L’Union Berlin rinforza l’attacco: preso Simon Hedlund dall’Elfsborg

L’Union Berlin pesca ancora in Scandinavia: dopo l’arrivo, a gennaio, del portiere danese Jakob Busk e l’acquisto estivo del terzino connazionale Kristian Pedersen, i berlinesi rinforzano il reparto offensivo con l’attaccante svedese Simon Hedlund, prelevato dall’Elfsborg. Con la squadra della città di Boras, Hedlund ha giocato quattro stagioni, collezionando 130 presenze, 24 gol e 25 assist e vincendo, con il club giallo-nero, l’Allsvenskan e la Svenska Cupen nel 2012.

Il trasferimento, il cui costo complessivo dell’operazione si aggirerebbe sui 850mila euro, diventa il più costoso nella storia dell’Union Berlino, scavalcando l’acquisto dello statunitense Bobby Wood, costato l’anno scorso 800mila euro, per poi essere venduto quest’estate all’Amburgo con una ricca plusvalenza.

Simon, che può spaziare su tutto il fronte offensivo e, all’occorrenza, retrocedere anche a centrocampo, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al giugno 2020. «Simon è un giocatore che porta un po’ di esperienza nonostante la giovane età ed è utilizzabile in più ruoli», ha dichiarato Helmut Schulte, dirigente dell’Union Berlin.

Il giovane svedese ritorna, così, allo stadio Alte Försterei: la prima volta, però, nel novembre 2015, fu da semplice spettatore invitato ad assistere, assieme ad altri giocatori dell’Elfsborg, al match casalingo contro l’Arminia Bielefeld. Impressionato dall’atmosfera, quando gli han detto che l’Union era sulle sue tracce, lui non ha esitato un secondo: «E’ stata una decisione facile per me e sono molto contento. Spero di vincere con questa maglia», sono state le prime parole del nuovo attaccante.

COPY CODE SNIPPET
About Giovanni Sgobba 114 Articoli
Giornalista, nato a Bari in un ambiente dove gli si diceva di tifare per i bianco-rossi, ha seguito il suggerimento alla lettera appassionandosi all'Union Berlin. Fidanzato ufficialmente con il club dal 12 agosto del 2012 quando ha assistito ad una partita per la prima volta nello stadio An der Alten Försterei. Ama i cappelli: i suoi, quello di De Gregori, di Charlie Brown, di Alan Grant e di Nereo Rocco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.