ACL 2016, West Zone: a Dubai rivincita dell’Al Nasr; perde in casa il Bunyodkor

acl 2016

Gruppo A

Al Nasr Dubai – Foolad Sepahan Esfahan 2-0

Cercavano la rivincita gli emiratini, e l’hanno trovata: stesso risultato di una settimana fa ad Esfahan, ma stavolta a favore della squadra di Dubai.
Padroni di casa pericolosi già nella prima metà di gara, quando guadagnano una punizione indiretta nell’area iraniana a causa di un retropassaggio preso con le mani dal portiere Shahab Gordan. Ma intorno alla mezzora il Sepahan sfiora il goal con un colpo di testa di Karami, respinto da una gran parata di Shambieh. E poco prima dell’intervallo è Fazeli a mangiarsi un goal davanti alla porta emiratina, dopo un bel passaggio di Ibricic.
Rientrati in campo, gli iraniani ci riprovano con Ali Karimi che calcia forte a lato. Al 56′ arriva il vantaggio dell’Al Nasr: cross dalla sinistra di Abbas Juma ed è abile Nilmar (ex Lione e Villareal) ad anticipare Karami e Gordan con un sombrero che si infila in rete. Passano solo tre minuti e il brasiliano approfitta di un errore di Karami per ripresentarsi davanti alla porta persiana, ma Gordan è molto bravo a chiudere. Il coach Stimac capisce che il suo Sepahan è in crisi e decide di togliere Ibricic e Khalatbari, inserendo Jahan Alian e il veterano Moharram Navidkia; anche l’Al Nasr decide di cambiare: fuori Khalid Jalal e dentro Salem Saleh.
Al 77′ Pitroipa atterra Musayev, ed è punizione per il Sepahan: Padovani spreca calciando direttamente alto. Sale il nervosismo e l’arbitro ricorre al cartellino giallo per calmare gli animi. In pieno recupero l’Al Nasr non smette di attaccare, e al 91′ guadagna un calcio di rigore per fallo di Ghordan su Salem Saleh, dopo che già Padovani aveva toccato Al Yassi. Dal dischetto va Pitroipa, che infila in basso a destra chiudendo la partita.
Brutta prestazione del Sepahan, che non ha mostrato la stessa grinta che la scorsa settimana aveva abbattuto i Blues di Dubai. Bravo invece il tecnico dell’Al Nasr, Ivan Jovanovic, a motivare i suoi dopo l’eliminazione dalla UAE President’s Cup di sabato scorso.

Al Ittihad – Lokomotiv Tashkent 1-1

Anche in questa partita il risultato è lo stesso della giornata precedente: al vantaggio saudita firmato al 14′ da Ali “Sulley” Muntari (ex Udinese, Inter e Milan) ha risposto Temurkhuja Abdukholiqov su rigore a dieci minuti dalla fine.
L’Al Ittihad è sceso in campo senza Fahad Al Muwallad, espulso la settimana scorsa, ma con il 21enne Abdulfattah Asiri in forma: il team allenato dal romeno Victor Piturca era ancora carico per la vittoria contro l’Al Hilal nel campionato saudita, e a Jeddah il tifo non si è fatto desiderare.
Il Lokomotiv ha mostrato di essere in difficoltà anche a causa della differenza di preparazione, visto che in Uzbekistan il campionato inizierà il 5 marzo: la rete di Muntari è arrivata su corner del capitano saudita Ahmed Asiri, che ha trovato il ghanese indisturbato per battere a rete di sinistro.
La prima minaccia dalla squadra ospite è arrivata al 67′ quando il colpo di testa di Nemanja Janicic ha costretto Al Qarni a deviare sopra la traversa.
E proprio quando la gara sembrava destinata all’1-0, Yasyn Hamza atterra in area Zoteev: l’arbitro Kim Dong-Jin indica il dischetto e Abdukholiqov insacca spiazzando Al Qarni.
Il risultato finale non compromette le speranze di qualificazione delle due contendenti, grazie al risultato tra Al Nasr Dubai e Sepahan, che riequilibra la classifica del girone.

Classifica Gruppo A

Squadra Punti V N P RF RS
Al Nasr Dubai (EAU) 3 1 0 1 2 2
Foolad Sepahan Esfahan (IRN) 3 1 0 1 2 2
Ittihad (A. SAU.) 2 0 2 0 2 2
Lokomotiv Tashkent (UZB) 2 0 2 0 2 2

 

Gruppo B

Bunyodkor – Al Nasr Riyadh 0-1

Una sconfitta che non farà dormire sonni tranquilli al coach Sergey Lushchan, quella patita dal Bunyodkor davanti alla propria tifoseria. La squadra di Tashkent ha subìto più volte le iniziative del centrocampo avversario, abile a far salire sotto porta la punta maliana Modibo Maiga.
Primo tentativo uzbeko all’11’ quando il portiere dei sauditi Al Enezi deve acchiappare un pericoloso pallone dai piedi di Nirmatov. Pochi minuti dopo il polacco Mierzejewski impegna su punizione il portiere uzbeko Zukhorov: per l’estremo difensore del Bunyodkor è l’inizio di una gara senza un attimo di tregua, e subito dopo deve salvare due volte su Sharahili e Maiga. Al 36′ proprio Maiga conquista la palla sulla destra ed entra in area dribblando Kolimov e Shukurov, per poi trovare il goal anche grazie a Zukhorov che lascia passare tra mani e piedi.
Nel secondo tempo Shomurodov cerca il pari superando Al Ghamdi, ma la conclusione è troppo debole per battere Al Enezi. Sempre Maiga si rende pericoloso al 74′ con un bel colpo di testa respinto da Zukhorov. Il portiere uzbeko sprona i compagni all’attacco, e nell’ultimo minuto di recupero prova a battere il collega avversario con un colpo di testa che si stampa sulla traversa.

 

Zob Ahan Esfahan – Lekhwiya 0-0

Reduce dal pesante 5-0 in campionato rifilatogli dalla capolista Al Rayyan venerdì scorso, il Lekhwiya ottiene un punto prezioso in Iran.
Primo tempo tutto iraniano. Dopo soli due minuti Rodrigues deve intervenire sul tiro di Kaveh Rezaei, salvando in angolo. Non siamo ancora al 10′ e Ali Hamam colpisce di testa trovando la traversa qatariota. A un minuto dall’intervallo il Lekhwiya fa sudare freddo la difesa iraniana: Youssef Msakni si beve Walid Ismael e Mohammadi, entrando in area di rigore, e serven al centro per Nam Tae-Hee che calcia alto.
Nella ripresa è il solito Kaveh Rezaei a rendersi pericoloso, illudendosi del goal: al 54′ la punta dello Zob Ahan tira superando Rodrigues, ma Chico Flores sulla linea. Reagiscono gli ospiti con Msakni e Nam Tae-Hee, che ancora una volta non trova lo specchio della porta persiana. Al 78′ occasionissima per Nejadmahdi pescato da Haddadifar: l’iraniano è solo davanti al portiere, ma l’arbitro ferma per un dubbio fuorigioco. Fioccano i cambi ma il tenore del gioco non cambia.
Nonostante la vittoria della scorsa settimana a Doha per 1-0, in Iran finisce a reti bianche. Del resto non si sorprenderà il tecnico iraniano Yahya Golmohammadi, che alla vigilia aveva dichiarato: “Lo scorso anno il Lekhwiya aveva un punto dopo le prime due giornate, ma alla fine si sono qualificati”.

 

Classifica Gruppo B

Squadra Punti V N P RF RS
Al Nasr Dubai (A. SAU.) 4 1 1 0 4 3
Zob Ahan Esfahan (IRN) 4 1 1 0 1 0
Bunyodkor (UZB) 1 0 1 1 3 4
Lekhwiya (QAT) 1 0 1 1 0 1
About Saman Javadi 95 Articoli
Saman Javadi was born in Italy. He always loved Iran and Italy, from history to cuisine, and speaks both languages.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.