Coppa di Russia – Zenit avanti ai supplementari. Sorpresa Rubin: eliminato a Khabarovsk

Coppa di Russia che entra nel vivo del suo svolgimento, con il quinto turno preliminare che vede le sedici squadre di Russian Premier League entrare in gioco. Teste di serie, tutte le squadre della massima divisione avrebbero affrontato, in trasferta, le sedici superstiti dei primi turni preliminari.

Poche, prevedibilmente, sono state le sorprese. Sicuramente degne di note sono state le prove di Baykal (seconda divisione) e Volga Tver (terza divisione), capaci di portare ai supplementari le riserve – e anche diversi titolari – rispettivamente di CSKA Mosca e Zenit prima di capitolare 2-1 e 3-0 (con tripletta di Tkachuk per il club allenato da Villas Boas). Eliminazione scampata da loro, ma non – sorprendentemente – altre tre squadre di RPL. La matricola terribile della competizione è il Khimki, squadra di terza divisione dell’hinterland moscovita che vince 1-0 contro il Mordovia e si regala un ottavo di finale contro i ceceni del Terek Grozny (vittorioso 2-0 contro il Nosta).

Crolla anche il Rostov a Tosno per 1-0, contro una squadra costruita per dominare la serie cadetta ma che si ritrova – dopo un avvio terribilmente complicato ed un cambio in panchina che non ha portato alcun beneficio – in piena zona retrocessione. Brutto anche il KO del Rubin Kazan, che in Estremo Oriente perde 2-0 contro lo SKA Energiya Khabarovsk, punito da un colpo di testa di Popov e dal sigillo di Bazelyuk, giovane centravanti in prestito al Lenin Stadium dal CSKA.

Passano con qualche problema in più del previsto il Krylya Sovetov (3-2 sul campo del Tambov), Lokomotiv Mosca (1-0 ad Armavir contro la Torpedo allenata da Karpin), Kuban (2-1 con lo Shinnik), Krasnodar (1-0 allo Zenit Izhevsk, formazione di terza serie), Ural (2-1 in rimonta ai siberiani dello Yenisey) e Dinamo Mosca (2-0 più sofferto del previsto alla Lokomotiv Liski). Tutto facile invece per l’Amkar Perm, che sbanca 2-0 Nalchik, per l’Ufa, che rifila un secco poker al Sazhno Yuzhno-Sakhalinsk, squadra di una bellissima città sul mar del Giappone (per saperne di più clicca qui) e soprattutto lo Spartak Mosca, che dilaga per 7-0 in quel di Nizhny Novgorod contro il Volga.

About Matteo Mongelli 153 Articoli
Classe '94, piemontese di nascita, tra un esame universitario e l'altro segue il calcio alle temperature più improbabili, dalla Scandinavia alla vecchia terra degli Zar. Russofilo e (a breve) russofono, sogna di diventare direttore sportivo e di vivere a San Pietroburgo. Guai a disturbarlo quando gioca il Krasnodar: potrebbe uccidere.
Contact: Twitter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.