Premier League: Arsenal in rimonta, Palace e Fulham infiammano la corsa salvezza

PREMIER LEAGUE – L’Arsenal non è solo cristallo pregiato, in questo Boxing Day brilla anche l’acciaio temprato. I Martelli lo battono duro e all’inizio del primo tempo riescono a piegarlo, ci pensa Carlton Cole con la collaborazione di Szczesny che respinge sui suoi piedi. E’ materiale tosto però, si piega ma non si spezza, anche se pure Adrian ci mette del suo. Il portiere degli Hammers ha le sue responsabilità sulla rete di Walcott. Tiretto a due all’ora, lo spagnolo se lo fa sfuggire dalle mani e da lì la gara cambia. I Gunners prendono in mano il match, si susseguono le occasioni e nel giro di tre minuti Theo concede il bis, stavolta di testa. Risultato ribaltato, tutto risolto, si rivede in campo pure Podolski. Altro regalo di Natale per Wenger ed è proprio il tedesco ad indossare i panni di Santa Claus, concretizzando l’ottimo servizio di Giroud. Una menzione per il francese, un po’ allergico al gol se vogliamo ma il suo lavoro consente ai compagni di segnare a ripetizione.

Prova di maturità dei Gunners, che rispondo al Manchester United (clicca qui per la cronaca), non va invece oltre il pari il Tottenham. Spurs per la prima volta in mano a Sherwood dopo l’addio di Villas-Boas, l minuto 36 arriva il vantaggio con Eriksen. Non è periodo per il Tottenham, neppure il tempo di festeggiare che Olsson pareggia i conti. C’è tanto da lavorare. Successo vitale per il Fulham, Norwich piegato nei minuti finali. Anche in questo caso si tratta di una vittoria arrivata in rimonta, Hooper servito da Elmander porta avanti i Canarini (decisiva la deviazione di un difensore). Pareggio di Kasami alla mezz’ora, i Cottagers vogliono i tre punti e li ottengono a tre dal termine grazie a Scott Parker. I londinesi respirano un po’.

Non c’è partita invece a Cardiff, dove i padroni di casa vengono schiantati dal Southampton. Jay Rodriguez fa quel che vuole e confeziona la sua doppietta nel giro di sei minuti. Un brutto pacco da scartare per gli scozzesi che sotto l’albero trovano pure il pensierino del solito Lambert. I bagordi natalizi vanno di traverso pure allo Stoke City, che si illudono con il vantaggio di Assaidi. A rovinare le feste in casa Potters ci pensa Whelan, che prende due cartellini gialli nel giro di pochi minuti. Le cose peggiorano ancora, espulso pure Wilson, rigore. Remy non trasforma, poco male, perché riesce comunque a metterla in fondo al sacco. Secondo tempo in 11 contro 9, un massacro, i Magpies ne fanno altri quattro.

C’è spazio per un altra sorpresa in fondo alla classifica, il Crystal Palace vince sul campo del Villa, Gayle allo scadere riapre le ali delle aquile che adesso si vanno minacciose. Pulis di più non può fare. Fantastica la corsa per il titolo, ma è entusiasmante pure quella per non retrocedere con i Black Cats che accorciano la classifica. Nel giro di sei punti abbiamo ben otto squadre: Aston Villa e Norwich a 19, Wba e Cardiff a 17, Crystal Palace e Fulham 16, West Ham 14 e Sunderland 13. Si annuncia un 2014 appassionante, ma il 2013 non è ancora finito e il Boxing Day ha ancora un Manchester City-Liverpool da regalare… Vi sembra poco?

I risultati di oggi

Hull City-Manchester United 2-3
Tottenham-West Bromwich 1-1
West Ham-Arsenal 1-3
Norwich-Fulham 1-2
Newcastle-Stoke 5-1
Everton-Sunderland 0-1
Chelsea-Swansea 1-0
Cardiff-Southampton 0-3
Aston Villa-Crystal Palace 0-1

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.