Siviglia-Barcellona 2-2: cuore andaluso, Gameiro riapre la Liga

Siviglia-Barcellona 2-2

SIVIGLIA-BARCELLONA 2-2. E’ Kevin Gameiro l’uomo della Liga. Non Messi, non Neymar; l’attaccante francese piazza la zampata finale che permette al Siviglia di completare la rimonta contro il Barcellona e al Real Madrid di dimezzare lo svantaggio in classifica sui blaugrana: a sette giornate dalla fine le due corazzate sono divise da sei punti in classifica, il calendario torna a farsi equilibrato. Era infatti probabilmente questa la “Cima Coppi” del Barça nel finale di stagione: gli uomini di Luis Enrique hanno avuto la concreta occasione di piazzare la zampata decisiva, ma l’imprecisione di Suarez sotto porta e la sbadataggine di Piqué nel finale hanno vanificato le magie di Messi e Neymar.

Il Siviglia di Emery, così, mantiene l’imbattibilità casalinga e rafforza sia la sua candidatura a uno dei primi quattro posti in classifica, sia alla vittoria dell’Europa League. Emery è lui stesso in un momento di grazia: l’ex Valencia indovina praticamente tutti i cambi e col tempo è cresciuto anche in personalità: merita una chance in una big di livello mondiale. Per contro, dopo 19 vittorie in 20 partite dall’inizio di gennaio, frena il Barça: c’è da scommettere che domani si parlerà tanto della reazione di Neymar al cambio con Xavi al minuto 73. Il brasiliano ha manifestato il suo dissenso palesemente, riportando alla luce le presunte difficoltà di Luis Enrique di gestire questo gruppo che, tra l’altro, potevano costargli il posto dopo la sconfitta di San Sebastian con la Real Sociedad.

La partita è stata bellissima, da subito, e ha mantenuto tutte le enormi attese della vigilia. E i singoli sono risultati decisivi nel bene e nel male. Bellissimo il sinistro a giro di Messi, tanto semplice nella dinamica quanto geniale nella teoria, altrettanto pregevole la punizione che Neymar infila nel “sette” della porta difesa da Sergio Rico. Ma il tridente è rimasto spuntato a causa della serataccia di Luis Suarez, sprecone in almeno due clamorose occasioni, prima sullo 0-2 poi sull’1-2. Ci ha poi pensato la mezza papera di Bravo sul destro di Banega, il disimpegno sbagliato di Piqué in occasione del pareggio, e la grandissima giocata di Reyes sempre in quel frangente per riequilibrare le sorti di un match che sembrava segnato dopo mezz’ora. La più bella di questa stagione blaugrana, pari forse solo al primo tempo giocato all’Etihad contro il Manchester City. E’ la Liga, emozionante e stracolma di talento.

IL FILM DI SIVIGLIA-BARCELLONA 2-2

14′ Messi porta in vantaggio il Barcellona: Neymar lo serve sulla destra, l’argentino fa fuori facilmente Tremoulinas e fa secco Sergio Rico con un meraviglioso sinistro a giro
30′ Punizione perfetta di Neymar che regala il raddoppio agli ospiti: pallone nel “sette” alla destra di Rico, golazo del brasiliano, al 18esimo gol stagionale.
33′ Suarez, dopo una triangolazione con Neymar, spreca il gol del k.o.: alle stelle la conclusione di sinistro a tu per tu col portiere avversario.
38′ Accorcia il Siviglia: Banega sorprende Bravo con una potente conclusione dai 25 metri. Il portiere cileno, comunque, arriva bene sul pallone ma non devia con la necessaria forza in angolo.
39′ Incredibile Siviglia, subito vicino al 2-2: ancora Banega ha l’occasione per battere da posizione favorevole, al momento della conclusione è contrastato efficacemente da…Messi.
52′ Altro clamoroso errore di Suarez: Sergio Rico respinge la conclusione di Iniesta, l’uruguaiano spara alto praticamente a porta sguarnita
55′ Stavolta è Bacca a sprecare: il colombiano si libera di Mathieu all’altezza del dischetto ma sbaglia nettamente il destro a giro sul secondo palo
83′ Pareggio del Siviglia: Piqué sbaglia il disimpegno, Reyes dribbla due avversari e lancia Vidal: l’ex Almeria è chirurgico nel cross basso che trova pronto Gameiro sul secondo palo.

SIVIGLIA-BARCELLONA 2-2, TOP & FLOP

Luis Suarez, nel caso il Barcellona non dovesse vincere il campionato, ricorderà a lungo gli errori sotto porta a Siviglia. Un brusco passo indietro per l’ex Liverpool, ormai a pieno ritmo dopo l’inizio balbettante in blaugrana. Messi, invece, disputa un primo tempo all’altezza della sua fama, così come Neymar impreziosisce con la magica punizione una buona prestazione. Iniesta è apparso in recupero dal punto di vista fisico, ha deluso Rakitic che, forse, ha pagato l’emozione del ritorno nello stadio che lo ha imposto al grande pubblico in Spagna. Piqué e Bravo indubbiamente tra i bocciati: il centrale, oltre a sbagliare il disimpegno in occasione del 2-2, è anche in ritardo sul cross di Vidal per Gameiro. Il cileno, invece, compie probabilmente il primo vero errore di una stagione comunque ad oggi esemplare.

I venti minuti di Reyes sono valsi il prezzo del biglietto, vivace e con la giusta “garra” anche Aleix Vidal, tra l’altro perfetto nell’assist a Gameiro. Il francese tocca pochissimi palloni, uno lo butta dentro: Emery non poteva chiedergli di più. Inevitabile la sostituzione di Bacca, insolitamente impreciso sotto porta e sovrastato nei duelli fisici sia da Piqué che da Mathieu. I più in difficoltà nella prima mezz’ora sono stati Krychowiak e Banega: il polacco, però, ha reagito alla grande nella ripresa, l’argentino ha sì avuto il merito di riaprire la gara ma è apparso sotto tono e non all’altezza delle sue ultime prestazioni. In ombra, e parecchio, Vitolo.

SIVIGLIA-BARCELLONA 2-2 (14′ Messi, 30′ Neymar, 38′ Banega, 83′ Gameiro)
siviglia-barcellona 2-2 formazioni

About Alfonso Alfano 1751 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.