Serbia, Kolarov furioso: ‘I tifosi sanno solo insultare’

Kolarov

Non è un bel momento quello che si sta vivendo nella nazionale serba, la partita pareggiata contro l’Armenia  ha scatenato le polemiche dei giornali e dei tifosi, sopratutto dopo le parole del terzino del Manchester City Aleksandar Kolarov. L’ex Lazio ha dichiarato: “Durante la partita contro l’Armenia non abbiamo mai avuto il giusto sostegno: non è possibile che i nostri tifosi debbano subito insultarci appena ci vedono in difficoltà. La maggior parte di queste persone, probabilmente, utilizza la tastiera per sfogare le proprie frustrazioni”. Parole dure quelle espresse dal terzino, che si è detto molto amareggiato dall’atteggiamento dei tifosi, poco collaborativi nel supportare la squadra nei momenti di difficoltà. Tutto questo si è scatenato proprio alla vigilia di una delicatissima sfida contro i rivali dell’Albania, una partita assolutamente da vincere per non compromettere la possibile qualificazione. Chi potrebbe trarne beneficio è sicuramente l’Albania di Gianni De Biasi il tecnico italiano che sogna di poter conquistare una storica qualificazione all’europeo con la sua nazionale.

Lo stesso tecnico ha commentato lo stato di tensione che si è creato in questi giorni, e si è soffermato sul clima infuocato che accoglierà la sua squadra dichiarando: “Da qualche giorno sulle loro televisioni scorre una sovrimpressione dove si ricorda che bruciare le bandiere albanesi può portare a provvedimenti Uefa”. Insomma in casa serba, ci si sta avvicinando a questa sfida con troppa attesa e troppo nervosismo che si è venuto a creare sia per il deludente risultato contro l’Armenia sia per le parole di Kolarov che sono state accolte in malo modo dalla gente, non un clima perfetto dunque per preparare una partita cosi importante che potrebbe in caso di risultato negativo, segnare  il cammino della squadra allenata dal tecnico Advocaat e alimentare ulteriore malcontento nella tifoseria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.