Manchester City-Wba 3-0: l’arbitro espelle l’uomo sbagliato, poi è solo City

Manchester City Wba

MANCHESTER CITY-WBA 3-0 – Bye bye Champions League, dopo aver detto addio alla kermesse continentale in seguito al doppio confronto con il Barcellona, il Manchester City si rituffa sulla Premier League, a caccia della capolista Chelsea. I Blues sono rivali tosti, sarà difficile difendere il titolo conquistato un anno fa, la squadra di Pellegri ha comunque il dovere di provarci fino alla fine. Soprattutto adesso, visto che di Champions non se ne riparlerà fino al prossimo anno. Il trentesimo turno del campionato inglese regala gioie ai Citizens, meglio non poteva andare oggi, il Wba ha dovuto affrontare tutta la gara in inferiorità numerica. Iniziamo a raccontarvi Manchester City-Wba proprio dall’espulsione, arrivata dopo neppure tre minuti dal fischio d’inizio. Bony se ne va verso la porta, Dawson lo mette a terra malamente e il signor Neil Swarbrick che fa? Espelle McAuley! Caso davvero curioso, a poco valgono le proteste ospiti.

Per il Manchester City non poteva esserci modo migliore per lasciarsi alle spalle i dolori europei, scorie non sembrano essercene e affrontare un avversario in inferiorità numerica dà ulteriore coraggio. La squadra di casa se la prende piuttosto comoda, gara affrontata con autorità dalla banda Pellegrini, al 27’esimo arriva il primo gol di Bony con la maglia dei Citizens. Servizio di Fenando e lenciata all’incrocio dei pali che non ammette repliche. Il Wba incassa e barcolla, alla stregua di un pugile che attende il gong. Fernando, dopo aver fatto l’assistman, si toglie personalmente lo sfizio del gol approfittando di uno svarione difensivo. Myhill raccoglie il secondo pallone in fondo al sacco. Finisce il primo tempo di una gara che non esiste, una sorta di allenamento per il Manchester City.Manchester City Wba

Il West Brom ha capito subito che non è questa la partita smuovere la classifica, a onor del vero non è il City of Manchester lo stadio dove ottenere punti tranquillità, i padroni di casa trollerellano tranquilli e si divertono. Dentro anche Jovetic al posto di Lampard, Pellegrini ha sete di sangue e vuole altri gol. Ci si mettono i legni a negare la goleada al Manchester City, al minuto 77 arriva il definitivo tris con David Silva, che da distanza ravvicinata conclude quello che lo sfortunato Jovetic ha iniziato. Difficile commentare un match simile, una sorta di monologo che però non intacca quanto di buono hanno fatto Pulis e i suoi fino a ora. Il timone del vecchio Tony sta traghettando il Wba verso la salvezza, Pellegrini invece dovrà navigare ancora a lungo prima di vedere la riva. La corsa al titolo è aperta, tre punti a dividere le due contendenti, ma potrebbero diventare nove visto che gli uomini dello Special One hanno due gare da recuperare.

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.