HomePremier LeagueWba-Arsenal 1-1: ottimi Baggies, i Gunners rallentano

Wba-Arsenal 1-1: ottimi Baggies, i Gunners rallentano

Published on

PREMIER LEAGUE WBA ARSENAL – L’Arsenal di giallo vestito si presenta sul campo del West Bromwich Albion per confermare quanto di buono fatto vedere fino a questo momento. Il Liverpool ha vinto con il Crystal Palace (clicca qui per la cronaca) ed è momentaneamente davanti in classifica. Gli uomini di Wenger hanno già avuto a che fare con i Baggies ultimamente, in Capital One sono serviti i rigori per decidere l’incontro (clicca qui per il riepilogo del turno) stavolta ci sono solo novanta minuti a disposizione. Per i primi 15 minuti la palla resta tra i piedi dei Gunners, particolarmente ispirati – e non è una novità – quelli di Ozil, l’ex blanco ispira Gibbs ma l’esterno calcia in tribuna. Problemi per Ramsey, questa settimana nell’occhio del ciclone per una sigaretta galeotta (clicca qui per saperne di più), a metà prima tempo il suo ginocchio mette in apprensione la panchina. Si scalda Rosicky ma ‘allarme rientra, Jack è stato uno dei giocatori più impiegati in questo inizio di stagione ed è normale che a livello fisico paghi un po’.

Il West Brom prende campo, Anelka in avanti si contraddistingue per una certa indolenza, più presente Sessegnon. Wilshere alla mezz’ora piomba nuovamente a terra per una manata di Yacob. E il pubblico lo becca. Padroni di casa che difendono bassissimi, Yacob e Mulumbu pensano all’interdizione e corrono ovunque rendendo meno pericoloso il possesso palla dei londinesi e i minuti passano. Occasione buona al 39esimo, folla nell’aria del Wba, Giroud si sostituisce a Myhill e bocca la conclusione di Ramsey. In vantaggio vanno però i Baggies, Yacob prende bene il tempo su Jenkinson e segna di testa. Primo gol per lui con la maglia del Wba. Da alcuni i minuti la presenza dei padroni di casa nella metà campo avversaria si è fatta costante, ancora più convincente la spinta dopo il vantaggio. Wilshere è nervoso, brutta l’entrata da dietro su Yacob. Tre minuti di recupero, Arsenal che accoglie con sollievo il fischio di Mason. Prima volta in svantaggio quest’anno.

Wba che riprende come aveva finito, forte. Bella discesa sulla sinistra di Berahino, fa tutto bene il giocatore originario del Burundi compreso il servizio per Anelka, che arriva fuori tempo e grazia la squadra che l’ha lanciato. Gunners di nuovo pericolosi con Giroud, contenuto da Olsson, troppi spazi però a disposizione dei Baggies che continuano a creare grattacapi. Anelka spreca ancora la palla del 2-0, stavolta è ottimo il movimento con il quale chiama il passaggio e taglia fuori la difesa, a tu per tu con Szczesny va con il destro a rientrare sul secondo palo. Fuori di poco. Amalfitano perde un brutto pallone al limite, Flamini va al tiro ma l’ex Marsiglia si riabilita andando a murare col corpo la conclusione. Rosicky si toglie la giacca, Ramsey lascia il campo, manca circa mezz’ora al fischio finale. Il ceco ci prova subito, il suo tiro esce di parecchio. I Gunners non hanno affatto le idee chiare ma spingono con il cuore, Berahino sfrutta un’indecisione del centrocampo per alimentare l’azione di rimessa, Yacob la chiude con un tiraccio da mediano. L’Arsenal ha bisogno di un guizzo, non è un caso che a segnare sia proprio Wilshere che (con l’aiuto di una deviazione) scaglia in rete una palla confezionata di fino da Giroud e Rosicky.

Gara aperta e molto divertente, entrambe le squadre vogliono la posta in palio, Szczesny mette ci mette i pugni sulla botta di Billy Jones. I Gunners non stanno a guardare, anzi. Giroud, pescato alla grande da Wilshere, ha una grande occasione quando ad un quarto d’ora dal termine si presenta al cospetto di Myhill, il francese cerca di saltare il portiere che però resta in piedi e salva. Proteste per un’entrata da brivido di Mulumbu in area, il congolese prende la palla ma tocca anche Wilshere. I Baggies hanno cercato con coraggio il gol partita, negli ultimi minuti prevalgono stanchezza e paura e i Gunners si piantano nella metà campo avversaria. Esce Anelka, entra un’altra meteora juventina, Bendtner, Wenger spera nei centimetri del danese per risolvere la gara. Non si è visto il miglior Arsenal, che pareggia la prima gara in campionato, davvero ottima la prova del West Bromwich Albion. Il pubblico casalingo applaude gli uomini di Clark , non sarebbe stato uno scandalo se fossero arrivati i tre punti.

Latest articles

In Bundesliga ora è Kolo Muani mania, il francese sempre più decisivo

Sabato scorso, contro l'Hertha Berlino, è arrivata anche la prima doppietta in Bundesliga: a...

La situazione nei principali campionati europei

Ormai da più di un mese è terminato il campionato del mondo e tutti...

Statistiche e gare del Mondiale in Qatar 2022

Il Mondiale in Qatar 2022 rappresenta qualcosa di nuovo, da un punto di vista...

Unai Emery lascia il timone del Sottomarino Giallo e soccorre l’Aston Villa

La notizia che non t’aspetti, di quelle che smuovono la cronaca sportiva e non...

Real Madrid 3 Barcellona 1, le pagelle: I blancos di Ancelotti affondano i blaugrana

Andiamo a vedere le pagelle di questo primo Clasico stagionale che consegna la testa...

Il Benfica trionfa sul Boavista 3-0

Sabato 27 agosto il Boavista ospita al Bessa il Benfica per la 4° giornata...

Work in progress per il mercato dei calciatori in Europa

C’è fermento nel calciomercato europeo. Molti colpi sono già stati messi a segno dai...

Viaggio al Estadio de la Céramica di Villareal

Il clima a Valencia è ideale: soleggiato e leggermente ventilato. Abbiamo appuntamento con Besmir...

More like this

Liverpool-Leicester 3-0, Diogo Jota continua nel suo magic-moment

Ottavo gol in stagione, quarto nelle quattro partite giocate ad Anfield, primo nella storia...

Coronavirus, paradosso Newcastle: stipendio garantito ai calciatori, dipendenti in disoccupazione

La crisi ai tempi del coronavirus investe, giocoforza, anche le società professionistiche del mondo...

Wolverhampton: nel nome di Espírito Santo

Non ha l'appeal internazionale delle due squadre di Manchester, del Liverpool, dell'Arsenal o del...