Psg-Caen 2-2: Parigi fa la stupida stasera, clamorosa rimonta ospite allo scadere

http://www.tuttocalcioestero.it/?s=psg

La corsa al vertice in Ligue 1 è entusiasmante, le tre contendenti si danno battaglia. Ieri il Marsiglia, colpito da Ngog nel finale, ha raccolto solo un pari con il Reims. Poteva approfittarne è il Psg, ma la gara contro il Caen è andata diversamente da come potevamo aspettarci. Obiettivo ghiotto a portata di mano: piazzare il Marsiglia alle proprie spalle e mettere pressione alla capolista Lione, impegnata domani. Sarà per un’altra volta, caro Psg. In questi giorni in casa parigina si è parlato un po’ di tutto fuorché di pallone, i risultati si vedono in termini di concentrazione. Cavani non si muove (stando a quanto dice il diretto interessato) questa la notizia del giorno, ma dopo appena due minuti arriva la zampata di un altro bomber.

Sua maestà Zlatan, dopo essersi divertito in compagnia della statua che lo raffigura, abbinando il tutto con frasi in un puro stile Zlatan (come, ad esempio, l’idea di sostituirla alla Torre Eiffel), torna a far quello che a fare meglio. Bravo lo svedese, ma la palla di Cabaye è una favola, Aurier riceve e mette in mezzo per Ibra: Zlatan non perdona. L’ex di Inter, Juventus e Milan si becca pure il giallo per l’esultanza senza maglia. Abbiamo detto della grande giocata di Cabaye, peccato che Yohan sia costretto a lasciare il campo dopo un quarto d’ora. La sua presenza nella sfida di Champions con il Chelsea è a rischio. Dentro Rabiot, che sbaglia qualche pallone di troppo. Il Caen ci prova, ma la prima frazione di gioco è agevole per i parigini. Cinque minuti prima della sosta arriva anche il raddoppio, lo firma Lavezzi. Lucas si infila nella retroguardia avversaria e mette in movimento il Pocho, la botta dell’ex Napoli non lascia scampo a Vercoutre. Si va al riposto sul due a zero in favore del Psg.

Poca fatica nel primo tempo, ci sarebbero state pure le occasioni per il tris, il Psg sente già i tre punti in tasca ed è lecito un po’ di turn-over. Fuori Luiz e dentro il connazionale Marquinhos. Il Caen al rientro in campo prova a far male spingendo sulla mancina. Tutto sommato però sembra l’inizio di un secondo tempo con pochi pensieri per il Psg. Vedrete. Gli ospiti alzano la pressione, Vercoutre fa il resto parando alla grande su Ibra al 60esimo. I parigini continuano a fallire l’occasione per chiudere i giochi, bravura del portiere e tanta imprecisione. All’83esimo anche Sirigu si fa valere, grande coraggio per negare il gol a Kante. Il finale di partita è tutto di marca Caen e, quando siamo proprio in odore di triplice fischio, che succede?

Minuto 89′: palla di Appiah per Salah, che controlla in area prima di piazzare in fondo al sacco. Gara riaperta, ma manca pochissimo. Sono minuti palpitanti, saranno cinque di recupero alla fine. Al Caen ne bastano due. Sì, avete capito bene, nell’arco di tre giri di lancette gli ospiti pareggiano. Gran gol di Bazile, che ci pensa, ci ripensa e poi lascia partire un bel tiro che non lascia scampo a Sirigu. Credeteci o no, finisce così: Psg-Caen 2-2. Dopo il primo tempo sembrava una gra già decisa ma gran merito va al Caen, determinato e coraggioso nel cercare il pari. Il Psg però non si comporta da grande squadra ed è una costante di questa stagione. Sospiro di sollievo per il Marsiglia che resta in seconda posizione.

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.