HomePremier LeagueManchester City, Dzeko rivela: è stato lo spogliatoio a cacciare Mancini

Manchester City, Dzeko rivela: è stato lo spogliatoio a cacciare Mancini

Published on

MANCHESTER CITY DZEKO MANCINI – Il Manchester City è nelle mani di Manuel Pellegrini, ma si parla ancora del suo predecessore e dei motivi che ne hanno sancito l’allontanamento. Roberto Mancini sarebbe stato “fatto fuori” dallo spogliatoio, questo è quanto lascia intendere Edin Dzeko nel corso di un’intervista al Daily Mirror. “Quando il nuovo allenatore è arrivato, il presidente mi ha chiesto, informalmente, se ora ero felice. La questione è stata sollevata perché mi ero lamentato con lui un paio di volte circa l’ex allenatore e la mia situazione al club. Il presidente sapeva della mia insoddisfazione per il poco impiego negli ultimi due anni”.

Che il bosniaco non fosse felice durante la precedente gestione si sapeva, tante panchine per lui anche in seguito a prestazioni maiuscole: “C’è stata una partita in cui ho segnato quattro gol (contro il Tottenham nell’agosto 2011, ndr), eppure dopo sono stato lasciato seduto in panchina. Non era giusto. Non posso dire perché Mancini l’abbia fatto. Ne abbiamo discusso molte volte, ma le nostre opinioni sembravano differire sempre. Ero in una posizione molto difficile. In un certo senso, non avevo voglia di lamentarmi perché lui mi aveva portato in Inghilterra dandomi l’opportunità di giocare nel miglior campionato del mondo”. Anche altri elementi di spicco, quali Kompany, Hart e Silva, avrebbero chiesto la cacciata del marchigiano stando a quanto dichiara il bomber.

Dzeko ha ritrovato il sorriso con il nuovo allenatore e si sente nuovamente importante: “Pellegrini è bravo, personalmente sono felice con lui e , cosa più importante , tutti i miei compagni di squadra sono felici così. Lui ha introdotto qualcosa di nuovo alla squadra, sia in termini di gioco che facciamo, sia in termini di allenamento – conclude l’attaccante – ha ridato fiducia all’ambiente e sicuramente questa stagione sarà migliore della precedente”.

Latest articles

La situazione nei principali campionati europei

Ormai da più di un mese è terminato il campionato del mondo e tutti...

Statistiche e gare del Mondiale in Qatar 2022

Il Mondiale in Qatar 2022 rappresenta qualcosa di nuovo, da un punto di vista...

Unai Emery lascia il timone del Sottomarino Giallo e soccorre l’Aston Villa

La notizia che non t’aspetti, di quelle che smuovono la cronaca sportiva e non...

Real Madrid 3 Barcellona 1, le pagelle: I blancos di Ancelotti affondano i blaugrana

Andiamo a vedere le pagelle di questo primo Clasico stagionale che consegna la testa...

Il Benfica trionfa sul Boavista 3-0

Sabato 27 agosto il Boavista ospita al Bessa il Benfica per la 4° giornata...

Work in progress per il mercato dei calciatori in Europa

C’è fermento nel calciomercato europeo. Molti colpi sono già stati messi a segno dai...

Viaggio al Estadio de la Céramica di Villareal

Il clima a Valencia è ideale: soleggiato e leggermente ventilato. Abbiamo appuntamento con Besmir...

Al Real Madrid la Supercoppa di Spagna. E Carletto Ancelotti fa 21.

Pur essendo giunto secondo nel campionato di Primera Division 2020/2021, il Real Madrid si...

More like this

Liverpool-Leicester 3-0, Diogo Jota continua nel suo magic-moment

Ottavo gol in stagione, quarto nelle quattro partite giocate ad Anfield, primo nella storia...

Coronavirus, paradosso Newcastle: stipendio garantito ai calciatori, dipendenti in disoccupazione

La crisi ai tempi del coronavirus investe, giocoforza, anche le società professionistiche del mondo...

Wolverhampton: nel nome di Espírito Santo

Non ha l'appeal internazionale delle due squadre di Manchester, del Liverpool, dell'Arsenal o del...