Fa Cup: Bradford giant-killer, dopo il Chelsea crolla anche il Sunderland! Villans ok

FA Cup Bradford

Tre incontri valevoli per il quinto turno di FA Cup quest’oggi, quattro squadre di Premier League impegnate. E non mancano le sorprese, sennò che FA Cup sarebbe? L’Aston Villa, fresco di avvicendamento in panchina (clicca QUI per saperne di più), manda in campo la formazione migliore contro il Leicester. Villans e Foxes alla ricerca di soddisfazioni per scordare le amarezze del campionato, entrambe le squadre sono infatti in zona retrocessione. Nelle fila del Leicester si vede pure il nuovo arrivato Kramaric. C’è poco da vedere nel primo tempo, dominato da paura e tatticismi, si tira poco e si sbadiglia molto. Nella ripresa il Villa decide di spingere e il Leicester, che nel primo tempo i è affidato all’attento Schwarzer, finisce per soccombere. Bella segnatura di Bacuna al 68esimo, tiro dal limite preciso a battere il portiere. Il Leicester vorrebbe ma non può, Given vive sereno, allo scadere Benteke serve Sinclair per il definitivo due a zero. A poco serve il gol di Kramaric a inizio recupero, ai quarti di FA Cup ci vanno i Villans.

L’FA Cup, lo ripetiamo a costo di stufarvi, è una competizione magica, tutto può accadere e le favole, sempre più rare nel calcio contemporaneo, possono tornare a far notizia. E’ questo il caso del Bradford, ormai diventato l’ammazza-giganti del torneo. Dopo quello del Chelsea, i Bantams raccolgono pure lo scalpo del Sunderland. Quattro a due contro i Blues nel turno precedente, due a zero oggi ai Black Cats, la squadra di League One oggi fa capire l’aria che tira dopo appena tre minuti quando una punizione di Morais porta all’autorete di O’Shea. I 24 mila di un Coral Windows tutto esaurito impazziscono di gioia, i Bantams si esaltano e fanno gioco. Poyet si è molto lamentato per le condizioni del campo, farebbe meglio a pensare alla prestazione dei suoi.

Ben Williams, portiere di casa, viene svegliato da Adam Johnson, un’altra occasione capita a Fletcher che incomprensibilmente nicchia facilitando il recupero della difesa. Il Bradford resta la squadra più pericolosa, gli spazi per le ripartenze ci sono e i Bantams ci si infilano con piacere. Si moltiplicano le occasioni, Mannone ha il suo bel da fare ma contro Jon Stead quest’anno si può solo sventolare bandiera biana. Sempre a segno in questa edizione della FA Cup, l’attaccante classe 83′ (guarda caso, ex Sunderland) approfitta di un errore di Johnson. Ora è festa vera, gli uomini di casa giocano con tranquillità e il fischio finale del signor Kevin Friend è amico di nome e di fatto per il pubblico. Una vittoria meritata, in attesa dei quarti di FA Cup, i Black Cats salutano la competizione con le orecchie basse.

FA Cup, ottavi di finale

Aston Villa-Leicester 2-1
Bradford-Sunderland 2-0

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.