Guida Euro 2016, Gruppo E: l’Italia

Tra le possibili outsider di Euro 2016 una menzione d’onore va sicuramente fatta alla tanto bistrattata Italia. Ai nastri di partenza, la Nazionale di Antonio Conte non è tra le favorite alla vittoria finale ma storicamente gli Azzurri sono una squadra ostica e questa versione meno tecnica e più fisica potrà rivelarsi complicata da affrontare. L’urna di Nyon non è stata troppo clemente con la selezione del Belpaese: a completare il Gruppo E ci sono il Belgio, l’Irlanda e la Svezia di Ibrahimovic che già una volta furono fatali all’Italia (Svezia-Danimarca 2-2, il “Biscotto”).

La Nazionale non è mai stata una grande dominatrice in Europa: l’unica volta che gli Azzurri riuscirono ad alzare al cielo la coppa nella massima competizione nazionale fu nel 1968, quando gli Europei si disputarono in tre città italiane (Firenze, Roma, Napoli). Ai tempi, in caso di parità dopo i centoventi minuti la partita si disputava di nuovo quarantotto ore dopo: solo più avanti furono introdotti i calci di rigore. La finale fu Jugoslavia – Italia e i padroni di casa riuscirono a ribaltare il vantaggio iniziale di Džajić solo all’ottantesimo con Domenghini. Al ritorno gli Azzurri archiviarono la partita già nella prima frazione: Gigi Riva ed Anastasi sancirono il due a zero finale. Successivamente l’Italia tentò di nuovo l’assalto alla coppa ma fu sempre vano: ad Euro 2012 la Nazionale di Prandelli si arrese solo alla Spagna (4-0), in finale.

Italia
Il commissario tecnico dell’Italia, Antonio Conte

ANALISI TECNICO-TATTICA

Il 3-5-2 che Conte ha intenzione di schierare all’Europeo è lo stesso che tante fortune ha regalato al tecnico pugliese con la Juventus. Non è casuale infatti che la difesa (più il portiere) sia proprio la stessa della compagine bianconera: Bonucci, Barzagli e Chiellini sono la grande muraglia della nostra Nazionale nonché i nostri migliori giocatori (insieme a Gigi Buffon). Il centrocampo presenta due esterni che si dovranno occupare di entrambi le fasi (Candreva/Florenzi e El Shaarawy/Darmian), al centro troviamo un regista che nel caso degli Azzurri dovrebbe essere Thiago Motta e due centrocampisti di quantità: De Rossi e Parolo. In attacco ad una punta di peso come Graziano Pellè verrà affiancato un giocatore di movimento come Eder. Non è da sottovalutare la possibilità che in caso di risultato sfavorevole, il commissario tecnico decida di passare al 3-4-3 con Candreva-Pellè-El Shaarawy in avanti e la sostituzione di uno tra Thiago Motta e De Rossi.

Italia
Il miglior giocatore degli Azzurri: Buffon

LA STELLA

Senza ombra di dubbio il miglior giocatore della selezione è Gianluigi Buffon: questo particolare titolo è però da condividere con i suoi compagni di reparto Bonucci, Barzagli e Chiellini. Come narra una delle massime dello sport americano “Offense sells tickets, defense win games” (l’attacco vende i biglietti, la difesa vince le partite), il reparto difensivo dell’Italia è probabilmente il migliore della competizione e questo non può che far sperare Conte. A salvare la porta ci penserà l’estremo difensore della Juventus che, a 38 anni, ha vissuto una delle migliori stagioni della sua carriera. Vino.

Italia
Thiago Motta in azione

LA SORPRESA

Italia terra di santi, poeti e … giudici. Subito pronti a puntare il dito sul miglior centrocampista azzurro, Thiago Motta, reo di essere stato selezionato come numero 10 di questa squadra. Il giocatore del Paris Saint Germain oltre a possedere una visione del gioco ampissima è riuscito a rinnovarsi diverse volte nella sua carriera: a Parigi ha imparato la nobile arte del rubare i palloni, sotto la guida di Blanc si è trasformato in “guardiano del faro” (Verratti) con risultati eccelsi. Numero 10 più che meritato. Non è una sorpresa ma quando anche i “giudici” lo rivaluteranno allora per tutta Italia sarà tale. Struggle for greatness.

LE PROSPETTIVE 

L’Italia affronterà la competizione con un solo obiettivo: cercare di raggiungere almeno i quarti di finale. Il girone degli Azzurri non è proibitivo ma decisamente ostico ed è più probabile che la Nazionale raggiunga la seconda posizione che non la prima (i bookmakers danno il Belgio come favorito). Da lì in poi ai ragazzi di Conte è vietato tappare le ali, sempre restando con i piedi ben piantati a terra. Il gruppo è molto coeso e con la giusta chimica di squadra sul rettangolo verde, l’Italia potrà togliersi diverse soddisfazioni.

Pos. Giocatore Data Nascita Squadra
P Gianluigi Buffon  28/01/78 Juventus (Serie A)
P Federico Marchetti  07/02/83 Lazio (Serie A)
P Salvatore Sirigu  12/01/87 PSG (Francia)
D Giorgio Chiellini  14/08/84 Juventus (Serie A)
D Leonardo Bonucci  01/05/87 Juventus (Serie A)
D Andrea Barzagli  08/05/81 Juventus (Serie A)
D Matteo Darmian  02/12/89 Manchester United (Inghilterra)
D Mattia De Sciglio  20/10/92 Milan (Serie A)
D Angelo Ogbonna  23/05/88 West Ham (Inghilterra)
C Federico Bernardeschi 16/02/94 Fiorentina (Serie A)
C Antonio Candreva  28/02/87 Lazio (Serie A)
C Daniele De Rossi  24/07/83 Roma (Serie A)
C Stephan El Shaarawy  27/11/92 Roma (Serie A)
C Alessandro Florenzi  11/03/91 Roma (Serie A)
C Emanuele Giaccherini  05/05/85 Sunderland (Inghilterra)
C Stefano Sturaro  09/03/93 Juventus (Serie A)
C Thiago Motta  28/08/82 PSG (Francia)
C Marco Parolo  25/01/85 Lazio (Serie A)
A Ciro Immobile  20/02/90 Siviglia (Spagna)
A Graziano Pellè  15/07/85 Southampton (Inghilterra)
A Lorenzo Insigne  04/06/91 Napoli (Serie A)
A Simone Zaza  25/06/91 Juventus (Serie A)
A Eder 15/11/86 Inter (Serie A)
About Gianmarco Galli Angeli 210 Articoli
Classe 96. Aspirante giornalista e telecronista, coltiva la sua passione scrivendo per tuttocalcioestero.it. E' un amante sfrenato degli intrecci specie quando a fondersi sono calcio e storia, lato poetico in una vita fatta di prosa.

1 Commento su Guida Euro 2016, Gruppo E: l’Italia

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.