Monaco-Benfica 0-0: le pagelle dei protagonisti

monaco benfica

MONACO

SUBASIC voto 7.5 – Il migliore in campo senza dubbio, il portiere croato ha negato la rete nel primo tempo prima a Lima, poi nella ripresa a Gaitan e Salvio. Una saracinesca questa sera.

FABINHO voto 6 – Era partito bene spingendo con continuità, nella ripresa è calato un decisamente lasciando anche qualche spazio di troppo agli attaccanti delle “Aquile”

CARVALHO voto 6.5 – Per lui una partita particolare, quante partite memorabili con il Porto per anni: lo stopper ci ha messo esperienza giocando anche molto di anticipo

RAGGI voto 7 – Si dimostra uno dei pupilli di Jardim, che viene ripagato con un’altra bella prestazione; il difensore italiano è stato sempre attento e preciso e nel finale ha pure sfiorato la rete

KURZAWA voto 6.5 – Ha gli occhi addosso di osservatori di mezza Europa, sopratutto di Roma e Bayern: per il terzino francese altra bella prova sopratutto in avanti grazie a prepotenti discese sulla fascia oltre a cross interessanti, un po’ disordinato e impacciato in fase difensiva

MOUTINHO voto 6.5 – Insieme a Carvalho ha giocato una partita speciale contro le “odiate” Aquile, il regista del Monaco ha dato geometrie dettando i tempi con la consueta maestria

TOULALAN voto 6.5 – Se Moutinho doveva metterci di fioretto, lui doveva usare la spada e al solito non ha deluso, una diga in mezzo al campo

KONDOGBIA voto 5.5 – Si aspettava di più da lui sopratutto in fase di ripiego, un po’ troppo lezioso; ha fatto solo il suo compitino senza dare anche il cambio di passo

DIRAR voto 6 – A sorpresa buttato nella mischia, il marocchino naturalizzato belga ha dato verve e velocità mettendo in difficoltà i portoghesi specialmente nel primo tempo

BERBATOV voto 6 – Mezz’ora di buon livello, il bulgaro però si è dovuto arrendere uscendo per un risentimento muscolare

OCAMPOS voto 5 – L’argentino deve essere decisivo, e invece sbaglia un gol già fatto nei primissimi minuti sparando alto a porta vuota. Ha accusato il colpo sbagliando anche passaggi elementari

MARTIAL dal 34′ voto 6 – Il giovanotto classe ’95 ha buone qualità, appena entrato si è fatto vedere con una bella conclusione in diagonale,

FERREIRA-CARRASCO dal 62′ voto 6 – Ha dato vivacità alla manovra del Monaco

BERNARDO SILVA dal 84′ voto sv

BENFICA

ARTUR voto 6 – Sicuro nelle uscite, è stato comunque poco impegnato

MAXI PEREIRA voto 5.5 – Ha spinto poco, per di più nella ripresa è pure calato perdendo il duello contro Dirar

LUISAO voto 6.5 – Ha tenuto da solo la difesa dei portoghesi, di testa è imbattibile

LISANDRO LOPEZ  voto 4 – Bruttissimo il fallo da espulsione con un piede a martello su Moutinho, prima aveva giocato una discreta partita in marcatura sia su Berbatov poi su Martial

ELISEU voto 5 – Evanescente l’ex giocatore di Lazio e Malaga, un doppio passo indietro rispetto alle precedenti apparizioni

GAITAN voto 6.5 – L’uomo che dà quella qualità che serve, l’argentino ha “l’argento vivo” addosso (il gioco di parole è quasi casuale), dai suoi piedi nascono le occasioni migliori del Benfica

ALMEIDA voto 6.5 – Non solo nel nome ma anche nelle movenze ricorda l’ex argentino della Lazio Matias, un motorino in mezzo al campo, sempre in pressing a turno su Toulalan e Moutinho

PEREZ voto 6 – Da lui ci si aspettava qualcosa di più sopratutto nel cambio di passo

SALVIO voto 5.5 – Ha corsa ma spesso si ha la sensazione che l’argentino voglia troppe volte vincere le partite da solo; anche stasera troppo egoista

LIMA voto 5.5 – Gioca di sponda, ma manca il suo apporto in fase di conclusione

TALISCA voto 5.5 – Ha talento il dinoccolato brasiliano, cerca di farsi vedere ma troppo impacciato, delizioso il passaggio per la conclusione di Salvio parata bena da Subasic

BEBE dal 79′ – sv

CESAR dal 69′ – sv 

About Antonio Cupparo 68 Articoli
Fin da bambino voleva diventare talent scout, seguendo le partite di calcio internazionale, il suo primo idolo è stato Robert Pires, da anni grazie a Footlandia è diventato famoso nel web per le sue schede di giovani in rampa di lancio, il suo idolo calcistico adesso è Chicharito Hernandez suo pallino che ha segnalato alla Lazio nel 2009 senza però essere ascoltato. Ha scritto per Mistermanager e per tuttomercatoweb, oltre ad aver fatto apparizioni in tv private di Roma. Si occupa della rubrica World's got talent dove ci illumina nelle sue performance di descrizione dei nuovi talenti in giro per il mondo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.