HomePremier LeagueManchester United, Van Gaal pensa alle dimissioni

Manchester United, Van Gaal pensa alle dimissioni

Published on

La sconfitta contro lo Stoke, la quarta consecutiva fra Premier League e Champions League, ha scatenato un vero e proprio putiferio nel Manchester United. E nell’occhio del ciclone, ormai già da tempo, c’è lui: Louis Van Gaal. Il tecnico olandese, infatti, non è apprezzato dai tifosi dei Red Devils per il gioco lento e compassato dato alla squadra oltre che per i risultati non all’altezza delle aspettative fin qui ottenuti. L’eliminazione dalla Champions League, oltretutto, non ha fatto altro che aumentare lo scontento attorno all’ex allenatore del Bayern Monaco, apparso decisamente sotto pressione nell’ultima conferenza stampa, durata solo cinque minuti senza rispondere alle domande dei giornalisti.

Chi pensava che sotto la guida del santone olandese, che in carriera ha raccolto – comunque – più gioie che dolori, il Manchester United potesse risollevarsi dopo la negativa esperienza di Moyes, è stato fin qui deluso. E ad Old Trafford, non vincere sette partite consecutive, con tanto d’estromissione dalla massima manifestazione europea in un girone tutt’altro che complicato, può essere fatale. In queste ore, le voci su un possibile esonero di Van Gaal si susseguono su tutti i principali mezzi d’informazione, convinti che l’olandese non festeggerà l’avvento del nuovo anno sulla panchina del Manchester United.

Ma in conferenza stampa, con un colpo di teatro degno di un attore consumato, Van Gaal ha preso di petto l’argomento, arrivando addirittura a paventare l’ipotesi di dimettersi:”Ho il sostegno di tutte le componenti del Manchester United, ma non sono interessato a fare annunci pubblici“. Poi, rivolgendosi ad un giornalista in sala stampa, dichiara:”Io devo parlare col consiglio del Manchester United e con i giocatori, non certo con te. Il club non mi deve licenziare, a volte faccio da solo….“.

Solo nervosismo o voglia di gettare la spugna? Nelle prossime ore ne sapremo certamente di più, anche se pare altamente improbabile che l’olandese non si siederà in panchina fra due giorni, quando il Manchester United sfiderà il Chelsea, dove solo pochi giorni fa sedeva in panchina il candidato numero uno a succedere a Van Gaal: Josè Mourinho.

Latest articles

La situazione nei principali campionati europei

Ormai da più di un mese è terminato il campionato del mondo e tutti...

Statistiche e gare del Mondiale in Qatar 2022

Il Mondiale in Qatar 2022 rappresenta qualcosa di nuovo, da un punto di vista...

Unai Emery lascia il timone del Sottomarino Giallo e soccorre l’Aston Villa

La notizia che non t’aspetti, di quelle che smuovono la cronaca sportiva e non...

Real Madrid 3 Barcellona 1, le pagelle: I blancos di Ancelotti affondano i blaugrana

Andiamo a vedere le pagelle di questo primo Clasico stagionale che consegna la testa...

Il Benfica trionfa sul Boavista 3-0

Sabato 27 agosto il Boavista ospita al Bessa il Benfica per la 4° giornata...

Work in progress per il mercato dei calciatori in Europa

C’è fermento nel calciomercato europeo. Molti colpi sono già stati messi a segno dai...

Viaggio al Estadio de la Céramica di Villareal

Il clima a Valencia è ideale: soleggiato e leggermente ventilato. Abbiamo appuntamento con Besmir...

Al Real Madrid la Supercoppa di Spagna. E Carletto Ancelotti fa 21.

Pur essendo giunto secondo nel campionato di Primera Division 2020/2021, il Real Madrid si...

More like this

Liverpool-Leicester 3-0, Diogo Jota continua nel suo magic-moment

Ottavo gol in stagione, quarto nelle quattro partite giocate ad Anfield, primo nella storia...

Coronavirus, paradosso Newcastle: stipendio garantito ai calciatori, dipendenti in disoccupazione

La crisi ai tempi del coronavirus investe, giocoforza, anche le società professionistiche del mondo...

Wolverhampton: nel nome di Espírito Santo

Non ha l'appeal internazionale delle due squadre di Manchester, del Liverpool, dell'Arsenal o del...