ACL, East Zone: Guangzhou beffato nel finale, il Seoul è una macchina da gol

during the AFC Champions League match between Buriram United and FC Seoul at Buriram on February 23, 2016 in Buri Ram, Thailand.

Terza giornata della fase a gironi della AFC Champions League. Dopo le buone prestazioni di Sipg e Jiangsu, quest’oggi le compagini cinesi non possono certamente sorridere, con il Guangzhou che si fa rimontare in casa il doppio vantaggio acquisito nei minuti iniziali. Il risultato che fa più scalpore è quello dello Shandong, umiliato in casa dai coreani del Seoul per 4-1, con la doppietta dell’incredibile attaccante brasiliano Adriano.

GRUPPO F

SHANDONG LUNENG-SEOUL 1-4 (28′,71′ ADRIANO, 62′ JUCILEI, 66′ GO Y, 68′ DAMJANOVIC)

Tutti ad applaudire Adriano, il brasiliano che sta conquistando il continente asiatico a suon di gol, ben nove in tre partite di girone.
Questa volta la vittima dell’attaccante del Seoul è lo Shandong Luneng di Cuca, reduce da un importante e sofferta vittoria in campionato contro il Liaoning, nella quale ha perso Montillo, il catalizzatore della squadra. Il Seoul sblocca le marcature a metà del primo tempo a causa di una clamorosa ingenuità difensiva degli avversari: il giapponese Takhagi lascia partire un cross in direzione di Adriano, con il difensore Li Dai che sbaglia clamorosamente la salita per il fuorigioco, a questo punto niente è più facile che segnare per il brasiliano.

Lo Shandong riesce a riacciuffare la partita con Jucilei, che insacca di testa grazie al cross dalla destra dello specialista Zhao. Dopo aver riequilibrato il punteggio i padroni di casa spariscono dal campo e subiscono tre reti nell’arco di soli nove minuti, con la difesa degli Orange Fighters incapace di contenere le scorribande offensive del Seoul. Adriano serve l’assist del 2-1 e segna l’ultima rete della partita. Sul tabellino dei marcatori entra anche il montenegrino Damjanovic, che in Cina è stato l’attaccante del Beijing Guoan.

Per lo Shandong si tratta della seconda pesante sconfitta stagionale, l’assenza di Montillo in mezzo al campo è evidente, così come manca un solido difensore da affiancare a Gil, dato che la prestazione di Li Dai oggi è stata alquanto disastrosa. Fra poco meno di un mese la partita si disputerà nuovamente in Corea, e difficilmente gli Orange Fighters saranno in grado di battere i loro avversari.
Il Seoul sta impressionando il continente asiatico e si pone come una delle favorite per la vittoria del titolo.

SANFRECCE HIROSHIMA-BURIRAM 3-0 (42′, 55′ ASANO, 81′ SHIMIZU)

Ne approfitta il Sanfrecce Hiroshima della sconfitta dello Shandong, battendo i thailandesi del Buriram per tre reti a zero, riaprendo così il discorso qualificazione.
La partita viene decisa dalla doppietta di Asano. Il primo gol dell’attaccante giapponese viene siglato al termine del primo tempo, grazie a un lancio in profondità che si insinua fra le maglie dei difensori e che permette Asano di presentarsi a tu per tu col portiere per poi batterlo con un tiro rasoterra. Molta simile la seconda rete, che si caratterizza per uno scatto in velocità che lascia sul posto il proprio marcatore. Nel finale c’è spazio anche per la rete dell’esterno sinistro Shimizu, che batte il portiere avversario con una magistrale conclusione a giro sul secondo palo.
Il Sanfrecce per mantenere aperto il discorso qualificazione dovrà necessariamente conquistare punti anche in Thailandia e giocarsi il tutto per tutto nella sfida in trasferta contro lo Shandong

Classifica: Seoul (kor) 9, Shandong (chn) 6, Hiroshima (jpn) 3, Buriram (tha) 0

GRUPPO H

GUANGZHOU-URAWA (6′,14′ GOULART, 30′ MUTO, 89′ KOROKI)

Un disastro, si può commentare solo così la prestazione del Guangzhou Evergrande, così come la sua posizione nel girone. Per i campioni d’Asia ultimo posto e soli due punti conquistati.

Dopo la straripante vittoria in campionato gli uomini di Scolari sembravano aver cambiato marcia, una tendenza positiva confermata dallo straripante quarto ‘ora giocato contro i giapponesi dell’Urawa. Con due gol segnati da Goulart (uno su rigore), il Guangzhou sembrava avere il totale controllo del match.
La storia della partita cambia al 30′, quando i giapponesi, dopo aver rischiato di subire anche il terzo gol, accorciano le distanze con la rete segnata dal giapponese Muto su calcio d’angolo, propiziata dal clamoroso errore in uscita di Zeng.
Secondo tempo combattuto ad armi pari, con il Guangzhou che tanta di giocare in ripartenza piuttosto che ne tentare di prendere il dominio del campo. Un atteggiamento che alla fine condanna gli uomini di Scolari con il tiro dall’interno dell’area di Koroki all’89’ che condanna i campioni d’Asia all’ultimo posto nel girone.

I problemi del Guangzhou risiedono nella difesa, che in queste prime uscite stagionali sta concedendo troppi gol, un problema sia di singoli, che di impostazione. L’unica nota lieta deriva dall’attacco, con Goulart e Martinez che hanno trovato la giusta alchimia, ma in vista del girone di ritorno dovrà trovare coesione l’intera squadra. Il percorso è in salita, dato che il Guangzhou dovrà disputare due trasferte, la prima sul campo dell’Urawa e successivamente in Corea. Per passare il turno serviranno almeno sette punti

 

POHANG STEELERS-SIDNEY 0-1 (42′ NAUMOFF)

La situazione nel girone si fa sempre più difficile e intricata con l’inaspettata vittoria del Sidney sul campo dei coreani del Pohang Steelers. Match sottotono deciso da una clamorosa svista difensiva di Kim Gwang, che su un passaggio in area di rigore facilmente intuibile si fa scappare il pallone, con Naumoff che taglia senza problemi alle spalle della difesa e sigla il gol vittoria al termine del primo tempo.
Nel corso della ripresa gli australiani resistono alle scorribande avversarie, con Janjetovic chiamato a neutralizzare le conclusioni dalla distanza del subentrato Yang Dong. Nel finale di partita si mette in mostra anche Shim, con una corsa sulla fascia destra e un tiro sul sinistro dopo aver scartato due difensori, peccato che la conclusione manchi di poco lo specchio della porta, altrimenti sarebbe stato un gran gol.
Con i tre punti conquistati il Sidney comanda il girone, mentre il Pohang si fa raggiungere dall’Urawa.

Classifica: Sidney (aus) 6, Pohang Steelers (kor)4, Urawa (jpn) 4, Guangzhou (chn) 2

COPY CODE SNIPPET
About Nicholas Gineprini 544 Articoli
Sono nato a Urbino il 2 maggio 1991. Nel luglio 2015 ho conseguito la laurea in Chimica e tecnologie farmaceutiche. Mi occupo di giornalismo sportivo con un'attenzione particolare al lato economico e allo sviluppo del calcio in Cina, che approfondisco nel mio Blog Calcio Cina. Nel febbraio 2016 ho pubblicato il mio primo libro: IL SOGNO CINESE, STORIA ED ECONOMIA DEL CALCIO IN CINA, il primo volume, perlomeno in Europa a trattare questo argomento. Scrivo anche di saggistica (sovversiva) per kultural.eu

1 Commento su ACL, East Zone: Guangzhou beffato nel finale, il Seoul è una macchina da gol

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.