Real Madrid-Almeria 3-0: James Rodriguez e CR7 al top, Juve attenta a quei due!

Real Madrid-Almeria 3-0

REAL MADRID-ALMERIA 3-0 – Il Real Madrid di Carlo Ancelotti vince contro l’Almeria con un rotondo 3-0, risponde al Barcellona (vittorioso ieri sul Getafe e a +5 sulle merengues prima di questa sera) e manda chiari segnali alla Juventus, prossima avversaria martedì in Champions. Segnali non del tutto positivi, però. Perchè il Real soffre più di quanto ci si aspettasse e ha bisogno dei guizzi vincenti dei suoi campioni per avere la meglio di un Almeria volenteroso.

Ancelotti schiera ancora Hernandez in attacco, la punta messicana é apparsa la più in forma nelle ultime partite e ha ritrovato finalmente la fiducia di allenatore e compagni.
Le assenze degli infortunati Bale, Benzema, Modric e degli squalificati Sergio Ramos e Carvajal si fanno sentire, eppure nei primi 10 minuti il Real sembra in una di quelle serate dove la goleada é assicurata: prima James Rodriguez ci prova di testa sfiorando il palo, poi é la volta di Cristiano Ronaldo ad andare vicino al gol ma il portoghese impatta sul portiere avversario; due minuti più tardi ci prova anche Coentrao, ed é ancora il portiere Ruben a dover mettere una pezza.

Unico break degli ospiti intorno al 15′ con un tiro di Manè, troppo poco insidioso, però, per impensierire Navas.
Dopo l’avvio sprint la pressione madrilena si allenta, il merito é degli avversari che prendono le misure e chiudono bene tutti gli spazi. I padroni di casa, quindi,  ci provano sui calci piazzati, al 27′ punizione magistrale di Cristiano Ronaldo col pallone che accarezza l’incrocio dei pali prima di spegnersi sul fondo.
La partita si addormenta, i cosiddetti galacticos faticano a creare e il Bernabeu, da sempre stadio molto esigente, non la prende benissimo. Ci vorrebbe la giocata di un singolo per sbloccare la gara e allora, a un passo dal duplice fischio, James Rodriguez sale in cattedra e con un tiro al volo da 25 metri abbatte porta e avversari. Vantaggio madrileno in un primo tempo complicato. La rete allo scadere addolcisce il thè negli spogliatoi, ma Carletto Ancelotti non é sembrato così sereno e probabilmente si sarà fatto sentire dai suoi.

La ripresa, infatti, si apre con un Real Madrid più cattivo. E al 49′, Cristiano Ronaldo raddoppia su assist delizioso di Toni Kroos. Qualche timido accenno di reazione da parte degli ospiti, ma le merengues tengono il campo in attesa di affondare il colpo, mentre Ancelotti pensa alla Champions League e fa rifiatare James Rodriguez inserendo Isco al suo posto. I padroni di casa provano in tutti i modi ad arrotondare il risultato, Varane di testa da calcio d’angolo sfiora il palo alla destra di Ruben.

Al 28′ é la volta di Hernandez, ma il messicano sciupa tutto da pochi passi calciando a lato.
Forse non é serata di gol e allora, al 39′, il Chicarito decide di mettersi a servizio dei compagni confezioando un  cioccolatino per Arbeloa, che deve solo spingerla in rete per la terza rete Merengues. 3-0 a cinque minuti dalla fine: l’Almeria va al tappeto.
Il messicano sta bene e fino alla fine cerca la soddisfazione personale, stasera, però,  l’ex United  è poco fortunato sotto porta. Vani anche gli ultimi assalti di Isco e CR7.  Poco importa, la partita termina e i mugugni del primo tempo diventano sorrisi al Bernabeu.

Liga riaperta e Barcellona di nuovo a due soli punti di distanza. Difesa di ferro e ripartenze in contropiede, ecco il Real Madrid all’italiana di cui parlava tanto Carlo Ancelotti. La Champions League é la coppa delle merengues, Juventus avvisata.

About Giuseppe Romano 122 Articoli
Amante e vero appassionato di calcio, tifosissimo e "super esperto" dell'Inter, amo anche il calcio inglese dove ho un debole per il Liverpool e per lo Special One! You'll Never Walk Alone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.