Guingamp-Psg 1-1: i rossoneri sfiorano l’impresa

LIGUE 1 GUINGAMP PSG – Secondo appuntamento del weekend di Ligue 1, dopo il pareggio tra Lille e Rennes (clicca qui per la cronaca), il Paris Saint-Germain cerca di dimenticare l’eliminazione dalla Coppa di Francia per mano del Montpellier (clicca qui per la cronaca) al cospetto della matricola Guingamp. Sulla carta non ci sarebbe storia, Cavani e Ibrahimovic fanno paura solo a guardarli. Invece a volte il campo sa rovesciare i pronostici più scontati raccontando una storia diversa. I padroni di casa iniziano con il piede giusto, Psg pericoloso con una punizione di Ibra al quarto d’ora che si perde sopra la traversa. Migliore l’occasione che capita poco dopo ad Aliou, la sua girata fa tremare Sirigu. Discreto avvio, il Psg chiede il penalty per un tocco di mano su tiro di Cavani, il signor Ennjimi fa giocare. Vivace Rachid Alioui, marocchino classe 92 da tenere d’occhio, sicuramente tra i migliori in campo. Gli uomini di Blanc fanno possesso ma grandi pericoli non ne creano, Verratti si becca un giallo per fermare Giresse. Ancora due buone chanche prima della sosta, una per parte, la prima per Ibrahimovic che dalla distanza impegna Assembe, poi ancora Alioui su punizione mette in imbarazzo Sirigu. La prima frazione di gioco si chiude qui, non certo la partita che i parigini si aspettavano.

Si torna in campo, colpo di testa di Yatabaré in tuffo e palla fuori. Ibrahimovic sgomita, Diallo lo ferma con le cattive e viene ammonito. Al minuto 52 c’è l’illusione per il Psg, Cavani mette in rete ma il guardalinee sventola. Dieci minuti di riscaldamento per Lucas Moura, che entra al posto di Pastore, mossa che poteva essere sicuramente fatta prima del 70esimo vista la difficoltà nell’aprire la difesa. Il Guingamp si rende ancora pericoloso, Giresse la mette alta. Gourvennec ci crede (e fa bene, visto il Psg odierno), in campo forze fresche, Dembele e Beavue al posto di Giresse e Atik. A sei dal termine arriva la legnata per gli uomini di Blanc, Marquinhos ancora una volta si mette negativamente in evidenza dimenticandosi Yatabaré su corner di Aliou, Sirigu non può farci niente. Primo gol in cinque partite per i rossoneri, quasi un evento. Lo Stade Du Roudourou esplode di gioia, un’impresa che sembrava impensabile è ora a portata di mano, il gigante sanguina ma fa comunque paura e i fischi dagli spalti lo confermano. I capitolini si buttano subito in avanti, Moura combatte e si guadagna un tiro dalla bandierina. Lo batte proprio il brasiliano e trova la testa di Alex, pareggio e ultimi minuti palpitanti con gli ospiti tutti in avanti, pure Sirigu partecipa all’azione, ma il risultato non cambia e per i padroni di casa va bene così a giudicare dalla reazione del pubblico. Non c’è da stupirsi visto che le due squadre sono nello stesso campionato solo nominalmente ma la capolista ha il doppio dei punti. Il Guingamp oggi ne raccoglie uno più che meritato, hanno sicuramente meno da ridere i parigini che restano comunque in vetta

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.