Manchester City a ranghi ridotti contro lo Stoke: le dichiarazioni di Pellegrini

manchester city

Riagguantata la vetta della classifica grazie al successo interno contro il Southampton (3-1), il Manchester City si appresta a vivere la trasferta di Stoke (domani, anticipo delle 13,45) in uno stato di grande apprensione. Manuel Pellegrini, tecnico dei Citizens, deve fare i conti con un’infermeria decisamente affollata, che lo priverà di ben sei calciatori oltre allo squalificato Mangala: Yaya Tourè (ultimo aggiuntosi alla lista per problemi muscolari), Sergio Aguero, Vincent Kompany, Samir Nasri, Pablo Zabaleta e Patrick Roberts.

Il tecnico cileno, però, può sorridere per il rientro di Joe Hart, che tornerà nella lista dei disponibili, ma il cui impiego, a Stoke, resta ancora in dubbio:”Hart ha lavorato negli ultimi giorni senza alcun problema – ha dichiarato l’allenatore del Manchester Citye quindi farà parte della lista dei convocati. Domani valuteremo se schierarlo titolare o farlo accomodare in panchina”. Pellegrini, però, non si lamenta per le numerose assenze:”Abbiamo parecchie defezioni, ma ho una rosa profonda in grado di far fronte ad eventuali assenze. Noi, per vari motivi, abbiamo mediamente sei giocatori fuori ogni partita, ma nonostante ciò siamo al primo posto in Premier, abbiamo raggiunto gli ottavi di Champions e la semifinale di Coppa di Lega“.

Sui singoli, invece, Pellegrini si augura di recuperare El Kun in vista dell’impegno di Champions League contro il Borussia M’Gladbach:“Aguero è ancora alle prese con l’infortunio al tallone: per domani non dovrebbe farcela, spero di averlo a disposizione martedì. Navas e Fernando, invece, non hanno alcun problema e prenderanno parte alla trasferta di Stoke. Penso che per un manager sia importante avere l’undici base una volta trovata la quadratura del cerchio, ma mi rendo conto che ciò è impossibile vista la mole di partite che stiamo giocando. Noi dobbiamo mantenere inalterato il nostro stile di gioco indipendentemente da chi scende in campo“.

Un ultimo pensiero, infine, per il tour de force che attende il Manchester City nei prossimi due mesi:”Penso che i mesi di dicembre e gennaio siano quelli più critici per il nostro cammino in Premier League: in concomitanza delle festività natalizie, si giocheranno tante partite; inoltre, inizierà la FA Cup e disputeremo anche la semifinale di Coppa di Lega. Sia chiaro: noi vogliamo essere competitivi su tutti i fronti, ma non pensiamo di vincere tutte le quattro manifestazioni, affrontiamo le gare turno per turno senza porci limiti. Sarebbe decisamente importante – ha concluso Pellegrini – trovarci in testa alla Premier League prima della ripresa della Champions League, che intaserà ulteriormente il nostro calendario“.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.