Brasileirão: il Timão tarpa le ali al Galo; Maracanà ai piedi del Barbaro [VIDEO]

Brasileirão

Non mancavano i temi interessanti, nei tre anticipi della quattordicesima giornata del Brasileirão. La carne al fuoco era davvero tanta: il debutto di Guerrero al Maracanà con la maglia del Flamengo; l’ultimo test per il Colorado prima della semifinale di Libertadores contro il Tigres; il big-match per il vertice fra Timao e Galo. E le emozioni, nonostante i pochi goal segnati, non sono certe mancate.

GUERRERO: CHE DEBUTTO AL MARACANA’! – Per El Barbaro Guerrero, il debutto con la maglia Rubo-Negra non poteva essere migliore: pubblico delle grandi occasioni (oltre 50.000 spettatori), grande impegno e il goal – da rapace dell’area di rigore – che ha deciso il match. L’ex Amburgo ha regalato tre punti di vitale importanza al Mengao, che – in attesa dei match in programma oggi – si porta a +3 dalla zona calda della classifica. Successo tutto sommato meritato per il Flamengo, dominatore assoluto della prima frazione e vicino al raddoppio, nella ripresa, in un paio di circostanze. Il Gremio si è fatto preferire nella seconda parte dell’incontro, quando ha costretto Cesar ad un paio di difficili interventi. L’occasione migliore, però, gli ospiti l’hanno costruita nel primo tempo con Galhardo, autore di una sassata terminata sulla traversa a portiere battuto. La sconfitta del Maracanà potrebbe costare caro alla squadra di Porto Alegre, che rischia di essere superata dal San Paolo (impegnato, oggi, a Recife) al quarto posto,  ultimo piazzamento valido per accedere ai preliminari della prossima Copa Libertadores.

IL COLORADO VINCE, MA LA TESTA E’ ALLA COPA – Seconda vittoria consecutiva in campionato per l’Internacional de Porto Alegre, che supera, a fatica, il Goias. Che l’impegno per il Colorado fosse tutt’altro che semplice, lo si è capito alla lettura delle formazioni: in vista della semifinale di ritorno di Libertadores, Aguirre ha preferito optare per una squadra imbottita di riserve. Scelta, quella del tecnico uruguaiano, che si dimostra subito molto rischiosa. Il Goias, infatti, gioca meglio nel primo tempo, rendendosi sovente pericoloso con Murilo. Nella ripresa, complice anche l’ingresso in campo di Anderson (ex Manchester United), il Colorado si fa preferire. E al tredicesimo, grazie alla sciagurata uscita bassa di Renan, trova il vantaggio con Eduardo, che insacca a porta vuota dopo aver vinto un fortunoso rimpallo col portiere ospite. La squadra locale sembra in grado di portare a casa il successo. A dieci dal termine, però, l’arbitro concede un generoso calcio di rigore agli ospiti: dal dischetto si presenta Felipe Menezes, che spiazza Muriel e pareggia i conti. La sciagurata serata di Renan, non è ancora finita. Il portiere ospite, a due minuti dal triplice fischio finale, si rende protagonista di un’uscita alta a farfalle e consente a Eduardo Sasha di insaccare – di testa – a porta completamente sguarnita. I tifosi locali esultano per i tre punti. Ma per quanto visto in campo, il Goias avrebbe meritato perlomeno un punto. Se non qualcosa in più.

GALO SFORTUNATO: IL TIMAO LO AGGANCIA AL VERTICE – La gara del sabato sera prometteva grande spettacolo: la capolista Atletico Mineiro doveva respingere l’assalto del Corinthians al vertice del campionato. Assalto, però, che è andato a buon fine. Il Timao, infatti, ha battuto di misura il Galo grazie ad una rete di Malcom, bravo ad insaccare con un preciso piatto mancino l’invito dalla sinistra di Vagner Love, autore di una pregevole ripartenza sull’out sinistro; per l’autore del goal si tratta di una vera e propria liberazione, dopo una settimana tormentata in cui è stato accusato di aver comprato la patente di guida. Nonostante la sconfitta, l’Atletico Mineiro ha dimostrato di essere una squadra organizzata ed in grado di poter ambire alla conquista del titolo. Se il Galo è uscito a mani vuote dalla Corinthians Arena, i motivi sono essenzialmente due: la bravura di Cassio, portiere locale autore di diversi interventi strappa-applausi, e l’imprecisione di Pratto in fase realizzativa. Della vittoria del Timao, che grazie ai tre punti odierni ha agganciato al primo posto i rivali di giornata, potrebbe approfittarne il Fluminense, impegnato oggi nel derby di Rio contro il disastrato Vasco de Gama, penultimo e candidato ad un pronto ritorno in Serie B dopo solo una stagione nella massima serie: in caso di vittoria, il Tricolor Carioca agguanterebbe il primo posto solitario.

BRASILEIRAO, ANTICIPI QUATTORDICESIMA GIORNATA 

Flamengo-Gremio 1-0 (Guerrero 41′)

INTERNACIONAL-GOIAS 2-1 (Eduardo 58′; Felipe Menezes rig. 80′ (G); Eduardo Sasha 88′)

CORINTHIANS-ATLETICO MINEIRO 1-0 (Malcom 42′)

 

COPY CODE SNIPPET

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.