Bundesliga, pareggi mozzafiato a Gelsenkirchen e Augsburg, il Mainz vince il Rhein-Main-Derby

bundesliga

BUNDESLIGA – Sabato pomeriggio particolarmente intenso e ricco di colpi di scena, quello vissuto quest’oggi in Bundesliga. Il Bayern Monaco ha fatto un sol boccone della matricola Paderborn, letteralmente demolita con un 6-0 che ben fotografa la disparità di valori in campo. La squadra di Pep Guardiola, in attesa del Wolfsburg (impegnato domani contro il moribondo Hertha), porta a undici il margine di vantaggio dalle inseguitrici e vince ancora di goleada dopo il roboante 8-0 rifilato all’Amburgo sette giorni fa.

HITZ GOLEADOR: L’FCA SOGNA LA CHAMPIONS! – La notizia più sensazionale della giornata, però, arriva dalla SGL Arena di Augsburg, dove la squadra di Weinzierl strappa un insperato pareggio, al quarto minuto di recupero, grazie ad un gol di Hitz, estremo difensore della squadra bavarese. FCA in svantaggio dopo solo otto minuti: Drmic penetra in area e calcia, Hitz respinge difettosamente e favorisce il tap-in, tutt’altro che semplice, dello stesso attaccante elvetico. Il Bayer fallisce alcune ghiotte occasione per raddoppiare. E in avvio di ripresa, viene punito: Baier serve Caiuby, che s’infila nella fragile retroguardia avversaria e batte Leno in uscita.

La partita prende una china favorevole per i padroni di casa, decisamente più in palla, nel secondo tempo, rispetto al Bayer. Ma a sei minuti dal novantesimo, le Aspirine passano in vantaggio grazie a Reinartz, autore di una sassata di sinistro che coglie totalmente impreparato Hitz, leggermente impallato da un compagno di squadra. Il portiere locale, nonostante le evidenti responsabilità in occasione dei due goals, si riscatta ampiamente al quarto minuto di recupero, quando, da azione susseguente ad un calcio d’angolo, batte Leno con una zampata di destro all’interno dell’area piccola. L’Augsburg continua a sognare la Champions, anche se l’eventuale accesso all’Europa League sarebbe miracoloso.

WERDER ALL’ULTIMO RESPIRO – Prosegue il momento d’oro del Werder Brema. La squadra biancoverde non ottiene il sesto successo consecutivo, ma torna da Gelsenkirchen, terreno dove ha vinto solo due volte negli ultimi quindici anni, con un preziosissimo punto. Preziosissimo, per l’appunto, perché colto quando la sconfitta sembrava ormai certa. Dopo un buon avvio, con entrambe le compagini capaci di creare alcune palle-gol, la partita cala d’intensità, anche se lo Schalke, in chiusura di primo tempo, staziona quasi stabilmente nella metà campo ospite. L’equilibrio si rompe al quindicesimo della ripresa: Meyer fa partire un sinistro dal limite dell’area che, complice un disastroso Wolf, s’infila in fondo alla rete. Il Werder prova a reagire, lo Schalke, però, sembra in grado di controllare il match. Al secondo minuto di recupero, però, la squadra di Brema trova l’insperato pareggio grazie a Prodl, che anticipa l’uscita di un imperfetto Wellenreuther e insacca con un colpo di testa in bello stile.

RHEIN-MAIN DERBY AI NULLFUNFER – La partita più sentita della giornata era, senza dubbio alcuno, il Rhein-Main-Derby, sfida che vedeva opposte Mainz e Eintracht Francoforte. I precedenti erano tutt’altro che favorevoli per le Adler del Reno, mai vittoriose sul campo dei Nullfunfer. E anche oggi, come la tradizione impone, i rossoneri sono tornati a Francoforte con le pive nel sacco. Eppure la partita si era incanalata su binari decisamente positivi per gli ospiti, in vantaggio al trentacinquesimo con Aigner, bravo nel rendere vana l’uscita di Karius con un bel destro in corsa. Il calciatore dell’Eintracht esulta zittendo il pubblico della Coface Arena. Ma gli spettatori di fede biancorossa, in seguito, avranno di che esultare. Dopo solo tre minuti, infatti, Clemens insacca al termine di una bella azione palla a terra dei suoi. Nell’intervallo, Schmidt sprona i suoi, che entrano sul rettangolo verde decisamente motivati e, in soli cinque minuti, archiviano la pratica Eintracht: al secondo minuto, Geis sorprende Trapp con una punizione calciata dal lato sinistro, mentre tre minuti più tardi è Malli, su invito di De Blasis, a siglare il goal del 3-1.

ALTRI PAREGGI A FRIBURGO E COLONIA – Il segno predominante della giornata calcistica tedesca è stato, senza dubbio, l'”X”. Oltre ai rocamboleschi pareggi di Gelsenkirchen e Augsburg, sono terminate con la divisione della posta in palio anche le partite di Friburgo e Colonia. Nella prima, la squadra di Streich era chiamata a dar continuità alla bella vittoria di Berlino. Ma così, non è stato. Passati in vantaggio grazie alla marcatura di Höhn, i rossoneri si fanno raggiungere sul pari, sei minuti più tardi, per mano di Volland, autore di una bella conclusione da fuori area. La posizione in classifica del Friburgo, nonostante il secondo risultato utile consecutivo colto oggi, resta critica, con le sole Paderborn e Stoccarda alle proprie spalle. Identico risultato anche nel posticipo delle 18,30 fra Colonia e Hannover, delicata sfida ai margini delle zona-retrocessione: ospiti in vantaggio, al quinto, grazie a Joselù, ma raggiunti, trecento secondi dopo, dalla rete messa a segno da Ujah.

BUNDESLIGA, RISULTATI VENTIDUESIMA GIORNATA

Stoccarda-Borussia Dortmund 2-3, giocata venerdì

Paderborn-Bayern Monaco 0-6

Schalke 04-Werder Brema 1-1

Mainz-Eintracht Francoforte 3-1

Friburgo-Hoffenheim 1-1

Augsburg-Bayer Leverkusen 2-2

Colonia-Hannover 1-1

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.