AFC Cup: Bene Al-Wahda e Al-Hidd, i libanesi del Tripoli passano di rigore.

AFC Cup
Fonte foto: The-AFC.com

Oltre ai playoff dell’AFC Champions League (clicca qui per rivirere le emozioni) ieri si sono svolti anche quelli dell’AFC Cup (equivalente della nostra Europa League), dove sono stati assegnati gli ultimi quattro posti per la fase a gironi.

Buona vittoria per l’Al-Hidd (detentrice della Coppa di Bahrain), che sconfigge con il punteggio di 2-0 i pakistani del K-Electric (reduci dalla prima fase eliminatoria) e conquistano il pass per il turno successivo. Dopo un primo tempo terminato a reti bianche la partita si apre definitivamente al 55esimo minuto di gioco, quando il centravanti nigeriano Ifedayo Omosuyi mette il pallone in fondo al sacco con un sontuoso colpo di testa sugli sviluppi di un cross effettuato dal compagno di squadra Mohamed Abdulla. A far calare il sipario sul match, invece, è Ali Haram, il quale realizza con grande freddezza un calcio di rigore nel corso del terzo minuto di recupero. Lo stesso risultato matura anche nella sfida tra Al-Wahda (Siria) e Balkan (Turkmenistan), con i siriani che si conquistano il pass come da pronostico. Per il “Damascene orange” basta un gol per tempo per avere la meglio sulla squadra del Turkmenistan: la prima rete porta la firma del bomber Raja Rafe, il quale fredda senza pietà il portiere avversario Pavel Matus con una bella conclusione angolata, mentre la seconda viene siglata da Khaled Almbayed, lesto nel risolvere un flipper impazzito creatosi all’interno dell’area di rigore sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Osama Omari.

Vittoria di misura per i palestinesi dell’Ahli Al-Khaleel, che conquistano un posto nella fase a gironi superando il Khujand (detentrice del titolo nazionale in Tajikistan). A decidere il match è stato il guizzo di Mahmoud Wadi al minuto numero 22, quando il 12 della squadra palestinese converte in oro un ottimo cross effettuato dal compagno di squadra Khaldun Halman. Passa solo dopo la lotteria dei rigori, invece, il Tripoli (detentore della FA Cup libanese), che stacca l’ultimo biglietto a disposizione per la fase a gironi superando l’agguerrita concorrenza dell’Alay Osh (campione nazionale in Kyrgyzstan). La partita inizia subito sotto il segno dei calci di rigore sbagliati, infatti nel primo tempo il team libanese getta alle ortiche una grande occasione con il brutto errore dal dischetto di Mohamad Ghaddar, che si fa ipnotizzare dal portiere avversario Vitalii Kashuba. Nel secondo tempo a salire sul palcoscenico è sempre il portiere dell’Alay Osh, il quale tiene a galla i suoi con alcuni interventi davvero decisivi. Ma nella lotteria dei rigori il fato premia il Tripoli (nettamente migliore nel corso dei 90 minuti), che conquista la qualificazione grazie alla parata decisiva del portiere Abdo Tafeh sulla conclusione del centrocampista avversario Murolimzhon Ahkmedov.

Tripoli (Leb)-Alay Osh (Kgz) 0-0 [7-6 dcr]

Al-Wahda (Siria)-Balkan (Tkm) 2-0 (Rafe, Almbayed)

Ahli Al-Khaleel (Pal)-Khujand (Taj) 1-0 (Wadi)

Al-Hidd (Bah)-K-Eletric (Pak) 2-0 (Omosuyi, Haram)

FASE A GIRONI-

Gruppo A: Al-Wehdat (Jor), Al-Ahed (Leb), Altyn Asyr (Tkm), Al-Hidd (Bah).

Gruppo B: Naft Al-Wasat (Iraq), Al-Faisaly (Jor), Istikol (Taj), Tripoli (Leb).

Gruppo C: Al-Oruba (Oman), Al-Quwa Al-Jawiya (Iraq), Shabab Al-Dhahiriya (Pal), Al-Wahda (Siria).

Gruppo D: Al-Muharraq (Bah), Fanja (Oman), Al-Jaish (Siria), Ahli Ali-Khaleel (Pal).

Gruppo E: Tampines Rovers (Sin), Selangor (Mys), Ceres (Phl), Sheikh Jamal Dhanmondi (Ban).

Gruppo F: Kitchee (Hkg), Balestier Khalsa (Sin), New Radiant (Mdv), Kaya (Phl).

Gruppo G: Mohun Bagan (India), South China (Hkg), Yangon United (Mya), Maziya (Mdv).

Gruppo H: Johor Darul Ta’zim (Mys), Bengaluru (India), Lao Toyota FC (Phl), Ayeyawady United (Mya).

About Marco Pantaleo 251 Articoli
Appassionato di ogni genere di sport (calcio e basket in primis), è un grande esperto del "calcio minore". Che sia la Copa Libertadores o la terza divisione danese poco importa, in qualunque campo rotola un pallone e ci sono 22 uomini c'è sempre una storia da raccontare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.