Manchester United-Leeds 2-2, rimonta a metà per ten Hag

sancho

Da una parte una squadra reduce da 13 successi di fila nel suo stadio, dall’altra una incapace di vincere nelle ultime sette uscite in Premier League e con in panchina un allenatore ad interim, Skubala, dopo l’esonero di Marsch: Manchester United-Leeds sembrava da 1 fisso, alla fine i “red devils” si devono accontentare di un punto arrivato dopo una doppia rimonta. 2-2 il finale che impedisce agli uomini di ten Hag di agganciare i cugini del City al secondo posto (ma con una partita in più) e di avvicinare la vetta: l’Arsenal resta lontano sette punti e con due partite giocate in meno.

Il recupero dell’ottava giornata si apre col gol lampo del “nostro” Gnonto: l’attaccante della nazionale sfrutta al meglio l’assist di Bamford e batte De Gea con un preciso rasoterra sul primo palo. Gnonto, peraltro, è poi protagonista di una partita di ottimo livello, la difesa dello United lo soffre e molto. Da segnalare in casa Leeds l’esordio in Premier League di McKennie, ex Juve.

Il Man U soffre la mancanza di Eriksen e Casemiro in mezzo al campo, nonostante il neo-acquisto Sabitzer non sfiguri. Il Leeds sfiora così subito il raddoppio, De Gea è bravo su Struijk. Passato lo spavento, i padroni di casa cominciano a macinare occasioni: due capitano a Garnacho, prima poco preciso da ottima posizione, poi anche un po’ sfortunato visto che il tiro a colpo sicuro, dopo aver dribblato Meslier, è respinto a Wober sulla linea. Sabitzer, con un sinistro dal limite, e Varane con un tentativo di pallonetto di testa, trovano pronto Meslier.

Gol e occasioni nella ripresa

Il copione si ripete ad inizio ripresa: il Manchester United esce molle dagli spogliatoi, ne approfitta il Leeds. Garnacho perde palla sulla pressione avversaria, Koch rilancia l’offensiva ospite, Summerville quasi dalla linea di fondo prova il cross basso e trova la deviazione decisiva di Varane che infila nella sua porta.

Ten Hag reagisce: dentro Sancho, al rientro in Premier dopo oltre tre mesi, e Pellistri. Proprio una palla conquistata dall’uruguaiano dà il là all’azione dell’1-2: cross di Dalot e incornata vincente del solito Rashford, al 12esimo gol in 14 partite dopo il Mondiale. Il Leeds sfiora subito il gol del 3-1 (palo di Aaronson su punizione) ma al 70′ arriva il gol del pareggio proprio di Sancho: l’ex Dortmund prima combina sulla sinistra con Shaw, poi batte Meslier con un piatto centrale ma potente.

Con venti minuti più recupero da giocare il 3-2 è nell’aria ma non arriva: Varane e Rashford hanno le occasioni migliori ma Meslier si guadagna un voto alto in pagella con un altro intervento di pregevole fattura. Finisce 2-2, partita spettacolare che consente all’undici di Elland Road di tirarsi fuori dalla zona retrocessione e mantiene saldo il Manchester United in zona Champions (+4 sul Tottenham quinto). Ma i sogni di rimonta al vertice restano tali.

About Alfonso Alfano 1808 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.