Francia-Danimarca 2-0: a segno Lacazette e Giroud, i transalpini vincono e convincono

Francia-Danimarca 2-0

FRANCIA-DANIMARCA 2-0. Idee, talento, mentalità, gol. Sono questi gli ingredienti che han portato la Francia a riscattare la poco brillante esibizione col Brasile avendo la meglio sulla Danimarca nell’amichevole di Saint-Etienne. I ragazzi di Deschamps si impongono per 2-0, ma più che il risultato è la prestazione – sia dei veterani che della linea verde – a destare particolare soddisfazione.

Deschamps sperimenta: in porta ecco l’idolo di casa Ruffier dietro alla retroguardia capitanata da Varane. Dal primo minuto anche Trémolinas, Payet (tra i migliori) e Kondogbia, oltre a Giroud e al confermatissimo Lacazette. Proprio quest’ultimo ci mette soltanto un quarto d’ora a portare in vantaggio i suoi: combinazione in velocità con Griezmann, conclusione di quest’ultimo respinta da Schmeichael ma è l’asso del Lione il più lesto a ribattere in rete. 1-0, gara già sbloccata. La Francia non leva il piede dall’acceleratore e cerca sempre grazie a Payet e Kondogbia di creare pericoli verso la porta del figlio del grande Peter. Dall’altra parte, Eriksen e Bendtner sono poca cosa, pericoli per la porta di Ruffier non ne arrivano. Transalpini in controllo, Giroud ci prova un paio di volte a trovare la gioia personale ma è sfortunato, il terzo tentativo però è quello buono: minuto 38, Kondogbia scappa via e lo imbecca sul lato sinistro dell’area, il sinistro dell’attaccante dell’Arsenal è fulminante e brucia Schmeichael nell’angolo opposto. Partita archiviata, da qui è accademia: prima dell’intervallo, brivido per Ruffier quando il cross dalla sinistra di Krohn-Daehli attraversa tutta l’area senza deviazioni e si stampa sul montante. Danesi anche sfortunati, si va al riposo sul 2-0.

La ripresa ha ben poco da dire, se non per la girandola di cambi di entrambi i commissari tecnici: Deschamps inserisce Valbuena, Sagna, Matuidi e Zouma, ma soprattutto Guilavogui del Wolfsburg e l’interessantissimo Fekir del Lione. Per i danesi degni di nota gli ingressi di Schone, dell’ex sampdoriano Poulsen e del clivense Christiansen. Finisce così, ritrovano il sorriso i transalpini, la linea verde funziona: il futuro è assicurato.

FRANCIA-DANIMARCA 2-0: Lacazette, Giroud

About Andrea Gatti 567 Articoli
24 anni, appassionato di sport a tutto tondo (football americano, basket, golf e ovviamente calcio), letteratura, film e auto. Dopo aver conseguito la maturità linguistica, lavoro attualmente per una multinazionale metalmeccanica, mi occupo di calcio estero per passione ed amore per il rettangolo verde.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.