Argentina, Primera Division: “Pirata” in vetta per un giorno

argentina

ARGENTINA – Remano forte questi “Pirati”. Belgrano re per una notte. Vittoria casalinga per uno a zero contro il Crucero del Norte e momentanea vetta divisa a metà con il Rosario Central che ha pareggiato ancora, nell’anticipo contro l’Estudiantes. “Pincha” che ha ufficializzato Gabriel Milito come allenatore. Altro cambio di panchina, dopo Nueva Chicago, Colon, Atletico Rafaela e Olimpo. Olimpo che ha ufficializzato invece Osella al posto di Perazzo.

Chi siede saldamente al posto di comando, sul ponte più alto e al timone di una squadra rivelazione, è il “Ruso” Ricardo Zielinski, bravissimo allenatore ormai da anni di un Belgrano sempre più protagonista. Stavolta ai “pirati cordobensi” è bastato un “cabezazo” di Obolo al ’45 del primo tempo per piegare la resistenza di un Crucero abbattuto anche dall’espulsione di Dematei nel finale. Nella notte argentina altri risultati importanti, con pochi gol ma molto determinanti.

Da notare la vittoria esterna del Gimnasia La Plata sul campo del Velez Sarsfield, ancora per uno a zero, con il gol di Contreras al ’84, che ha esultato con un bacio alla propria compagna, alla quale ha poi regalato anche la maglia. Gelp che infila il terzo risultato utile e la seconda vittoria consecutiva e che risale la classifica con 12 punti, raggiungendo un irriconoscibile Velez a metà precisa della classifica. Velez che negli ultimi cinque turni ha raccolto solo 4 punti.

Un altro allenatore che se la sta passando male è “El Loco” Martin Palermo che non riesce ancora a incidere sul suo Arsenal de Sarandi. “Viaducto” che perde ancora e lo fa con un due a zero sul campo del Sarmiento de Junin. Luna al ’18 con un tiro da fuori area e la complicità del portiere Andrada e il difensore Peppino al ’73 con un colpo di testa angolato sul bel cross di Cacheiro i gol dei verdi di Sergio Lippi. Sarmiento che si sta comportando benissimo visto il decimo posto in classifica e i quindici punti, mentre l’Arsenal rimane a 6 con sole 4 squadre alle spalle.

Uno dei big match della serata argentina era sicuramente quello che vedeva di fronte l’Huracan in versione 2.0, viste le riserve scese in campo per il fondamentale impegno prossimo in Libertadores e il rinforzato Tigre. Proprio “El Matador” di Victoria l’ha spuntata per due a uno, portandosi al sesto posto con 18 punti. Huracan che invece continua a stentare e a subire le fatiche per il doppio impegno campionato e copa, che obiettivamente sta soffrendo in modo esagerato, visti gli intoppi in entrambe le competizioni. Quasi fuori in Libertadores e soli sette punti in classifica per “El Globo” lo dimostrano. Tigre che invece continua a gonfie vele questo campionato che da pronostici lo dava protagonista. Due a uno maturato con i gol del difensore Gonzalez Pirez di testa da calcio d’angolo su uscita indecisa del portiere Giordano al ’33. Per l’Huracan uomo in meno al ’45 del primo tempo, per il doppio giallo a Distefano e pareggio inaspettato al ’52 con il “Rolfi” Montenegro, anche lui stranamente di testa. Gol vittoria del Tigre con carambola sfortunata del portiere Giordano sul tiro di Bertoglio al ’81.

Altro bellissimo incontro alla vigilia era quello tra Independiente e Argentinos Juniors, finito però senza reti. Zero a zero che fa felice più la squadra ospite allenata da Gorosito, che si sta ben comportando comunque, su un campo difficilissimo come quello di Avellaneda e visto anche il rosso sventolato al difensore Matricardi al ’59. Di sicuro fondamentali le parate di Ojeda, “arquero” del “Bicho”, soprattutto su Mancuello al ’37 del secondo tempo ed ancora su Graciani solo un minuto dopo. Argentinos che segue a 14 punti, in posizione tredici, gli stessi proprio dell’Independiente, in posizione undici.

Infine, il quadro delle partite della notte, ha visto un’altra vittoria esterna e di misura, quella del Temperley che ha espugnato il campo del Defensa y Justicia. E’ bastato solo il gol di Chimino al ’68 per il “Gasolero” ad avere la meglio de “El Halcon”. Chimino, di professione terzino destro, che ha raccolto un cross ampio da sinistra, stoppando e portandosi avanti la sfera per poi esplodere un destro incrociato nell’angolo basso più lontano. Temperley, alla secondo vittoria consecutiva, che sale a 12 punti in sedicesima posizione e lasciando il Defensa a 10 punti e al ventesimo posto.

About Michele Stefanelli 58 Articoli
Laureato in media e giornalismo a firenze. Giornalista, corrispondente e scrittore, passione per il calcio, esperto di calcio argentino e calciomercato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.