Atletico Madrid-Elche 3-0: doppio Griezmann, visto Simeone?

Atletico Madrid-Elche 3-0

ATLETICO MADRID-ELCHE 3-0. La settimana probabilmente più difficile per Diego Simeone come allenatore dell’Atletico Madrid si chiude con un comodo 3-0 all’Elche che avvicina ancora di più i colchoneros al terzo posto in campionato (il Valencia, impegnato lunedì contro il Granada, è ora dietro di sette punti). Tante le critiche piovute addosso al tecnico argentino dopo l’eliminazione in Champions League contro il Real Madrid: non tanto per l’esito, ovviamente, piuttosto per il modo in cui è maturato. Che l’Atletico abbia basato in questi anni i suoi successi sulla fase difensiva è risaputo; al Bernabeu si è un filo esagerato, diciamo così. La stampa, tra le altre cose, non ha perdonato la sostituzione forse troppo prematura di Antoine Griezmann. Il francese oggi ha di fatto fornito ulteriori argomenti ai critici, siglando una doppietta da grande opportunista e issandosi a quota 22 nella classifica marcatori.

Nella giornata dedicata ai bambini (circa 10mila presenti sugli spalti del Calderon) e della celebrazione dei 40 anni dalla conquista della Coppa Intercontinentale (il 10 aprile 1975), l’Atletico Madrid ha cominciato di fatto la Champions League 2015-16. Troppo importante reagire e mettere a debita distanza il Valencia, il terzo posto ora è molto più vicino. Non che il 3-0 sia stato entusiasmante, ma mette fieno in cascina e salva l’ambiente dalla “depressione”.

Perché assistere a una gara al Calderon senza la spinta coinvolgente dei tifosi colchoneros è almeno strano. E i primi 45 minuti sono volati via un po’ così, nel silenzio generale, tra i tentativi maldestri e fuori tempo di Fernando Torres che sembra aver esaurito l’entusiasmo iniziale per il ritorno alla casa madre, e il gioco poco profondo dell’Atletico, imbrigliato senza neppure troppa sofferenza dall’ordinata difesa dell’Elche, arrivato nella capitale senza nemmeno urgente bisogno di punti. 

Ci ha messo 55 minuti l’undici di Simeone per sciogliere l’atmosfera. Ci ha pensato Griezmann, rapace nel ribadire di testa la corta respinta di Tyton sulla conclusione volante di Koke, a sua volta innescato da Juanfran. Proprio l’ingresso del terzino della nazionale, al posto dell’infortunato Siqueira, è stato decisivo nel ravvivare la manovra offensiva dei padroni di casa. Col vantaggio in tasca, tutto è divenuto di colpo più facile, complice anche l’atteggiamento di colpo confusionario degli ospiti, con Escribà incredulo in panchina.

Di certo non ha aiutato, poi, l’errore di Tyton in occasione del raddoppio di Raul Garcia: il portiere polacco, comunque autore di un buon campionato, si fa sorprendere sul proprio palo da una conclusione da lontano, potente ma non irresistibile, dell’ex Osasuna. I bimbi esultano, come Antoine Griezmann che trova il tempo di siglare la sua ennesima doppietta in stagione: ancora un gol da opportunista per il talento francese, bravo ad intercettare il cross basso di Saul. Buono anche l’atteggiamento del giovane ex Rayo, bocciato mercoledì sera al Bernabeu dopo 45 minuti anonimi. Come, d’altronde, i 90 minuti di tutto l’Atletico.

ATLETICO MADRID-ELCHE 3-0: 55’e 77′ Griezmann, 63′ Raul Garcia
Atletico Madrid-Elche 3-0 formazioni

About Alfonso Alfano 1751 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.