Jupiler Pro League, play-off: riepilogo terza giornata

PLAY-OFF PER IL TITOLO

 Grandissimo spettacolo in vetta, partiamo dal match tra Zulte e Standard Liegi, che forse verrà ricordato come uno degli incontri più belli di questa stagione. Lo Zulte al 54esima sembra in totale controllo, 3-1, e contro si ritrova uno Standard confusionario  i gol sono di Leye, Hazard e Godeau e di Vaniqueur). La rete del 3-1 risveglia l’anima dello Standard, che dopo soli sette minuti accorcia le distanze con M’Poku e dopo altri tre giri d’orologio arriva il gol del pareggio, qualcosa d’incredibile che spegne l’entusiasmo del pubblico e soprattutto dà una mazzata incredibile ai padroni di casa che crollano definitivamente al 79° con il gol di Ezekiel. Finale ad alta tensione per il Zulte con Leye che viene espulso, grande occasione mangiata dallo Zulte per superare l’Anderlecht ed avvicina lo Standard alla vetta, trovandosi ora a -4

L’Anderlecht nel super classico pareggia 1-1 in una match pieno d’emozioni in cui le squadre si dividono la partita un tempo a testa, nel primo tempo il Club Brugge trova il gol complice autogol di Odoi sfortunato nel depositare la palla in rete per cercare d’anticipare Bacca, viene espulso lo stesso Odoi per fallo da ultimo uomo e gli ospiti vanno vicino al raddoppio diverse volte con Lestienne e Bacca. Nella ripresa con orgoglio e onore l’Anderlecht cambia l’inerzia del match prendendo il controllo del centrocampo, ai bianco-malva viene negato un rigore solare, ma al 60° con Mbokani. La partita si mantiene viva e divertente, ma il risultato non cambia.

Il Lokeren continua a fare la vittima sacrificale di questi playoff, in un cui ha fatto solo un punto nell’ultime 3 partite, dimostra che la rosa non è adatta per competere con gli altri. Tanto che contro il Genk neanche il vantaggio di Mokulu serve per portare a casa la prima vittoria, infatti il Gent grazie alla qualità dei suoi uomini riesce a conquistare la vittoria capovolgendo il match con Plet e Ngcongca nel finale.

Risultati – Classifica:

Zulte Waregem – Standard Liegi 4-3
Genk – Lokeren 2-1
Anderlecht – Club Brugge1-1

Anderlecht 36
Genk 35
Zulte 34
Standard 32
Club Brugge 31
Lokeren 27

Playoff Europa League

 Rimangono sempre molto equilibrate le varie classifiche in questo turno di play-off. Nel girone A il Lierse mette paura ad inizio partita con El-Gabbas, ma il Gent mostra la caratura da grande squadra, non a caso per loro era previsto un campionato ben diverso da quello fatto, e con i gol di Mboyo su rigore e Kage capovolgono il match vincendo 2-1. Torna la sconfitta il Mons Bergen di Enzo Scifo, che cade con poco onore 3-0 nel campo del Kortrijk in gol Carevic, Webnje, De Mets. Nel gruppo B finalmente si sveglia il Mechelen che travolge 3-0, in trasferta, il Leuven, già nel primo tempo la partita è chiusa grazie ai gol di Vandam e Pedersen, nella ripresa Dialiba mette i titoli di coda al match. Lo Charleroi mantiene la vetta pareggiando in casa contro il Waasland-Beveren di De Smet risponde nel secondo tempo, dopo forcing continuo, Kaya, nel finale le squadre perdono d’intensità concludendo il match 1-1

Gruppo A:
Lierse – Gent 1-2
Kortrijk – Mons 3-0

Gent 7, Kortrijk 5, Mons 3, Lierse 1

Gruppo B:
Charleroi – Waasland-Beveren 1-1
Leuven – Mechelen 0-3

Charleroi 5, Beveren 4, Mechelen 4, Leuven 3

Playoff Salvezza

Colpo grosso del Cercle che batte per la seconda volta il Beerschot dando un grosso scossone a questi playoff, al momento la formazione di Lorenzo Staelens, subentrato a Foeke Booy la scorsa settimana, si trova a pari punti con il Beerschot e il tutto si deciderà nelle prossime due partite. Il match è stato emozionante, i primi a passare in vantaggio sono quelli del Cercle grazie al gol di Mertens. Il Beerschot, capisce che una sconfitta oggi darebbe tante grane e si spinge a pieno organico all’attacco trovando anche il pari con Raman. Nella ripresa a partire forte è il Cercle che trova il gol partita al 54° con Boy, il Beerschot ci prova fino alla fine con scarsi risultati.

Classifica:
Beerschot 6
Cercle Brugge 6

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.