Monaco-Benfica 0-0 – Portieri in cattedra, al Louis II finisce a reti bianche

ligue 1 monaco subasic

Ci è mancato poco che per il Benfica questa non fosse la serata del colpaccio. Solo un grande Subasic ha impedito alle Aguias di portarsi a casa la prima vittoria in questa Champions: la squadra di Jorge Jesus, soprattutto nel secondo tempo, ha dato l’impressione di voler vincere questa partita molto più dei padroni di casa. E’ mancata però un po’ di concretezza, e forse di lucidità. E’ un Benfica che fatica in Europa, le cui fiammate difficilmente riescono a trovare sbocchi verso la via del gol. Problema antico per le portoghesi, ma che ancora di più sembra affliggere quest’anno la squadra campione in carica. Il Monaco dal canto suo porta a casa un punto importante senza sprecare troppe energie, sfiorando anche la vittoria nel finale, e rimane tranquillamente in lizza per il primo posto.

Il primo tempo è arido di emozioni. La squadra di casa prova a sfondare spesso sulla destra, senza essere particolarmente efficace. Troppa densità a centrocampo invece per gli ospiti, che non riescono a sfruttare le loro doti di palleggio. A conti fatti, è il Monaco che prova a fare la partita, ma l’impressione è quella che non voglia rischiare troppo. Dopo una prima fase costellata da tanti falli, l’unica vera occasione si presenta però per il Benfica, al 39′. Talisca vede il varco giusto per servire Lima in area di rigore, che trova però un Subasic ottimamente piazzato, il quale riesce a respingere il pallone lontano.

Il Benfica comincia il secondo tempo con lo stesso piglio, rendendosi subito pericoloso in svariate occasioni. Al 59′ la più clamorosa arriva sui piedi di Gaitan: sfruttando un errore difensivo dei padroni di casa l’argentino si trova faccia a faccia con Subasic, che però è ancora una volta bravo a chiudere l’angolo e manda la palla in corner. E’ ancora Gaitan che si fa notare poco dopo con uno splendido recupero a metà campo, dando adito a un nuova pericolosa azione delle Aguias in velocità. Subasic però si mette di nuovo tra il Benfica e il gol, parando la conclusione di Salvio, forse un po’ troppo egoista con Lima a portata di assist. Il Monaco è alle strette, e rischia nuovamente, con Enzo Perez, di andare sotto. E’ proprio però l’espulsione dell’argentino che cambia il corso della partita, nel momento di maggior forcing degli ospiti. Nei minuti finali, infatti, complice forse anche un calo fisico del Benfica, il Monaco va vicinissimo alla vittoria. Prima ci prova di testa con Konologbia, poi con Toulalan all’87’, ancora con Raggi al 92′, e di nuovo con Toulalan, un minuto dopo, che trova un grande Artur sulla sua strada. Finisce a reti bianche, ma è un punto che vale molto più per il Monaco che non per il Benfica, ancora a secco di vittorie in Champions.

Monaco: Subasic, Fabinho, Raggi, Ricardo Carvalho, Kurzawa, João Moutinho (82′ Bernardo Silva), Toulalan, Kondogbia, Dirar, Berbatov (34′ Martial), Lucas Ocampos (62′ Carrasco)

Benfica: Artur Morales, Maxi Pereira, LuisãoCapitão, Lisandro López, Eliseu, André Almeida, Salvio, Enzo Peréz (88′ Samaris), Gaitán (68′ Cesar), Lima, Talisca (’68 Tiago)

About Alessio Dell'Anna 130 Articoli
Intrattenitore nel mondo della comunicazione con la passione per il calcio d'antan, è un solista dentro e fuori dal campo, che predica da numero 7 ma razzola da numero 9. Fra il 98' e il 2002 ha inscenato ben 824 repliche dei Mondiali di calcio nella sua cameretta, e ricerca oggi la magia del calcio di un tempo nei campionati con un debito pubblico pericolosamente oltre la soglia di guardia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.