HomeEuropaUn italiano dal cuore russo: quanta sofferenza all'Olimpico di Torino

Un italiano dal cuore russo: quanta sofferenza all’Olimpico di Torino

Published on

C’era una volta un italiano. No, non è l’inizio di una barzelletta, ma una storia che val la pena raccontare. Dicevamo, dunque. C’era una volta un italiano, uno un po’ strano e un po’ particolare, che, nel tempo libero, amava seguire il calcio russo. E quest’italiano, un po’ folle, sperava da tempo di poter vedere una squadra russa in Italia, meglio se a Torino, per sua comodità, poco gli importava se fosse la prima o l’ultima della classe. E a volte, si sa, i desideri vengono realizzati: così, dopo mesi di attesa, un giorno, un altro italiano, un po’ pelato, ed un ex portiere polacco, da una pallina magica, estraggono un accoppiamento speciale: Torino – Zenit San Pietroburgo.

Sembra una favola all’italiano strano, che – di corsa – appena possibile compra i biglietti. In tribuna granata, due passi dalla zona stampa, un posto dove poter soffrire in silenzio perchè, il 2-0 dei suoi russi, ottenuto nella lontana terra degli zar, può comunque essere ribaltato. Il clima è amichevole, i tifosi delle due squadre si scambiano sciarpe e saluti al di fuori dell’Olimpico. Dentro, invece, cominciano arrivare i vip: il giornalista Zimmermann, il commentatore Orlov, gente che solo lui – e pochi altri – conoscono. Due parole con Luca Comito e Alberto Farinone (curatori della parte italiana del sito dello Zenit San Pietroburgo), e la partita può iniziare: 28.000 spettatori agitano le loro sciarpe granata al vento al risuonare dell’inno della squadra. Da applausi. Un po’ meno lo è il primo tempo: tante perdite di tempo da parte dello Zenit, qualche errore nella gestione dei cartellini dell’arbitro, uno 0-0 inevitabile.

L’italiano strano tira un sospiro di sollievo. Non ha dovuto esultare da solo in mezzo a centinaia di persone, ma nemmeno vederli gridare tutti quanti. Si prende dieci minuti di relax, una foto con il portiere Vyacheslav Malafeev (attualmente infortunato), prima di vedere la sfida ricominciare. Il Torino spinge, lo Zenit soffre, l’italiano con esso: si toglie le pellicine dalle unghie, annoda continuamente la sciarpa. I granata segnano, l’arbitro annulla e il folle si calma. Il tempo scorre, Lodygin si immola sugli avversari. Poi arriva l’85’: Glik segna di testa l’1-0 e al Torino basta un goal per mandare la sfida ai supplementari. I sei minuti di recupero sono un macigno pesante quanto quello di Tantalo, ma scorrono via, lenti e rapidi allo stesso tempo. Alla fine vincono tutti: lo Zenit passa il turno, il Torino si prende gli applausi di tutto lo stadio che canta ed applaude i suoi beniamini, in una scena che – di calcio italiano – ha ben poco; e l’italiano strano, che ha finalmente visto dal vivo una russa. Tutti (o quasi) felici e contenti. Come in una vera e propria favola.

Latest articles

In Bundesliga ora è Kolo mania, il francese sempre più decisivo

Sabato scorso, contro l'Hertha Berlino, è arrivata anche la prima doppietta in Bundesliga: a...

La situazione nei principali campionati europei

Ormai da più di un mese è terminato il campionato del mondo e tutti...

Statistiche e gare del Mondiale in Qatar 2022

Il Mondiale in Qatar 2022 rappresenta qualcosa di nuovo, da un punto di vista...

Unai Emery lascia il timone del Sottomarino Giallo e soccorre l’Aston Villa

La notizia che non t’aspetti, di quelle che smuovono la cronaca sportiva e non...

Real Madrid 3 Barcellona 1, le pagelle: I blancos di Ancelotti affondano i blaugrana

Andiamo a vedere le pagelle di questo primo Clasico stagionale che consegna la testa...

Il Benfica trionfa sul Boavista 3-0

Sabato 27 agosto il Boavista ospita al Bessa il Benfica per la 4° giornata...

Work in progress per il mercato dei calciatori in Europa

C’è fermento nel calciomercato europeo. Molti colpi sono già stati messi a segno dai...

Viaggio al Estadio de la Céramica di Villareal

Il clima a Valencia è ideale: soleggiato e leggermente ventilato. Abbiamo appuntamento con Besmir...

More like this

Belgio, Club Brugge ripreso nel recupero dallo Standard

Finisce 1-1 lo scontro al vertice della nona giornata di Jupiler League, in Belgio:...

Il leone torna a V-Ibra-Re

Il corpo umano è una macchina complessa che esplora i suoi limiti congiuntamente al...

Coronavirus: cosa sta succedendo negli altri campionati

Se è vero che ogni paese sta affrontando l'attuale crisi sanitaria ed economica in...