Qualificazioni mondiali, preview Messico-Nuova Zelanda

MESSICO NUOVA ZELANDA. Il cammino più tormentato nella storia delle qualificazioni mondiali della “tricolor”. E non è finita. Oggi, alle 21.30 (ora italiana), all’Azteca il Messico ospiterà la Nuova Zelanda nella partita di andata del secondo spareggio “intercontinentale” per conquistare il pass verso Brasile 2014. I centroamericani ne hanno combinate di tutti i colori, soprattutto nel girone finale, a sei, della Concacaf: quarto posto, stentato e conquistato di un soffio, preceduti da Costarica, Stati Uniti e Honduras. Il lungo digiuno di vittorie e gol proprio a Città del Messico ha complicato terribilmente la qualificazione, tanto da far saltare tre panchine: il ct, stasera, sarà Miguel Herrera.

L’ex tecnico dell’America rischia col fuoco. Incredibile la decisione di non convocare i giocatori impegnati nei campionati europei, Chicharito Hernandez e Giovani dos Santos (recuperato dall’infortunio) su tutti: Herrera dice che con giocatori che militano nel campionato messicano la squadra sarà più compatta e, soprattutto, più riposata. Fanno discutere anche le mancate convocazioni degli argentini “naturalizzati” messicani, Lucas Lobos e Chaco Gimenez). Herrera si affida al blocco proprio dell’America: 10 convocati, sette probabilmente titolari ai quali si aggiungono 3 del Leon, tra i quali il leader – a questo punto indiscusso – della nazionale, Rafa Marquez. L’undicesimo sarà probabilmente Oribe Peralta, attaccante del Santos. Nelle fila della Nuova Zelanda si monitora la situazione di Reid, capitano e difensore centrale del West Ham, in forte dubbio per stasera.

MESSICO-NUOVA ZELANDA, LE PROBABILI FORMAZIONI

Messico (5-3-2): Moises Munoz; Aguilar, Valenzuela, Rafa Marquez, “Maza” Rodriguez, Layun; Medina, Pena, Montes; Raul Gimenez, Oribe Peralta. Allenatore: Miguel Herrera
Nuova Zelanda (4-4-2): Moss; Lochead, Reid, Smith, Vicelich; Bertos, Henderson, McGlinchey, Brockie; Smeltz, Chris Wood. Allenatore: Ricki Herbert

About Alfonso Alfano 1756 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.