HomePremier LeagueThe K point: Red Devils, benvenuti all'inferno

The K point: Red Devils, benvenuti all’inferno

Published on

Oggi pomeriggio ero in fila per prendere un biglietto per la prossima partita del Leicester City, contro il glorioso Charlton. I biglietti erano gratis, perciò potete immaginare la marea di studenti e personale universitario che attendevano il loro regalo. Tra gli appassionati in fila (anche se si poteva benissimo individuare chi con il calcio non ha mai avuto nulla a che fare), ce n’erano molti tifosi del Manchester United, che non è un caso, essendo la squadra più tifata del Regno Unito. ticket

Provando a scambiare quattro chiacchiere con loro, mi sono accorto che quasi tutti avevano in comune una cosa: il silenzio. Nessuno infatti voleva parlare dell’umiliante sconfitta subita ieri sera dalla loro squadra da parte dell’Olympiakos, né tantomeno della disastrosa stagione dei Red Devils.

Li capisco. Sono passati improvvisamente dall’essere la squadra più temuta in Inghilterra (e forse nel mondo) alla barzelletta di tutti i pub e dei tabloids. Non a caso ho dedicato diversi articoli della rubrica “The K point” all’analisi delle sofferenze del Man U nell’era post-Ferguson (questo, ad esempio).

Moyes, il successore nominato da sir Alex, ieri sera si è preso tutte le responsabilità della sconfitta. Una sconfitta che non è umiliante tanto per il risultato (2 a 0), ma per la mancanza di gioco, idee e carattere. A dimostrazione di ciò, basta pensare che l’unica occasione della partita è capitata al’89’ sui piedi di Van Persie, il quale ha deciso di non regalare ai suoi un gol immeritatissimo (come ammesso da Moyes).

Ho sentito in tanti trovare come spiegazione dell’orribile stagione dei Red Devils la mancanza di qualità. Certo, magari la rosa non è al livello di Bayern o Real, ma di ottimi giocatori ce ne sono, così come di giovani interessanti (Januzaj su tutti). Altri trovano come capro espiatorio il solo Moyes, ma è difficile attribuire il 100% delle colpe ad un allenatore che in passato ha dimostrato di poter fare grandi cose. Penso che ci sia anche qualcos’altro.

Questa mattina ho letto un’intervista interessantissima a Robbie Savage, ex centrocampista cresciuto proprio nei Red Devils e ora opinionista per la BBC. Savage, a mio parere, ha riassunto perfettamente cosa sta succedendo allo United:

“Per giocare nello United non devi essere solo bravo tecnicamente, ma devi avere qualcosa in più. Non mostrare abbastanza voglia, non dare l’anima per avere la palla e per vincere tackle è inaccettabile.”

“Allo United manca leadership, cattiveria o spirito di squadra? Io direi tutti e tre.”

Con l’eliminazione dalla Capital One e dalla FA Cup, più gli 11 punti dal quarto posto in classifica, tutte le speranze di salvare la stagione e di continuare a sentire la musichetta dell Champions sono aggrappate all’ottavo di ritorno in scena all’Old Trafford. Il teatro dei sogni non ha più un effetto terrorizzante sugli avversari come una volta, ma chissà che non dia quel qualcosa in più agli uomini di Moyes e gli faccia tornare il vero spirito United.

Come si dice da queste parti “Anything can happen”, anche perchè la prossima volta vorrei  scambiare qualche chiacchiera più prolungata con un tifoso dei Red Devils

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=gEPmA3USJdI[/youtube]

Latest articles

La situazione nei principali campionati europei

Ormai da più di un mese è terminato il campionato del mondo e tutti...

Statistiche e gare del Mondiale in Qatar 2022

Il Mondiale in Qatar 2022 rappresenta qualcosa di nuovo, da un punto di vista...

Unai Emery lascia il timone del Sottomarino Giallo e soccorre l’Aston Villa

La notizia che non t’aspetti, di quelle che smuovono la cronaca sportiva e non...

Real Madrid 3 Barcellona 1, le pagelle: I blancos di Ancelotti affondano i blaugrana

Andiamo a vedere le pagelle di questo primo Clasico stagionale che consegna la testa...

Il Benfica trionfa sul Boavista 3-0

Sabato 27 agosto il Boavista ospita al Bessa il Benfica per la 4° giornata...

Work in progress per il mercato dei calciatori in Europa

C’è fermento nel calciomercato europeo. Molti colpi sono già stati messi a segno dai...

Viaggio al Estadio de la Céramica di Villareal

Il clima a Valencia è ideale: soleggiato e leggermente ventilato. Abbiamo appuntamento con Besmir...

Al Real Madrid la Supercoppa di Spagna. E Carletto Ancelotti fa 21.

Pur essendo giunto secondo nel campionato di Primera Division 2020/2021, il Real Madrid si...

More like this

Liverpool-Leicester 3-0, Diogo Jota continua nel suo magic-moment

Ottavo gol in stagione, quarto nelle quattro partite giocate ad Anfield, primo nella storia...

Coronavirus, paradosso Newcastle: stipendio garantito ai calciatori, dipendenti in disoccupazione

La crisi ai tempi del coronavirus investe, giocoforza, anche le società professionistiche del mondo...

Wolverhampton: nel nome di Espírito Santo

Non ha l'appeal internazionale delle due squadre di Manchester, del Liverpool, dell'Arsenal o del...