Tevez-Boca: aria di divorzio, Kia Joorabchian prepara il ritorno in Brasile

Tevez è stato definito da molti come “Il giocatore del popolo”, ma la medaglia presenta due facce, e quella più interessante lo vede come un burattino al servizio di Kia Joorabchian.

E’ bene fare una premesso e ricordare che il cartellino del giocatore argentino è stato a lungo in possesso della MSI, ovvero il fondo di investimento di cui l’iraniano Kia è il proprietario. Il passaggio di Tevez dal Boca Junior al Corinthias fu un’operazione legata al fondo di investimento, così come i passaggi successivi verso il West Ham e il Manchester United. Furono i citizens ad appropriarsi del cartellino del giocatore pagandolo 45 milioni di euro alla MSI, ma il legame fra Tevez e Kia non si è mai dissolto.

A pochi mesi dal ritorno del figliol prodigo alla casa argentina, la favola potrebbe trasformarsi ben presto in un incubo dato che vi è aria di divorzio fra Tevez e il Boca Junior. La causa sarebbe il ritardo nei pagamenti che ha fatto infuriare il giocatore e l’agente. Ecco dunque che rientra in scena il Corinthias, pronto a prendersi Tevez nuovamente in prestito grazie alla mediazione di Kia. La società brasiliana nonostante le gravi difficoltà economiche (60 milioni di euro di debiti) potrebbe accettare di scendere nuovamente a patti con Kia pur di sopravvivere. Il Corinthias inoltre vanta un certo potere nella trattativa in quanto attende dal Boca il pagamento per l’acquisto di Lodeiro.

COPY CODE SNIPPET
About Nicholas Gineprini 544 Articoli
Sono nato a Urbino il 2 maggio 1991. Nel luglio 2015 ho conseguito la laurea in Chimica e tecnologie farmaceutiche. Mi occupo di giornalismo sportivo con un'attenzione particolare al lato economico e allo sviluppo del calcio in Cina, che approfondisco nel mio Blog Calcio Cina. Nel febbraio 2016 ho pubblicato il mio primo libro: IL SOGNO CINESE, STORIA ED ECONOMIA DEL CALCIO IN CINA, il primo volume, perlomeno in Europa a trattare questo argomento. Scrivo anche di saggistica (sovversiva) per kultural.eu

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.