Europa League, Gruppo J: Chiesa Jr. regala il primo posto alla Fiorentina

Fiorentina Europa league

La Fiorentina strappa il biglietto per i sedicesimi di Europa League e lo fa nel modo migliore, garantendosi un posto da prima del girone J. Ottime notizie per la squadra toscana, che torna da Baku con certezze in più.

L’impegno non spaventava gli uomini di Paulo Sousa, dopo tutto bastava un punticino per chiudere al meglio la pratica, benone che ne siano arrivati tre per dimenticare lo scivolone con il Paok di due settimane fa. Quello che colpisce è il carattere messo in mostra dai viola (oggi in campo in completo rosso). Baku di questa stagione non è proprio tra i posti di villeggiatura più accoglienti, fortunatamente i toscani si dimostrano pronti nella gestione di una trasferta di questo tipo, esame di maturità superato.

C’era da fare attenzione, perché il Qarabaq non giocava per la gloria ma ottenere il posto qualificazione. Alla fine l’ha spuntata il PAOK, ringalluzzito proprio dalla vittoria con i viola, stasera un secco due a zero firmato Rodrigues e Pelkas è bastato a chiudere la pratica. Torniamo alla gara del Tofiq Bahramov Stadium, che ha regalato al pubblico un primo tempo piuttosto bloccato, anche se non sono mancate le emozioni.

Tatarusanu deve ringraziare il palo alla mezz’ora, i padroni di casa fanno paura con gli sprint di Ndlovou, davvero un brutto cliente per la retroguardia gigliata. Partita verissima, come abbiamo detto, pochi minuti e anche Bernardeschi trova un legno sulla sua strada, in seguito a un bel mancino al volo. Primo tempo che si chiude in parità, giusto, Sousa capisce che se vuole vincerla deve fare qualcosa. Babacar tende a steccare le grandi occasioni, un peccato, al suo posto entra Kalinic e il cambio si rivela azzeccato.

E’ proprio il neoentrato a servire Vecino per il gol del vantaggio. La partita prende una certa piega, ma la Fiorentina trova il modo di complicarsi la vita sonnecchiando sul gol di Reynaldo. Va dato atto ai viola di non essersi scomposti dopo un episodio sfavorevole, dimostrazione che questa squadra in Europa sa starci eccome. Non tutto può andare sempre secondo programma, la forza di una squadra nel proseguire nelle proprie intenzioni senza farsi distrarre da ciò che va storto. E la Viola lo fa.

La vittoria arriva e arriva con un gol da consegnare agli annali, quello di Federico Chiesa. Un gol che ricorda il fiuto di Enrico, realizzazione da rapace d’area. Il ragazzo è giovane, il secondo giallo che rimedia nel giro di pochi minuti va derubricato per quel che è: peccato di gioventù. Il Qarabaq ci crede, ma anche in questo caso la Fiorentina non molla niente. La vittoria è importante, il modo in cui è arrivata dà ulteriore serenità.

Europa League, Gruppo J
Qarabaq-Fiorentina 1-2
Paok-Liberec 2-0

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.