Young Boys-Napoli 2-0, le pagelle dei partenopei

pagelle napoli

pagelle napoli

YOUNG BOYS-NAPOLI 2-0: LE PAGELLE – Il Napoli vola in Svizzera per la terza gara della fase a gironi di Europa League: ad attendere Benitez c’è lo Young Boys dell’ex Cesena Von Bergen.

Il tecnico spagnolo rivoluziona la squadra e manda in campo un attacco composto da Mertens, Michu e De Guzman alle spalle di Duvan Zapata; a centrocampo spazio ad Inler con Jorginho mentre in difesa i due centrali sono Henrique e Albiol con Maggio e Ghoulam a destra e sinistra davanti a Rafael, confermato tra i pali.

Vediamo le pagelle degli azzurri:

Rafael, 6: non ha colpe sui due gol, l’ultimo, oltretutto lo subisce con la squadra completamente sbilanciata alla ricerca del pareggio

Maggio, 5.5: il terzino spinge molto sulla fascia destra ma è spesso impreciso; in attacco spreca malamente un ottimo cross di Inler, calciando malamente anziché servire il meglio posizionato De Guzman.

Henrique, 5.5: il pacchetto centrale messo in campo da Benitez si perde Hoarau in occasione del goal del vantaggio dei padroni di casa. Probabilmente sia il brasiliano che lo spagnolo Albion ne sono incolpevoli, ma non giocano con sicurezza e lo svarione è sempre dietro l’angolo.

Albiol, 5.5: se il Real Madrid l’ha lasciato partire senza pensarci due volte, un motivo ci sarà. Raul Albiol tatticamente lascia molto a desiderare: lo spagnolo è un lontano parente di quello ammirato la scorsa stagione scorsa stagione. Fuori forma.

Ghoulam 5.5: il terzino algerino è molto pericoloso sui calci da fermo ma mostra molte pecche in fase difensiva. Quando crossa non crea mai grandi pericoli nella difesa avversaria.

Inler, 6: il centrocampo azzurro non gira a dovere, ma non è una novità. Lo svizzero ci prova con buoni lanci ma sbaglia molti passaggi facili. Molto deciso in fase di recupero palla, con possessi di palla ribaltati.

Jorginho, 5: rispetto al centrocampista che illuminava a Verona, sembra un altro giocatore. Svogliato, spaesato e soprattutto schierato in un ruolo che non gli compete.

(75′ Callejon 6.5: giocatore cardine nello scacchiere di Benitez e lo dimostra quando segna il goal del pareggio; inoltre, gli viene annullato un gol per fuorigioco.)

De Guzman, 5.5: l’ex centrocampista del Villarreal è molto pimpante sotto l’aspetto atletico, ma ancora fuori dagli schemi e dal sistema di gioco di Rafa Benitez. Dopo il buon esordio con goal, è andato via via peggiorando le sue performance: contro lo Young Boys ci prova ed ha buone occasioni come al 41′, quando si tuffa su una palla sporcata da Mvogo e non trova la rete a causa dell’ottimo intervento del portiere avversario.

(82′ Higuain sv: entra nel finale ed ha poco tempo per ritornare a segnare.)

Michu, 5: giocatore ancora da scoprire. Lo spagnolo ex Swansea non incide sul gioco del Napoli e sembra un corpo a sè stante. Le potenzialità ci sono, peccato per il poco spazio a disposizione.

(61′ Hamsik, 6.5: entra lo slovacco ed il Napoli si ritrova dopo il goal subito. La prima palla che tocca va vicina ad insaccarsi con un colpo di testa di poco alto; subito dopo viene abbattuto in area di rigore, ma l’arbitro lascia correre. Rigore che ci stava per il Napoli)

Mertens, 6,5: il migliore dei suoi. Tira fuori grandi giocate come al 18′, quando prova a sorprendere Mvogo addirittura da centrocampo, quindi nel finale in ripartenza con una magia nello stretto ed un grande tiro di destro su cui si supera l’estremo difensore avversario.

Zapata, 6: gioca poco coi compagni nel primo tempo mentre nella ripresa prova a far valere i suoi centimetri nell’area di rigore avversaria senza avere però fortuna.

Benitez 4.5: il tecnico spagnolo sbaglia a cambiare praticamente tutto l’11 iniziale. Henrique come difensore centrale lascia molto a desiderare ma Rafa lo schiera comunque, dopo averlo utilizzato nella scorsa stagione come terzino, e ne paga dazio. Nella ripresa, non riesce a caricare a dovere i suoi che entrano in campo molli e subiscono il goal dell’1-0. Tardivi gli ingressi di Callejon e Higuain nel finale. Squadra senza gioco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.