Russia 2018, qual. Asia: seconda fase

Qualificazioni Mondiali Russia 2018 Asia

Nella prima giornata hanno riposato le teste di serie, ma non sono mancati gol, sorprese e conferme nelle rivoluzionarie eliminatorie asiatiche al prossimo mondiale: aspettando le big, vittorie arabe di Arabia Saudita, Giordania, Qatar, Oman e Kuwait

In attesa che entrino in scena Australia, Corea del Sud, Giappone, Cina, Iran, Emirati Arabi, Iraq ed Uzbekistan, la seconda fase delle qualificazioni asiatiche verso la prossima Russia 2018 si apre con goleade altisonanti e risultati sorprendenti. Questi i risultati negli otto gironi

GRUPPO A (a riposo EMIRATI ARABI UNITI)

ARABIA SAUDITA- PALESTINA 3-2
A Dammam sfiora l’impresa la Palestina : nel giorno dell’inizio della Copa América nel loro Cile, i cileni Pablo Tamburrini e Matías Jadue firmano la parziale rimonta che dallo 0-2 porta i Leoni di Canaan sul 2-2 al 91′; ma la difesa palestinese balla nel finale e Omar Al Shalawi al 94′ firma sull’ultima azione della partita la sua doppietta personale, che regala all’Arabia Saudita 3 punti a dir poco risicati. Premiata eccessivamente una nazionale che con al timone il traghettatore Al Baden si è dimostrata svogliata e leziosa, avanti di due con il minimo sforzo grazie ai gol di Yaya Al Shehri al 6′ e di Al Shahlawi al 1′ del secondo tempo, ma poi sprecona e sufficiente nel palleggio. E’ quindi prima Tamburrini di testa ad accorciare sotto misura al 51′ e poi Jadue sfruttando una dormita del portiere saudita Sharaheli a infilare la porta saudita per un insperato 2-2. Ma proprio quando la Palestina pregusta uno storico risultato…

MALESIA-TIMOR EST 1-1
Storico lo è sicuramente il pareggio delle nazionale di Timor Est a Kuala Lumpur dove il gol che impatta l’incontro il Sole Nascente lo trova al 93′: punizione dalla destra, un corner arretrato, e colpo di testa vincente di Ramon Saro che supera il portiere malesiano Che Mat uscito a farfalle. Punita giustamente una Malesia che, aldilà del vantaggio provvisorio con Mohd Sali, ha giocato con poca fame, forse scarsamente motivata da un Bukat Jalil praticamente deserto, con meno di 10.000 spettatori in uno stadio che ne può contenere circa 90.000. Mezza delusione per i padroni di casa di Salleh, mentre la nazionale ospite guidata dal brasiliano Fabio Joaquim mantiene l’imbattibilità: dopo il doppio trionfo sulla Mongolia nel play-off della prima fase, un pareggio che porta a 3 la striscia di risultati utili consecutivi. Non male considerando le 4 partite ed altrettante sconfitte subite tra le qualificazioni a Sudafrica 2010 e Brasile 2014.

CLASSIFICA: Arabia Saudita 3, Malesia e Timor Est 1, Palestina ed Emirati Arabi Uniti*0
PROSSIMA GIORNATA 16 GIUGNO: Timor Est-Emirati Arabi e Malesia-Palestina > riposa: Arabia Saudita

GRUPPO B (a riposo AUSTRALIA)

TAGIKISTAN-GIORDANIA 1-3
A Dushanbe senza eccessivi patemi i Cavalieri passano grazie alla tripletta di uno scatenato Abdel Fattah. Prima lancia due missili terra-aria e aria-aria al 29′ e 63′ rispettivamente, che si infilano sotto la traversa di Tuchyev. Quindi al 88′ Fattah chiude la diagonale su passaggio profondo, supera Tunchyev ed appoggia nella porta sguarnita. Il gol tagiko di Dhzailov al 68′ riaccende un momento gli animi, ma per il momento servirà solo per le statistiche.

BANGLADESH-KYRGYZISTAN 1-3
A Dacca vince il Kyrgyzistan. Era dalle qualificazioni per Germania 2006 che i kirghizi non arrivavano così lontano. E dalla Germania arriva Edgar Bernarhdt, oriundo classe 1986, che bagna il suo debutto con la maglia della nazionale centroasiatica segnando su rigore il gol del momentaneo 2-0 che fa il paio con la rete iniziale messa a segno da Zemlianukin all’8′. Al 32′ autorete di Kichin, ma poi ancora Zemlianukin mette a segno al 41′ il gol del 3-1 che non cambierà più.

CLASSIFICA: Giordania e Kyrgyzistan 3, Tagikistan, Bangladesh e Australia* 0
PROSSIMA GIORNATA, 16 GIUGNO: Bangladesh-Tagikistan, Kyrgyzistan-Australia, RIPOSA Giordania

GRUPPO C (a riposo Cina)

HONG KONG-BHUTAN 7-0
Per i Dragoni Gialli il fatto di poter disputare un intero girone eliminatorio è già di per sé una vittoria, visto che appena tre mesi fa occupava l’ultima posizione nel Ranking FIFA. Il Buthan allenato dal giapponese Kazunoro Ohara ha sorprendentemente eliminato lo Sri Lanka nella fase a playoff. L’avversario di oggi, Hong Kong era nettamente fuori dalla portata della cenerentola asiatica, la nazionale guidata da Pan Gonkim è una squadra esperta che proverà a conquistare il secondo posto nel girone. L’esito del match è già scritto dai primi minuti, i padroni di casa archiviano la pratica nella prima mezzora e chiudono il primo tempo in vantaggio per 4-0.

MALDIVE-QATAR 0-1
Il Qatar dopo la deludente prestazione in Coppa d’Asia lo scorso gennaio riparte assieme al nuovo allenatore, l’uruguagio José Daniel Carreño, alla ricerca della prima qualificazione mondiale. Ci si aspetta molto dalla nazionale qatariota che, a meno di ribaltoni dopo il FIFA Gate, ospiterà i mondiali nel 2022. Nonostante la vittoria, la prestazione offerta è stata per lunghi tratti insufficiente considerando anche il modesto valore degli avversari. Il Qatar presenta il solito problema che si porta dietro dalla Coppa d’Asia: tanto possesso palla sterile e poche azioni degne di nota nella trequarti avversaria.

Le Maldive, incapaci di organizzare una ripartenza hanno giocato prettamente a mantenere la copertura del campo, intento che gli è riuscito fino all’ultimo secondo di gara. Il gol della vittoria qatariota arriva al 98’, dopo aver perso molto tempo per gli infortuni nella seconda frazione di gioco. Anche se, il recupero è parso oltremodo generoso. Boudiaf riceve palla in area e con uno stop di petto serve Al Sayed che lascia partire un tiro al volo non certamente irresistibile, determinante è la deviazione dello sfortunato Ghanee che beffa il proprio portiere. Nelle prossime uscite il Qatar dovrà migliorare il proprio gioco per tentare di conquistare il passaggio al turno successivo.

CLASSIFICA: Hong Kong e Qatar 3, Maldive, Bhutan e Cina* 0
PROSSIMA GIORNATA, 16 GIUGNO: Bhutan-Cina, Hong Kong-Maldive > RIPOSA: Qatar

GRUPPO D

GUAM-TURKMENISTAN 1-0
Storica vittoria di Guam. Appena la dodicesima nella sua storia quindicennale, la primissima a livello di qualificazioni mondiali, dove aveva partecipato solo alle eliminatorie per il 2002, perdendo due incontri per 19-0 e 16-0 contro Iran e Tagikistan rispettivamente. Il gol decisivo arriva su autorete turkmena di Annaorazov al 14′.

INDIA-OMAN 1-2
Il derby del Mar Arabico lo vince l’Oman come da previsione. Pronti via e i Rossi sono avanti con Qassim Said, imbeccato al 1′ da una verticalizzazione di Muqbali : il numero 10 è letale a tu per tu con il portiere rivale. Pareggia Sunail Chhetri al 26′ con uno spettacolare gol ‘alla Del Piero’ che manda in visibilio i 20 mila di Bengaluru. Rigore molto discusso assegnato agli arabi al 40′: lo converte Al Hosni.
Volitiva nella ripresa l’India, ma le Blue Tigers non riescono più a graffiare. Ma il finale con il pubblico gridando a squarciagola ‘India, India!’ è il segnale che tra il Mare Arabico e il Golfo di Bengala la pallina del cricket fa sempre più posto al pallone da calcio nel salotto delle passioni degli indiani.

CLASSIFICA: Oman, Guam 3, Turkmenistan, India, Iran* 0
PROSSIMA GIORNATA, 16 GIUGNO: Guam-India, Turkmenistan-Iran, RIPOSA > Oman

GRUPPO E (a riposo Giappone)

CAMBOGIA-SINGAPORE 0-4
La piccola Cambogia si è qualificata alla fase a play-off dopo aver eliminato il Macau. L’esordio nella fase a gironi è tutt’altro che esaltato data la sonora sconfitta contro un brillante Singapore che ha dominato per tutto l’arco del match mettendo in mostra un gioco brillante in velocità fatto di sovrapposizioni e rapidi passaggi. E’ proprio grazie a una manovra ben orchestrata che arriva il gol che apre le marcature con Harhun che serve uno splendido assist rasoterra per Amri che in corsa taglia alle spalle della difesa e piazza la palla in rete.

Bharudin si mette in gran mostra, al 20’ con un bolide da fuori area che si insacca sotto l’incrocio dei pali, poi al 35’ arriva la doppietta personale, l’attaccante su calcio di punizione battuto dalla destra svetta più in alto di tutti e di testa sigla il 3-0. C’è spazio per un gol anche nella ripresa con Sahahul che si avventa di testa su un cross dal fondo, la difesa in ritardo lo lascia completamente libero di andare in rete. Con questa vittoria Singapore si pone come seri candidata al secondo posto nel girone visto il non eccelso valore degli avversari, il Giappone pare ancora irraggiungibile.

AFGHANISTAN-SIRIA 0-6
Partita senza storia che vede una sola squadra in campo, il piccolo Afghanistan trova di fronte a se una squadra agguerrita e organizzata nonostante il difficile momento che sta attraversando il paese. La pratica viene archiviata nel primo tempo grazie a una doppietta dell’attaccante Rafe, giocatore che si è messo ben in luce e può portare la Siria verso una storica qualificazione al secondo turno.

CLASSIFICA: Siria e Singapore 3, Cambogia, Afghanistan e Giappone* 0
PROSSIMA GIORNATA, 16 GIUGNO: Giappone-Singapore, Cambogia-Afghanistan RIPOSA > Siria

GRUPPO F (a riposo Iraq e Cina Taipei)

THAILANDIA-VIETNAM 1-0 (disputata il 24 maggio)
Partita dal retrogusto storico, le due nazioni si scontrarono in quella che fu definita la terza Guerra d‘Indocina (1977-1991) che coinvolse il territorio della Cambogia alleata del Vietnam. La partita, disputata il 24 maggio è stata per lunghi tratti dominata dai padroni di casa che vanno a più riprese vicini al gol, il primo tempo si chiude a reti bianche solamente grazie agli interventi del portiere vietnamita che a più riprese salva la propria squadra.

Nella seconda frazione la Thailandia si riversa in avanti alzando ulteriormente il proprio baricentro, rischiando di essere infilata a ripetizione in contropiede. Per ben due volte il portiere è costretto a delle uscite alla Neuer sulla propria trequarti con tanto di intervento in scivolata a fermare gli attaccanti vietnamiti che si stavano dirigendo in solitaria verso la porta. Quando il match sembrava dover terminare a reti bianche, un incertezza del portiere vietnamita sul tiro dal limite di Anan consegna alla Thailandia i tre punti.

CLASSIFICA: Thailandia 3, Vietnam, Cina Taipei*, Iraq* 0
PROSSIMA GIORNATA 16 GIUGNO: Cina Taipei-Thailandia RIPOSANO > Vietnam e Iraq
Nota: L’Indonesia è stata esclusa dalle qualificazioni per la sospensione indefinita della sua federazione, a causa dell’interferenza su di essa del governo nazionale.

GRUPPO G (a riposo COREA DEL SUD)

LIBANO-KUWAIT 0-1
Derby arabo vinto dall’Azraq, l’Azzurra, che trova il gol verso il finale, all’86’ con Yousef Nasser: palla in profondità per l’attaccante che salta in dribbling il portiere, uscito in modo incerto e colloca il pallone in rete per il suo gol numero 32 in nazionale.

LAOS-BIRMANIA 2-2
Vantaggio al 41′ della Birmania con Zaw Min Tun. Quindi piccola alluvione di gol in 4 minuti,: all’81’pareggio laotiano dal dischetto con Sayavutthi e appena 2 minuti dopo lo stesso Sayavutthi ribalta il risultato in favore del Thim Xadd. Passano altri due minuti e la Birmania pareggia con Kyaw Zaiar Win.

CLASSIFICA: Kuwait 3, Birmania e Laos 1, Libano e Corea del Sud* 0
PROSSIMA GIORNATA, 16 GIUGNO: Birmania-Corea del Sud e Laos-Libano RIPOSA > Kuwait

GRUPPO H (a riposo Uzbekistan)
FILIPPINE-BAHRAIN 2-1
Il girone si apre subito con una grande sorpresa, le Filippine, reduci dalla sconfitta in amichevole nel mese di marzo proprio contro il Bahrain, ottengono una splendida e inaspettate rivincita in un’occasione decisamente più importante. Nei primi minuti la partita è in mano agli ospiti che riescono a andare al tiro solo con conclusioni dalla lunga distanza che non sortiscono alcun pericolo di sorta, la difesa filippina è ben organizzata e riesce a orchestrare delle veloci ripartenze.

Al 50’ proprio da un contropiede nasce il gol dell’1-0, cross arretrato del capitano Younghusband dopo una lunga orsa sulla fascia e gol di Badhorna che si infila fra le maglie dei due difensori e devia in rete con la punta del piede. Il 2-0 arriva grazie a un regalo della difesa del Bahrhain, su calcio di punizione dopo la maldestra uscita del portiere nessuno dei difensori riesce a spazzare via il pallone che vaga pericolosamente nei pressi dell’area piccola, ne approfitta Patino che calcia in rete trovando il gol della vittoria. Gli ospiti accorciano le distanze solo al 93’ con Al Maad, il fantasista parte dalla propria metà campo e fa fuori un paio di avversari come fossero birilli prima di involarsi in rete.

YEMEN-COREA DEL NORD 0-1
Nell’altro incontro vittoria corsara della Corea del Nord contro lo Yemen grazie al gol di Son Hyon Huk, che al 71′ coglie la palla di contro balzo all’altezza del semicerchio e batte il portiere rivale. La partita si è disputata a Doha, Qatar, a causa del conflitto in Yemen.

CLASSIFICA: Filippine e Corea del Nord 3, Bahrain, Yemen e Uzbekistan * 0
PROSSIMA GIORNATA, 16 GIUGNO: Corea del Nord-Uzbekistan, Yemen-Filippine RIPOSA > Bahrain

(foto: http://www.the-afc.com)

A cura di Nicholas Gineprini e Lorenzo Guarnieri

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.