Champions League, Sparta Praga – Malmö FF 4-2: i cechi si aggiudicano un match ricco d’emozioni

Termina con ben 6 reti e tanto spettacolo l’incontro d’andata del terzo turno preliminare di Champions League tra i cechi dello Sparta Praga e gli svedesi del Malmö FF. Vince la formazione guidata dal tecnico Lavička, che termina in svantaggio la prima frazione di gioco, ma che riesce a rimontare nella ripresa e a chiudere il match con ben 2 reti di vantaggio.

I padroni di casa si schierano con il solito 4-2-3-1, modulo eclettico che ha portato i granata al vertice del calcio ceco a partire dalla scorsa stagione, con in porta il neoacquisto Bičík; Kadeřábek e Costa si muovono sulle fasce, mentre Holek e la novità Kováč compongono l’accoppiata difensiva. Vácha e Matějovský agiscono da interditori davanti la difesa, mentre il trio Dočkal-Přikryl-Husbauer giocano a supporto dell’unica punta, capitan David Lafata. La formazione svedese recupera tutti i suoi migliori interpreti e scende in campo con un 4-4-2. L’idea del tecnico norvegese Hereide è quella di sfruttare la velocità delle ali Forsberg e Tinnerholm nelle ripartenze e le vena realizzativa del bomber Rosenberg per provare a vincere ad ipotecare la qualificazione già nella gara d’andata.

Nella prima fase dell’incontro le due squadre si studiano; lo Sparta che mantiene il possesso palla, mentre il Malmö gioca la partita sulla falsa copia di quella preparata durante la settimana: recupero palla e verticalizzazioni veloci per gli esterni, che sfruttano la loro rapidità per arrivare sul fondo o per concludere direttamente verso lo specchio della porta. Al 10’ arriva la prima azione pericolosa del match, proprio per gli ospiti: sull’asse Concha-Halsti, gli azzurri arrivano alla conclusione. Risulta fondamentale l’intervento del terzino granata Costa, che salva in extremis lo Sparta. Ma il gol è solo rinviato: passano infatti 7 minuti ed il Malmö trova la rete del vantaggio. Forsberg dribbla Kovac e conclude verso la porta: la palla viene deviata dal difensore ceco e termina in fondo alla rete, con il portiere Bičík completamente sorpreso dalla traiettoria della conclusione dell’esterno svedese. Ma lo Sparta non ci sta e dopo soli 5 minuti riequilibra l’incontro. Dočkal crossa in mezzo dalla trequarti per la testa di Lafata, che realizza la rete del pareggio. Nonostante la rete subita, il Malmö non accusa il contraccolpo psicologico, ma al contrario continua ad attaccare, alla ricerca della rete del nuovo vantaggio, che arriva dopo 300”: Tinnerholm va via in profondità e serve Kiese Thelin, che arriva a rimorchio e batte Bičík, siglando la rete del 2 a 1. La rete scuote lo Sparta, che prende in mano il pallino del gioco. Kadeřábek va due volte vicino alla rete, prima con una conclusione deviata e poi sul calcio d’angolo successivo con un colpo di testa che viene salvato sulla linea dal terzino avversario Ricardinho. Il Malmö abbassa il proprio baricentro, provando a resistere alla furia offensiva dei padroni di casa, e ci riesce, arrivando all’intervallo in vantaggio per 2 a 1.

Nella ripresa, entrambe le contendenti tornano in campo con lo stesso undici del primo tempo. Lo Sparta, dopo le parole negli spogliatoi del tecnico Lavička, torna in campo voglioso di recuperare il match e lo dimostra sin dalle prime battute. Dopo appena 120” arriva la prima occasione pericolosa del secondo tempo con Lafata che, servito in profondità da Husbauer, calcia alto. La formazione granata insiste e trova il nuovo pareggio al 51’: Dočkal si spinge in avanti e sull’assist di Kadeřábek arriva alla conclusione, respinta dal portiere ospite Olsen. Sulla ribattuta interviene capitan Lafata, che realizza il tap-in vincente. 2-2. Passano appena 2 minuti e lo Sparta riesce a ribaltare l’incontro. Il solito Kadeřábek arriva sul fondo e crossa in mezzo; Dočkal interviene, concludendo verso la porta. Il tiro è respinto dalla difesa ospite, ma Kovac è il più lesto di tutto nell’intervenire e realizzare da pochi passa la rete del vantaggio granata. Prima rete stagionale per il difensore centrale dello Sparta Praga. Al 64’ intervento dubbio in area di rigore del Malmö: Matějovský viene atterrato in area da Helander, ma l’arbitro turco lascia inspiegabilmente giocare. Sia la panchina che i tifosi sugli spalti restano increduli e protestano veemente. Pochi minuti più tardi, esattamente 6, lo Sparta dilaga, realizzando la rete del 4 a 2 finale, sfruttando magistralmente un contropiede. Husbauer va via sulla sinistra, entra in area e crossa sul secondo palo, dove è sempre puntuale David Lafata, che realizza la rete della tripletta personale. Da questo punto, inizia la girandola dei cambi dei 2 tecnici. Lo Sparta controlla il match mentre gli avversari del Malmö non riescono più a rendersi pericolosi in fase offensiva. Dopo 3 minuti di recupero decretati dall’arbitro turco, l’incontro finisce sul risultato di 4 a 2 in favore dello Sparta Praga. Appuntamento alla gara di ritorno in Svezia, tra una settimana, dove le due squadre si ritroveranno per darsi battaglia: il passaggio del turno appare tutt’altro che scontato.

AC Sparta Praga (4-2-3-1): Bičík – Kadeřábek, Kováč, Holek, Costa, Hušbauer, Vácha, Matějovský, Dočkal, Přikryl, Lafata.
Malmö FF (4-4-2): Olsen, Concha, Hammar, Helander, Ricardinho, Tinnerholm, Halsti, Adu, Forsberg, Thelin, Rosenberg.

TABELLINO:  17’ Forsberg (M), 22’ Lafata, 27’ Kiese Thelin (M), 51’ Lafata, 52’ Kováč, 70’ Lafata.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=w2Tr_2nQ7hw[/youtube]

About Alessandro De Felice 134 Articoli
Laureato in Mediazione Linguistica, amo viaggiare e il 'football' di ogni angolo del mondo. Laziale fino al midollo, fin da bambino coltivo la passione per il giornalismo di ogni genere, con una particolare preferenza per quello sportivo. Con grande orgoglio, conto diverse collaborazioni online e sulla carta stampata. Grazie a Tuttocalcioestero.it ho scoperto la magia del calcio della Repubblica Ceca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.