Kypello Elladas: Olympiakos – Xanthi 3-1, altro “double” in Pireo

L’Olympiakos mette in bacheca un altro trofeo nazionale: dopo un campionato vinto già da un mese ha raggiunto il “double” portandosi a casa la 27esima Kypello Elladas (la coppa nazionale) battendo in finale lo Skoda Xanthi.

Non c’è storia al “Georgios Karaiskakis” (casa dei biancorossi) dove lo Skoda, battuto dai campioni di Grecia due volte su due in campionato, resiste bene nel primo tempo ma cede nella ripresa. La squadra di Razvan Lucescu fa una bella figura nella prima frazione conquistando una decina di corner e impegnando la retroguardia casalinga con le giocate del leader brasiliano Clayton (schierato punta, in panchina Kapetanos), alla velocità di Lucero e Soltani concludendo però solo proprio con Clayton (para Roberto) e nel finale con un colpo di testa di Soltani, sempre da corner, che sfiora il palo; l’Olympiakos, quasi stupito dagli ospiti, non riesce a reagire e si affida alla stella Dominguez (“El Chori” di gran lunga miglior giocatore di Grecia, in stagione 17 gol e 13 assist) che però non conclude mai in porta tenuto d’occhio dagli avversari; nel recupero del primo tempo però ecco la beffa per lo Skoda: Bertos appoggia di petto verso il portiere Kyriakidis non accorgendosi di Jara (preferito da Pereira a sorpresa al bomber Mitroglou) che ringrazia insacca di destro l’1-0.

Nella ripresa lo Skoda prova ad imbastire una reazione ma l’Olympiakos aumenta il possesso palla frustrando l’iniziativa ospite e intorno all’ora di gioco colpisce ancora: fa tutto Dominguez che parte dalla metacampo in progressione, salta due avversari, arriva in area e conclude di destro sul secondo palo. Finisce di fatto qui il match nonostante l’inserimento nello Skoda del “puntero” Kapetanos che entra subito in partita con alcuni “colpi proibiti” da e verso il centrale biancorosso Siovas. L’Olympiakos gestisce il doppio vantaggio con tranquillità e anzi prima sfiora il tris (discesa dalla sinistra di Masuaku e tiro-cross che sfiora il secondo palo) e poi lo trova con una punizione pennellata del 22enne Fortuonis (entrato nella ripresa al posto di Fuster). A rovinare, ma in minima parte, la serata perfetta del club del Pireo il gol della bandiera dello Skoda con Kapetanos (bravo a raccogliere un cross dalla destra di Soltani e girare in rete spalle alla porta) e il secondo giallo al centrale spagnolo Botia.

(foto: www.gazzetta.gr)

COPY CODE SNIPPET
About Edoardo Buganza 337 Articoli
(Ar)redattore per Tce dal marzo 2014, seguo in particolare i campionati dell'Est europeo come Polonia, Turchia e Grecia. Genovese, esterofilo, aspirante osservatore, sospirante milanista.
Contact: Google+

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.