Utrecht-Ajax 1-1: De Ridder blocca la fuga della capolista

Dopo quattro sconfitte consecutive, l’Utrecht blocca sul nascere il tentativo di fuga della capolista Ajax e conquista un preziosissimo punto nella lotta per non retrocedere. In una trasferta tradizionalmente difficile Frank De Boer decide di affidarsi a Bojan nel ruolo di prima punta per non dare punti di riferimento alla rimaneggiata difesa dei padroni di casa e conferma Blind nei panni di play basso davanti alla difesa. Wouters, che deve fare a meno in difesa dello squalificato Heerings e dell’infortunato Bulthuis, fa esordire sulla fascia sinistra il diciannovenne van der Winden. In avanti il giovane Agudelo affianca l’esperto De Ridder, l’attaccante più prolifico della squadra di Wouters.

In avvio di gara sono i padroni di casa a rendersi più pericolosi con le conclusioni di van der Maarel prima e Toornstra. Il terzino destro, dopo un fraseggio per vie centrali con Agudelo, costringe Cillessen al grande intervento con la mano di richiamo. L’Ajax appare un po’ imballato in fase difensiva, ma in avanti da costantemente l’impressione di potersi rendere letale con le triangolazioni palla a terra negli spazi stretti tra le punte. Al 19’ sulla punizione dalla destra di Schöne il colpo di testa dal dischetto dell’area di rigore di Moisander costringe Ruiter alla parata salva risultato. La pressione degli Aiacidi sale col passare dei minuti e al 25’ i ragazzi di De Boer trovano il vantaggio. Blind raccoglie un pallone in posizione centrale e dai 25 metri lascia partire un tiro di colo sinistro che finisce dritto all’angolino basso senza lasciare scampo a Ruiter.

La reazione dei padroni di casa non si lascia attendere e De Ridder al 32’ trova la rete del pareggio. Su un rinvio lungo di Ruiter la spizzata di testa di Agudelo trova libero De Ridder, che, dopo aver vinto un duello a suon di trattenute con Vëltman, si presenta solo davanti a Cillessen, lo fa secco con una finta e deposita la palla in rete di piatto sinistro. Quattro minuti più tardi Moisander si spinge in avanti e, dialogando con Fischer, semina il panico tra la retroguardia avversaria; la palla finisce poi tra i piedi di Boilesen, ma sulla conclusione violenta del terzino sinistro danese Ruiter si accartoccia e salva la sua squadra.

La ripresa si trasforma ben presto in un’autentica battaglia senza esclusione di colpi, con i padroni di casa che, spinti dal calorosissimo pubblico del Galgenwaar Stadion, mettono in grave difficoltà la capolista. Al 46’ De Ridder calcia al volo dal limite dell’area, ma la sua conclusione violentissima si stampa sulla traversa, dopo aver superato ormai Cillessen. Tre minuti più tardi De Boer decide che è arrivata l’ora di effettuare il primo cambio: entra Poulsen al posto di Boilsen, con Blind che scivola sulla fascia sinistra. Il tecnico dell’Ajax capisce che la sua squadra è in difficoltà, soprattutto nella zona centrale del campo, e tenta con questo cambio di dare una scossa ai suoi sotto il profilo agonistico. Al 77’ su una palla vagante Schöne  calcia in diagonale, ma la sfera bacia la faccia interna del palo.

E’ l’ultima grande emozione di una gara tirata e molto intensa. L’Ajax conserva il primato, ma perde il primo appuntamento con la fuga. Gli uomini di De Boer sono apparsi a tratti troppo molli nei contrasti in mezzo al campo. L’Utrecht dovrà trovare gli stessi stimoli anche contro avversari di minor prestigio per ottenere una salvezza tranquilla.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.