Monaco-Lille 0-0: Jardim perde due punti e… Due pezzi. A Valencia in emergenza

Monaco Lille Kurzawa

Non un granché la prima in campionato del Monaco davanti al proprio popolo, un pari a reti bianche che vale come una brusca frenata nella corsa verso le vette più alte. Ma la stagione è appena iniziata e il Lille era avversario rognoso, non è certo il caso di fasciarsi la testa. Qualche cerottino però i biancorossi se lo ritrovano all’uscita dal Louis II… Ma andiamo con ordine. L’attacco di Jardim, molto ispirato nelle ultime uscite, riscopre i vizi del passato e non riesce a superare la guardia dei Mastini, forse un po’ di testa era già al preliminare Champions di mercoledì: il Valencia è nemico del quale aver paura. Gara equilibrata, quella di stasera, con il Monaco a fare il ritmo nella prima parte e gli ospiti a fare meglio nella ripresa.

Il primo tempo, come abbiamo detto, è tutto di marca monegasca. Si vede la squadra aggressiva che vuole il tecnico lusitano, Bernardo Silva ci prova di testa pochi secondi dopo il fischio d’inizio. Bravo Enyeama al quarto d’ora nel dire no a Dirar, prima della sosta c’è pure il tentativo di Moutinho su punizione: anche in questo caso il portiere del Lille è sensazionale. Bravissimo pure Cavaleiro, che dalla sua ha freschezza e una consapevolezza tecnica crescente. Non gli mancano aspetti da limare, ma a 22 anni da compiere ci sembra lecito. El Shaarawy invece non è ancora al top, Jardim lo fa partire dalla panchina, il suo match inizia al minuto 57 quando è chiamato a rilevare Carrillo.

Il secondo tempo va come il Monaco non vorrebbe, si fanno male Kurzawa e Moutinho. “Aspettiamo gli esami e vediamo” ha detto Jardim nel dopo-partita, verosimile che i due non siano disponibili contro il Valencia e parliamo di pedine fondamentali. Subasic si salva di piede su Guillame, il Monaco tenta ancora la fortuna con il Faraone e con Carvalho, che sulla sua strada trova ancora Enyeama. Civelli e Meité fanno tremare i padroni di casa prima del triplice fischio, la sconfitta sarebbe stata una punizione troppo severa. Jardim è stato obbligato a cambi tattici in corsa causa infortuni, Raggi multiuso è finito a fare il terzino sulla mancina. Anche stasera l’ex Bologna si è guadagnato la dose di applausi.

Molto bene i portieri, qualcosa in più ci aspettiamo invece da Silva, Martial e Carrillo. Renard è felice per il punto guadagnato su un campo difficile ma anche i Dogues devono fare i conti con un infortunio, quello di Sébastien Corchia, uscito dopo mezz’ora con un timpano perforato, come ha dichiarato lo stesso allenatore ai microfoni dei cronisti.

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.