Europa League: è un Napoli da record!

napoli

Bel gioco, risultati e consensi a 360°: il Napoli di Sarri piace proprio a tutti. Se in campionato, complice la sconfitta nel lunch-match di domenica scorsa contro il Bologna, i partenopei hanno momentaneamente perso la vetta dalla classifica, in Europa League la squadra si è subito ritrovata, demolendo – nonostante l’aritmetica certezza del primo posto già acquisita da tempo – il malcapitato Legia Varvasia, estromesso dalla manifestazione a causa della sconfitta (5-2) accusata al San Paolo.

Un cammino, quello del Napoli in Europa League, davvero scoppiettante. E a testimoniarlo, al di là delle prove convincenti offerte dagli uomini di Sarri, sono i numeri, elemento difficilmente contestabile nel mondo del calcio. I campani, infatti, hanno vinto tutte le sei partite del Gruppo D, chiudendo a 18 punti, con ben 11 punti di vantaggio sui danesi del Midtjylland, compagine che ha ottenuto il pass per i sedicesimi da seconda della classe. A dar maggior sostanza alla bontà del cammino partenopeo ci sono anche i 22 goal realizzati (una media superiore ai 3 goal a partita) e i soli tre subiti (0,5 a partita).

Numeri che rappresentano un vero e proprio record: mai nessuno prima d’ora, infatti, aveva fatto registrare un rendimento simile nella fase a gironi dell’Europa League. Se altre sei squadre possono vantarsi il merito di aver vinto tutti i match della prima fase, nessuna può fregiarsi della differenza reti del Napoli: +19. Il precedente record apparteneva al CSKA Mosca, che, nella stagione 2010/2011, chiuse a punteggio pieno il proprio raggruppamento con un +15 in differenza reti. I partenopei, quindi, hanno nettamente migliorato quanto fatto dai moscoviti. Ma quel CSKA, dopo aver agguantato i sedicesimi in carrozza, venne eliminato immediatamente dalla fase ad eliminazione diretta per mano del Porto. E a Napoli, terra notoriamente molto superstiziosa, sono autorizzati a fare tutti gli scongiuri del caso: questa squadra, guidata in panchina da un tecnico capace come Sarri, merita lunga vita europea.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.