Norvegia, 9° giornata: riflettori su Strømsgodset-Brann

Drammen, Marienlyst Stadion, domenica 12 maggio, ore 18
Strømsgodset – Brann
Tippeligaen, 9° giornata

Si trova poco lontano da Oslo, al Marienlyst Stadion di Drammen, il campo su cui si svolgerà la partita più importante della nona giornata del campionato norvegese in programma oggi (con due partite in posticipo domani). A una prima occhiata, tuttavia, Strømsgodset-Brann sembra avere un fascino limitato a causa dei pochi sedicesimi di nobiltà che si trovano nel sangue di queste squadre: i padroni di casa annoverano nel palmares un solo campionato vinto, e oltretutto molto tempo fa (1970), gli ospiti di campionati in passato ne han vinti tre, ma solo uno di recente (2007) mentre gli altri risalgono addirittura agli anni ’60. La verità però è che si tratta di una partita interessantissima, e non solo perché è già da qualche anno che queste squadre stanno cercando di piazzarsi nelle zone alte della classifica (lo Strømsgodset è arrivato secondo nel 2012), ma soprattutto perché quest’anno entrambe hanno fatto una partenza sprint tale che, al momento, possiamo definirle come due accreditate pretendenti al titolo. Tant’è che ora come ora lo Strømsgodset è primo in classifica, e il Brann è secondo, per cui quello di oggi potrebbe già essere uno snodo fondamentale per la Tippeligaen 2013.

Lo Strømsgodset ha un ruolino di marcia invidiabile, con sette vittorie, due pareggi e una sola sconfitta in questo campionato, ed è in striscia di risultati utili da sei partite consecutive, frutto di due pareggi e quattro vittorie. Dopo la vittoria casalinga col Viking il 5 maggio, Kjell Jonevret, allenatore ospite, ha speso parole di miele per gli avversari: «Lo Strømsgodset è la squadra più forte che c’è in Norvegia! Mi dispiace che abbiamo perso, ma abbiamo imparato molto: questa è la squadra migliore del campionato, non saremo gli unici a perdere su questo campo!» In attesa di vedere se la profezia di Jonevret si realizzerà, e se ne farà le spese pure il Brann, possiamo dire che in effetti la squadra di Drammen, guidata da Ronny Deila, sta convincendo gli osservatori oltre le aspettative. L’uomo da vetrina del team è sicuramente Lars Christopher Vilsvik, difensore destro dell’88 col vizietto del gol, tanto che con le sue quattro reti segnate in questo campionato è il marcatore più proficuo della squadra, e si parla insistentemente per lui di una possibilità di entrare nel giro della nazionale. Tre gol ne ha segnati invece Muhamed Keita, centrocampista del ’90 di origine gambiana ma naturalizzato norvegese (ha già giocato anche nell’Under 21). La squadra è insomma un mix di giovani interessantissimi con qualche uomo più “vecchio” che porti l’esperienza necessaria nei momenti più difficili: soprattutto Peter Kovacs, attaccante ungherese del ’78, è un immarcescibile veterano che quest’anno ha giocato finora otto partite su otto segnando già due reti.

È quindi lo Strømsgodset il favorito di questa sfida? Chissà? Di certo l’ambizioso Brann, pur non avendo dalla sua il fattore campo, non accetterà di buon grado di fare da vittima sacrificale alle velleità di vittoria finale degli avversari. Anzi, il Brann ha le stesse velleità, e scende a Drammen con l’intento di portare a casa una vittoria che lo proietterebbe in vetta alla classifica (un pareggio non sarebbe da buttare anche se la classifica dietro è corta e ci sarebbe il rischio di essere risucchiati da qualche inseguitrice). Quarto nel 2011 e sesto nel 2012, è qualche anno che il Brann fa la figura di una bella incompiuta, una squadra interessante a cui manca il “quid” per raggiungere traguardi più prestigiosi. Quest’anno però i ragazzi di Rune Skarsfjord sembrano avere intenzioni ancora più serie. Il mercato invernale è stato oculato e ambizioso, anche se si è dovuto fare qualche sacrificio: sono stati ceduti gli africani Kim Ojo (passato ai belgi del Genk) e Bentley (finito in Cina, al Wuhan Zall) ma questo per ora è stato compensato dagli arrivi del venticinquenne austriaco Martin Pusic dal Fredrikstad (otto presenze e un gol finora) e del senegalese Stéphane Diarra Badji (23 anni, anche per lui otto presenze) dal Sogndal; il resto della rosa è comunque piuttosto promettente, e spicca la presenza Erik Huseklepp (tre gol finora), riaccasatosi a Brann dopo le non del tutto riuscite esperienze a giro per l’Europa. Tre gol all’attivo anche per il centrocampista dell’85 Amin Askar.

Insomma, incrociate le lame e siate pronti alla sfida. In campionato il Brann non batte lo Strømsgodset dal 2010 (e fu un bel 4-0) e non vince a Drammen dal 2007 (un bel 2-4), ma questo può lasciare il tempo che trova. D’altronde, la vittoria del Brann nei quarti di finale di Coppa dell’anno scorso (4-3 a Bergen) dimostra che sulla singola sfida può succedere di tutto!

 9° giornata
12/5: Sandnes Ulf – Molde
Strømsgodset – Brann
Haugesund – Vålerenga
Tromsø – Sarpsborg 08
Start – Viking
Sogndal – Odd
13/5: Aalesund – Lillestrøm
Hønefoss – Rosenborg

Classifica
Strømsgodset 17
Brann 15
Rosenborg 14
Aalesund 14
Sarpsborg 08 13
Viking 13
Lillestrøm 11
Haugesund 11
Tromsø 10
Hønefoss 9
Start 9
Sogndal 9
Vålerenga 9
Odd 8
Sandnes Ulf 8
Molde 5

http://calcionorvegese.blogspot.it/

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.