PSV Eindhoven-Ajax 1-3: i Boeren crollano in casa. Lancieri spettacolari al Philips Stadion

el ghazi psv eindhoven-ajax

PSV Eindhoven-Ajax è la pietanza più deliziosa e ricercata del calcio olandese degli ultimi tempi, le due compagini risiedono rispettivamente in prima e seconda posizione. La rimonta dei lancieri ai danni dei Boeren risulta proibitiva: quattordici punti di distacco sono una lacuna incolmabile, perciò nonostante una possibile vittoria degli uomini di De Boer, le speranze di conquistare il titolo sono davvero poche. L’impegno europeo può avere affaticato le due compagini, ma se da un lato il PSV Eindhoven è stato sconfitto dallo Zenit, dall’altro l’Ajax ha battuto il Legia Varsavia in terra polacca.

Il tecnico Cocu non apporta grandi novità allo scacchiere tattico del suo PSV: viene confermato Isimat-Marin, naturale sostituto dell’acciaccato Rekik. I fari sono puntati sulla coppia De Jong-Depay, il fantastico duo ha siglato complessivamente ventinove reti in questa Eredivisie. L’Ajax si schiera con i suoi proverbiali giovani: Bazoer ha guadagnato un posto da titolare nell’undici titolare dei lancieri ed in attacco El-Ghazi e Kishna sono oramai i punti fermi del reparto offensivo. La retroguardia del PSV Eindhoven dovrà prestare grande attenzione al centravanti Milik, il polacco è stato il protagonista della trasferta europea nella sua terra natale con una doppietta.

Il primo tempo si apre con ritmi alti e con le due compagini che giocano a viso aperto. Il PSV Eindhoven lancia la prima avvisaglia al 13′ con Depay, il numero 7 dei padroni di casa scarica un tiro davvero potente che Cillessen, con qualche affanno, neutralizza in angolo. L’Ajax si presenta dalle parti di Zoet con Milik, il centravanti calcia magistralmente una punizione dai 25 metri, ma il tentativo si spegne sul fondo. Il momento della svolta arriva al 29′: El-Ghazi fugge sull’out di destra e offre un pallone splendido che Kishna non può fallire, inutile l’intervento disperato di Zoet.

Il Philips Stadion è ammutolito. Il PSV reagisce alla rete del centravanti ospite e con Maher va molto vicino al pareggio, ma Cillessen è prodigioso nell’uscita a valanga sul fantasista olandese. Il primo tempo termina sul vantaggio minimo dell’Ajax ai danni dei padroni di casa, sostanzialmente il PSV Eindhoven avrebbe meritato qualcosina in più nell’arco della prima frazione di gioco.

Nella ripresa il PSV Eindhoven esercita una pressione enorme per ritrovare il sospirato pareggio, ma le conclusioni dei Boeren non trovano fortuna. Wijnaldum fa rabbrividire i tifosi dell’Ajax con un colpo di testa, ma il nazionale oranje non è preciso nella conclusione aerea e l’azione si risolve in un nulla di fatto. Cocu inserisce Locadia al posto di Narsingh per aumentare il peso specifico dell’attacco di casa, la mossa sembra pagare quando Luuk de Jong è lesto a sfruttare l’assistenza di Willems e battere di testa Cillessen.La parità si ristabilisce al 76′ grazie all’ex Twente.

Il momento non gioca a favore dell’Ajax, ma la compagine di De Boer sorprende tutti al 82′ poiché Schone è superlativo ad infilare Zoet con un calcio di punizione magistrale. I lancieri si riportano avanti con il danese, che in precedenza aveva colpito una traversa. L’Ajax dilaga al 90′ con El-Ghazi che corona il suo splendido match con una marcatura, dopo l’assist nel primo tempo in favore di Kishna. Il match termina 3-1 in favore dei lancieri che consolidano con una bella vittoria la seconda posizione. In altri frangenti la sconfitta potrebbe destare qualche preoccupazione, ma quest’oggi la compagine di Cocu ha disputato una buona gara ed il vantaggio accumulato durante la stagione è una sorta di assicurazione per questi scivoloni.

PSV EINDHOVEN-AJAX 1-3: Kishna, De Jong (P), Schone, El Ghazi

About Edoardo Battaglion 224 Articoli
Sono nato nella provincia di Treviso nel 1993, ma ho origini olandesi. Sono laureato in Filologia Moderna e Medievale, inoltre attualmente risiedo in Polonia. Sin da bambino il calcio ha esercitato un’enorme influenza sulla mia vita ed è una vivida passione che occupa le mie giornate. Il mio cuore batte per la nazionale olandese ed il NAC Breda. Mi divertono molto i gatti parlanti, la cosmogonia e le birre artigianali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.