio della seconda frazione si apre con una fiammata del Nepal: sul cross in area di Bisht, il difensore Augustine è totalmente fuori posizione, questo permette a Nawayug di andare al tiro da posizione ravvicinata, ma il portiere Paul, con un grande riflesso, fa suo il pallone. L’inerzia della partita è cambiata, ora il Nepal attacca con grande rapidità, mettendo in evidenza i limiti della retroguardia indiana; Paul è costretto ad un altro grande intervento sul tiro di Hema Gurung. Il gol del vantaggio dell’India arriva nel momento migliore del Nepal, e come ogni occasione costruita dai Blu Tigers, anche questa nasce da un cross. Il suggerimento vincente è di Narzary, la sfera è indirizzata a Chetri, che prima la controlla, poi la scaglia in rete. Il Nepal non si da per vinto e prova a reagire sbilanciandosi ulteriormente in avanti, lasciando scoperti spazi nei quali si gettano i velocisti indiani. E’ il momento del giovanissimo Lallianzuala, subentrato nel secondo tempo, il quale grazie ai due gol segnati negli ultimi dieci minuti diventerà il più giovane giocatore indiano ad aver segnato una doppietta. La prima rete è una prodezza balistica da posizione defilata che si infila sotto l’incrocio del secondo palo. Il gol del 4-1 giunge al 90′ ed è propiziato da Borges, il quale vede il taglio di Lallianzuala alle spalle della difesa, e lo serve con un pallonetto. Il giovane attaccante giunge sulla sfera e con un colpo di testa chiude definitivamente la partita.

L’India chiude il girone a punteggio pieno, con sei gol segnati e uno solo subito, dando prova di poter spodestare l’Afghanistan dal trono della Suzuki Cup. Le Blue Tigers dovranno fare a meno dell’attaccane Robin Singh, ma la rivelazione Chhangte Lallianzuala può essere il crack di questo torneo.

INDIA-NEPAL 4-1 (3′ Magar, 26′ Borges, 68′ Sunil Chhetri, 81′, 90′ Chhangte Lallianzuala)

INDIA: Subrata Paul(GK); Pritam Kotal, Aiborlang Khongjee, Augustine Fernandes, Narayan Das; Eugeneson Lyngdoh, Rowlin Borges; Sanju Pradhan, Sunil Chhetri (C), Bikash Jairu; Holicharan Narzary.

NEPAL:  Maharjan (C), Aditya Chaudhary, Rai, Bista, H. Gurung, Limbu, N. Shrestha, Karki, Dhimal, Magar, Chand.

About Nicholas Gineprini 544 Articoli
Sono nato a Urbino il 2 maggio 1991. Nel luglio 2015 ho conseguito la laurea in Chimica e tecnologie farmaceutiche. Mi occupo di giornalismo sportivo con un'attenzione particolare al lato economico e allo sviluppo del calcio in Cina, che approfondisco nel mio Blog Calcio Cina. Nel febbraio 2016 ho pubblicato il mio primo libro: IL SOGNO CINESE, STORIA ED ECONOMIA DEL CALCIO IN CINA, il primo volume, perlomeno in Europa a trattare questo argomento. Scrivo anche di saggistica (sovversiva) per kultural.eu

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.