L’eutanasia può attendere: l’ultimo desiderio di un tifoso del Brugge

Club Brugge

A volte consideriamo il calcio per molto più di quello che è, i veri problemi dalla vita sono altri. Di banalità ne leggete tante e ci scusiamo se ne aggiungiamo un’altra alla lista, ma a volte il calcio si intreccia ai momenti chiave della nostra esistenza e questo certo non possiamo ingnorarlo. Lorenzo Schoonbaert vede la sua vita sfumare, purtroppo il suo cancro è in stadio terminale, 37 operazioni non sono bastate a migliorare le sue condizioni e non gli resta altro che morire in dignità, possibilità contemplata dall’ordinamento belga. L’eutanasia però può attendere: “Vorrei vedere la mia squadra vincere un’ultima volta, poi me ne andrò in pace”.

41 anni e una passione forte per il Club Brugge, tanto da rinviare l’appuntamento con l’eutanasia. Il Brugge ha ripagato la fedeltà del suo super tifoso con una prestazione maiuscola, un tre a zero che Lorenzo potrà “festeggiare in Paradiso”, come ha detto lui stesso. Tribuna vip e lo stadio che lo onora con striscioni e il coro You’ll never walk alone. Presente anche la figlia di sette anni. “Sono contento come non mai, questo sarà uno splendido ricordo per mia figlia: se lo porterà dentro per tutta la vita. Il mio ultimo sogno è diventato realtà”. L’eutanasia è stata praticata nella notte di martedì, l’ha reso noto la famiglia di Lorenzo.

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.