Ligue 1: Psg in scioltezza, ci pensa Ibra. Sei gol allo Stade de l’Aube, bene Bastia e Ajaccio

Ligue 1 Rennes

La corsa al titolo non ha più nulla da raccontare, ma la Ligue 1 non è solo la cavalcata solitaria del Psg: c’è molto altro.

Tolosa-Psg 0-1
23 punti di vantaggio sulla seconda bastano e avanzano per sollevare i piedi dal manubrio e affrontare il rettifilo a mente sgombra. A tenere banco è il mercato, si parla di Cristiano Ronaldo, si parla di altri, ma a Parigi detta legge sempre lui: Zlatan Ibrahimovic. Per espugnare il Municipale di Tolosa basta una zampata dello svedese, ma è stata meno semplice del previso. Traversa colpita dal bravo Ben Yedder, Blanc trema e a impensierirlo ci sono anche le condizioni di Pastore, obbligato a lasciare il campo dopo pochi giri d’orologio. La regina della Ligua 1 è pure un po’ sbadata, Lucas al minuto 65 potrebbe far male ma si mangia il gol, non mancano le occasioni ma a concretizzare la superiorità parigina è, come abbiamo già detto, il solito Zlatan: conclusione facile facile su suggerimento di Luiz. Già non c’era competizione, ieri l’Angers ha pure perso.

Bastia-Montpellier 1-0
Partita abbastanza piacevole a Bastia, con gli ospiti che partono bene ma rischiano grosso sul finale di primo tempo, legno colpito da Palmier sugli sviluppi di una punizione. In avvio di ripresa arriva il meritato gol del padroni di casa, cross di Marange e stoccata di Ayite. Nel giro di tre minuti, dal 56′ al 68′, Fofana e Congré si fanno cacciare per due entratacce, parità numerica e gara cattivissima nella fase finale. Gli ultimi dieci minuti praticamente non si giocano, complici cambi e fischi continui da parte del signor Schneider, sollevato nel mettere fine a questa battaglia. Per i corsi sono tre punti di platino, i bassi fondi della classifica sono per il momento a distanza di sicurezza. Messo peggio il Montpellier, quartultimo a pari punti con il Reims.

Bordeaux-Lille 1-0
Vittoria di misura per i Girondini, che trovano il gol partita al 51esimo con l’incornata vincente di Diabantè, bravo a sfruttare il cross di Khazri. Buone occasioni per entrambe le squadre, il Lille cerca il pari ma Carrasso fa buona guardia e consente ai suoi di portarsi in nona posizione a 29 punti. Psg escluso, la classifica è piuttosto corta e basterebbe una vittoria nel prossimo match per portarsi a ridorsso della zona Europa.

Gazelec Ajaccio-Reims 2-2
Non c’è un attimo di tregua, neppure il tempo di sedersi sui seggiolini che i padroni di casa vanno avanti con Boutaibi. Che avvio della squadra corsa, raggiunta al 22esimo da De Preville, che si trova a memoria con Siebatcheu e infila in rete l’uno a uno. Alla mezz’ora il sorpasso Reims, indovinate chi ha segnato… Sì, ancora De Preville, che prestazione la sua, stavolta è Charbonnier a metterlo nelle condizioni di traffiggere Maury. Primo tempo entusiasmante che si chiude con gli ospiti in vantaggio, colpo del ko sfiorato in avvio di ripresa. I corsi tengono duro e impattano a venti dal termine con Djordjevic. Bene per l’Ajaccio, che continua la serie di risultati utili e se ne sta bello tranquillo nel cuore della classifica. Rischia – e non poco – il Reims, che comunque ha di che sorridere viste le prestazioni di Siebatcheu De Preville: due così meritano la permanenza in Ligue 1.

Guingamp-Nantes 2-2
Stesso risultato sul campo del Guingamp, primo gol dopo pochi secondi pure in questo caso. Lo realizzano i padroni di casa con Benezet, un tiro sotto la traversa dopo tre giri d’orologio. Guingamp che si porta addirritura sul due a zero, Benezet stavolta è uomo assist e Salibur realizza al minuto 24. Sembra finita e invece l’autogl di Kebrat al 64 fa resuscitare la gara. Benezet trova la traversa con una bordata, un’occasione che i padroni di casa rimpiangeranno amaramente perché in pieno recupero Sabaly fissa il risultato sul definitivo due a due. Il Guingamp si innervosisce, il più focoso è Sankhare che perde la testa dopo un scontro.

Troyes-Rennes 2-4
Il Troyes è già con un piede e mezzo in Ligue 2 ma non rinuncia a combattere. Sembra incredibile ma i biancoblù dopo un quarto d’ora si ritrovano avanti di due reti sul Rennes, squadra di ben altre ambizioni. I rossoneri accorciano prontamente dal dischetto, trasforma Diagne, poco dopo il pari firmato Dembele. Quattro gol realizzati dopo mezz’ora di gioco, è grande spettacolo allo Stade de l’Aube e prima della sosta Dabo aumenta la dose di emozioni stendendo M’Bengue in area: ancora Diagne per il sorpasso. Occasioni a profusione, nel secondo tempo Grosick sigilla i tre punti e mantiene alte le speranze europee dei rossoneri. L’esito è già segnato, ma comunque onere al Troyes: questo è onorare il campionato. Un atteggiamento che fa bene a tutta la Ligue 1.

Ligue 1, la classifica

Ligue 1 classifica

About Paolo Bardelli 2028 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.