Soto-Mainz, nuovo contratto dopo l’infortunio

Soto

Soto-Mainz, nuovo contratto dopo l’infortunio – Il centrocampista colombiano del Mainz ha ricevuto la garanzia per un altro anno di contratto dopo il gravissimo infortunio subito nella partita di sabato scorso contro l’Amburgo. Gran dimostrazione di riconoscenza, affetto e professionalità della società tedesca.

Elkin Soto sarebbe dovuto tornare in patria, in Colombia, alla fine di questa stagione per disputare gli ultimi sgoccioli di una lunga carriera. Il Mainz e il calciatore erano già d’accordo per non rinnovare il contratto in scadenza a giugno. Purtroppo, il grave infortunio patito settimana scorsa – rottura del legamento crociato anteriore, del legamento collaterale mediale e del menisco – ha rovinato i piani di Soto ma la lieta sorpresa è arrivata immediatamente attraverso le parole del direttore sportivo del club Christian Heidel che ha assicurato che “Inizialmente Soto sarebbe dovuto ritornare a casa sua ma ora gli offriremo un nuovo contratto annuale affinché possa ristabilirsi completamente dall’infortunio. Non appena Elkin verrà operato potrà firmare il contratto.”

Il valore della riconoscenza

Per Elkin Soto quello ancora in corso è l’ottavo anno con la maglia dei Nullfünfer, dato che certifica la sua esperienza e importanza per il club biancorosso. Dopo l’infortunio, la società non ha esitato un attimo nell’offrire al povero giocatore un anno in più di contratto per permettergli di recuperare la piena forma con calma e nelle strutture societarie. Questa è la dimostrazione di come, per fortuna, a volte lo sport (il calcio in questo caso) riesca a esprimere veri valori umani come il rispetto, la stima e la riconoscenza.

Foto: fonte theguardian.com

About Alex Alija Cizmic 234 Articoli
21enne perennemente indeciso sulla strada da seguire. Marchigiano di origini bosniache e innamorato del Sudamerica, amo definirmi cittadino del mondo. Da poco ho conosciuto la passione per il giornalismo calcistico che mi ha folgorato... Sudamerica es mi pasión, Argentina es mi nación!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.