HomePremier LeagueThe K point: Il fantasma di Manchester

The K point: Il fantasma di Manchester

Published on

Da mesi un fantasma si aggira per l’Inghilterra. E’ sulla bocca di tutti anche senza mai apparire e sembra che con la sua partenza sia stata lanciata una maledizione. C’e’ qualcuno che pero’  lo conosce meglio di tutti, non solo perché è costretto a conviverci quotidianamente, ma anche perché deve faticare per far ricredere coloro i quali invocano un suo ritorno.

Il fantasma, come avrete capito, e’ il leggendario Sir Alex Ferguson, nient’altro che il tecnico più’ vincente nella storia del Manchester United e non solo. Il povero cristo che deve convivere con la sua ingombrante eredita’ e’ invece ovviamente David Moyes, il quale non a caso ha definito l’attività’ di manager dello United “il mestiere più’ duro del mondo”.

Al di la’ dell’iperbole, si e’ visto in più di un’occasione che per l’ex tecnico dell’Everton i primi mesi di gestione allo United non sono stati di certo una passeggiata. Il suo nome e’ oggetto di discussione quotidiana, tanto che ogni volta che ho aperto un qualsiasi quotidiano inglese ho trovato un articolo che lo riguardasse ( come nell’edizione odierna del Times). Ed e’ normale che sia così, perche’ se guidi il club più famoso al mondo e collezioni un inizio di stagione disastroso, perlopiù’ dopo la chiusura di un’epoca (il termine epoca e’ persino riduttivo), non puoi scappare dalle critiche.

I tifosi dei Red Devils stanno cominciando a preoccuparsi. La squadra non sembra più la corazzata che riusciva a vincere anche nelle situazioni più’ complicate ribaltando partite già chiuse. E la situazione di classifica parla chiaro,  tanto che non solo la lotta per il titolo, ma l’accesso alla prossima Champions sembrano ormai obiettivi non realisticamente raggiungibili. Lo stesso Mourinho, al termine della partita di domenica nella quale i suoi Blues hanno battuto uno United orribile in fase difensiva, ha dichiarato che, pur rispettando manager e squadra, non considera il Manchester una seria contendente per il titolo.

La preoccupazione è tanta che fuori dall’Old Trafford e’ stata posta una statua di Alex Ferguson. Non si tratta però della solita statua celebrativa del manager scozzese, bensì’ di una scatola di vetro contenente la sagoma del tecnico e sulla quale e’ stata apposta la scritta “IN CASE OF EMERGENCY BREAK GLASS.” L’iniziativa, che si basa sull’ironia inglese, è di tipo commerciale ed e’ stata proposta da Paddy Power (non nuova a questo genere di trovate), ma ben riflette l’umore del popolo Red Devil.

Stasera ci sara’ il ritorno della semifinale di Capital One Cup contro il Sunderland. All’andata vinsero i Black Cats, che faranno di tutto per regalarsi una finale in una stagione abbastanza travagliata e che proveranno così a rendere ancora più’ difficile la vita a David Moyes.

Continuerà ad aggirarsi il fantasma per Manchester? I tifosi dello United sono pronti a rompere il vetro.

 

Latest articles

La situazione nei principali campionati europei

Ormai da più di un mese è terminato il campionato del mondo e tutti...

Statistiche e gare del Mondiale in Qatar 2022

Il Mondiale in Qatar 2022 rappresenta qualcosa di nuovo, da un punto di vista...

Unai Emery lascia il timone del Sottomarino Giallo e soccorre l’Aston Villa

La notizia che non t’aspetti, di quelle che smuovono la cronaca sportiva e non...

Real Madrid 3 Barcellona 1, le pagelle: I blancos di Ancelotti affondano i blaugrana

Andiamo a vedere le pagelle di questo primo Clasico stagionale che consegna la testa...

Il Benfica trionfa sul Boavista 3-0

Sabato 27 agosto il Boavista ospita al Bessa il Benfica per la 4° giornata...

Work in progress per il mercato dei calciatori in Europa

C’è fermento nel calciomercato europeo. Molti colpi sono già stati messi a segno dai...

Viaggio al Estadio de la Céramica di Villareal

Il clima a Valencia è ideale: soleggiato e leggermente ventilato. Abbiamo appuntamento con Besmir...

Al Real Madrid la Supercoppa di Spagna. E Carletto Ancelotti fa 21.

Pur essendo giunto secondo nel campionato di Primera Division 2020/2021, il Real Madrid si...

More like this

Liverpool-Leicester 3-0, Diogo Jota continua nel suo magic-moment

Ottavo gol in stagione, quarto nelle quattro partite giocate ad Anfield, primo nella storia...

Coronavirus, paradosso Newcastle: stipendio garantito ai calciatori, dipendenti in disoccupazione

La crisi ai tempi del coronavirus investe, giocoforza, anche le società professionistiche del mondo...

Wolverhampton: nel nome di Espírito Santo

Non ha l'appeal internazionale delle due squadre di Manchester, del Liverpool, dell'Arsenal o del...